Ecclestone conferma che Chase Carey ha preso il suo posto di CEO in F.1

Bernie Ecclestone ha rivelato di aver perso il suo ruolo al vertice del F1 Group ed è stato sostituito da Chase Carey di Liberty Media. Gli è stato offerto una sorta di ruolo da Presidente Onorario, ma Mister E ha preferito andarsene.

Bernie Ecclestone, 86 anni, ha ammesso di aver perso la carica di CEO del F1 Group nella quale è stato sostituito da Chase Carey.

Mister E aggiunge che gli è stato offerto un ruolo da Presidente Onorario, ma ha riconosciuto di non sapere quale sarà il suo ruolo.
"Oggi sono stato spodestato - ha detto ad Auto Motor und Sport – E me ne sono semplicemente andato. È ufficiale. Non sono più il capo della società. La mia posizione è stata presa da Chase Carey”.

"La mia nuova posizione è legata a quei termini americani. È un qualcosa di simile a una presidenza onoraria. Ho questo titolo adesso, anche se non so che cosa significhi".

Alla domanda sul suo futuro, ha risposto: "I miei giorni in ufficio ora saranno più tranquilli. Forse andrò una volta o l'altra a vedere un Gran Premio nel futuro. Ho ancora molti amici in Formula 1. E ho ancora abbastanza soldi per permettermi di andare ad una gara".

Ecclestone non si aspetta di mantenere il voto nel Consiglio Mondiale della FIA.
"Ne dubito. Ma prima di tutto, di questo ne devo parlare con Jean Todt".

L'annuncio sarà ufficializzato domani da un comunicato stampa nel quale verranno resi noti anche i ruoli di Ross Brawn, che si occuperà degli aspetti sportivi, e di Sean Bratches, ex uomo ESPN, che invece si occuperà dalla parte commerciale.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag bernie ecclestone