Ecclestone: "I piloti non devono parlare. Salgano in macchina e guidino"

condivisioni
commenti
Ecclestone:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
05 apr 2016, 10:43

Mister E attacca i piloti di Formula 1: "Non ho mai visto uno di loro rinunciare ad un dollaro per lo sviluppo della categoria. E se si va a cena con uno di loro è certo che non pagano il conto".

Bernie Ecclestone
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Alex Wurz, Williams Driver Mentor and GPDA Chairman
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 Team
Il vicitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team W07

La GPDA (l’associazione dei piloti di Formula 1) ha recentemente fatto risentire la sua voce in merito alle vicende politiche che stanno animando la Formula 1 in questa prima parte del Mondiale 2016.

Non è tardata la risposta di Bernie Ecclestone, che senza troppi giri di parole ha attaccato i piloti dicendo che non dovrebbero avere alcuna voce in capitolo quando si parla di regolamenti.

“Quali altri interessi hanno i piloti oltre a quello di guadagnare il massimo possibile? – ha tuonato Mr.E in un’intervista concessa alla Espn – non credo che siano interessati ad aiutare lo sviluppo della Formula 1. Non ho mai visto uno di loro rinunciare ad un dollaro per la categoria. E se si va a cena con un pilota di sicuro non paga il conto. Non dovrebbe essere permesso loro di parlare, devono salire in macchina e guidare”.

Ecclestone è tornato anche sulla sua uscita dello scorso inverno, quando affermò che non avrebbe mai comprato dei biglietti per assistere con la famiglia ad un Gran Premio di Formula 1.
“Mi hanno attaccato per quanto ho detto – ha risposto Bernie – ma ho espresso un’opinione che confermo. Prima ancora di andare in pista si sa già chi sarà il vincitore ed il secondo classificato: perché dovrei andare con mia moglie e due bambini, o con la moglie di qualcun altro per assistere ad corsa di cui conosco già l’esito?”.

 

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Ultime notizie