Domenicali: "La partenza del GP? Nessuna pressione commerciale"

Il CEO della F1 ha smentito categoricamente che dietro la volontà di disputare tre giri dietro la safety car ci siano state pressioni commerciali ed ha aperto ad un rimborso per i tifosi presenti in circuito.

Domenicali: "La partenza del GP? Nessuna pressione commerciale"

Dopo un lungo ritardo dovuto alle condizioni meteo il GP del Belgio alla fine è iniziato dietro la safety car, ma è stato poi fermato dopo soli tre giri. Questo è stato sufficiente per garantire che metà dei punti del campionato del mondo potessero essere assegnati ai primi 10.

Alcuni hanno suggerito che la F1 abbia voluto far partire la gara ufficialmente per garantire che l'accordo commerciale con il promotore di Spa fosse rispettato, ma quando Motorsport.com ha chiesto a Domenicali  se la mancata disputa della corsa avrebbe avuto un impatto sull'accordo il CEO della F1 ha negato questa ipotesi.

“Assolutamente no. Posso smentire categoricamente che dietro la scelta di partire ci siano state pressioni commerciali”.

Alla domanda se la F1 avrebbe ottenuto ugualmente il pagamento della quota da parte degli organizzatori della gara anche in caso di mancata partenza, Domenicali ha precisato: “Assolutamente. Per questo motivo ho detto che considerare il via della gara come un qualcosa di collegato ad un rapporto commerciale è sbagliato”.

Domenicali ha poi mostrato pieno sostegno alle scelte prese ieri da Michael Masi, sia nel posticipare la partenza sia nell’interrompere la corsa dopo appena tre giri.

“Per il pubblico, ovviamente, è stato un peccato perché tutti vogliono vedere una vera gara, ma credo che le decisioni prese dalla direzione gara siano state corrette”.

“C’era il desiderio e la volontà di correre e si è attesa la giusta finestra temporale per poter scendere in pista. Purtroppo appena sono ripartiti i commenti sono stati abbastanza chiari. Nonostante la delusione per tutti, credo che i termini di gestione sia stata la cosa giusta da fare”.

Quando gli è stato chiesto se avesse un messaggio per i fan che hanno pagato il biglietto ed hanno atteso per ore sotto la pioggia un GP che non si è mai disputato, Domenicali ha risposto: “Purtroppo non possiamo controllare il tempo”.

“Non è stato un problema di giri percorsi. La direzione gara ha cercato di fare il massimo per far disputare la corsa, ma ci sono state una serie di circostanze sfortunate”.

“Bisogna considerare le condizioni di sicurezza per tutti. Il primo ad essere deluso sono io, ma ci sono circostanze in cui non è possibile correre”.

Domenicali ha poi affermato che la F1 lavorerà in sinergia con gli organizzatori del GP del Belgio per cercare di rimborsare i tifosi.

“E’ un qualcosa di cui possiamo discutere. Non siamo noi a mettere i biglietti in vendita, ma un gesto di attenzione nei loro confronti potrebbe essere preso. Purtroppo la gara non c’è stata. Sono certo che gli organizzatori stanno già valutando delle idee”.

Domenicali ha poi confermato come sarebbe stato impossibile posticipare la gara al lunedì così come spesso avviene negli Stati Uniti.

“Per motivi logistici, e per molte altre ragioni come la disponiblità dei commissari, non è possibile programmare la gara per il giorno dopo. Ovviamente ci abbiamo pensato ma non è stato possibile. Siamo stati in stretto contatto con gli organizzatori per seguire tutto il processo decisionale”.

condivisioni
commenti
GP del Belgio: la gara farsa dettata dalla logica dei soldi

Articolo precedente

GP del Belgio: la gara farsa dettata dalla logica dei soldi

Prossimo Articolo

F1 2021: gli orari TV di Sky e TV8 del GP di Olanda

F1 2021: gli orari TV di Sky e TV8 del GP di Olanda
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021