È ufficiale: la pole di Rosberg è sotto investigazione da parte della FIA

La FIA ha convocato Rosberg dai commissari sportivi entro le 19,45 con un rappresentante della Mercedes per spiegare perché non ha rallentato davanti alle bandiere gialle per il testacoda di Alonso. Rischia l'annullamento del tempo.

Nico Rosberg adesso è sotto investigazione da parte della FIA. Il pilota tedesco dovrà presentarsi dal collegio dei commissari sportivi entro le 19,45 con un rapresentate della Mercedes per giustificare il suo comportamento durante la Q3 del GP d'Ungheria in quanto non avrebbe rallentato abbastanza in presenza della McLaren di Fernando Alonso in testacoda in una zona pericolosa.

Completando il giro che gli altri piloti hanno abortito, Nico ha centrato la ventiseisima pole position della sua carriera che adesso viene messa in seria discussione. Secondo un report emesso dal collegio dei commissari sportivi (ne fa parte anche Alan Jones in qualità di ex pilota) alle 19:16 il risultato di oggi torna in discussione.

Nico Rosberg non avrebbe rallentato alle 15:54 davanti alle bandiere gialle contravvenendo all'allegato dell'Appendice H, articolo 2.4.5.1 b) del Codice Internazionale Sportivo della FIA. In ballo c'è una posizione in griglia: se i commissari sportivi dovessero punire il tedesco, il poleman verrebbe retrocesso in seconda posizione con l'annullamento del tempo che è valso la partenza al palo.

Ma chi ha scatenato il provvedimento della FIA? Certamente la Red Bull Racing, ma anche Lewis Hamilton è molto interessato a quale piega prenderà la questione. Dopo l'incidente di Jules Bianchi si torna a parlare di bandiere gialle e il provvedimento che verrà eventualmente preso avrà un grande valore per il futuro...

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Hungaroring
Piloti Nico Rosberg
Team Mercedes
Articolo di tipo Ultime notizie