Domenicali capo di F1: l'uomo giusto al posto giusto!

Il CEO di Lamborghini ed ex team principal della Ferrari approda al ruolo che è stato di Bernie Ecclestone a capo della Formula 1. Il compito a cui sarà chiamato l'imolese di 55 anni non sarà affatto facile, ma è certamente un manager rappresentativo che conosce le esigenze dei grandi Costruttori, la vita del paddock e le contraddizioni del Circus.

Domenicali capo di F1: l'uomo giusto al posto giusto!

Quello di Stefano Domenicali non è un blitz, ma una trattativa lunga che è durata diverse settimane. Gli americani di Liberty Media non volevano fare passi nel vuoto con il successore di Chase Carey, il presidente e CEO di Formula 1.

Il baffone ha completato il suo ciclo garantendo la ripartenza del mondo dei GP dopo il lockdown dovuto al Coronavirus. Chase ha avuto il merito di chiudere in agosto l’accordo per il rinnovo del Patto della Concordia che dovrebbe dare stabilità alla F1 con l’introduzione di una diversa e più equa ripartizione dei premi e con il Budget cap che limiterà i costi.

I proventi di F1 in questo 2020 bisestile sono crollati, per cui il compito di Stefano Domenicali sarà difficile, molto difficile, ma John Malone ha scelto l’uomo giusto al momento giusto.

L’imolese di 55 anni lascerà la Lamborghini dopo aver portato il marchio di Sant’Agata Bolognese al suo massimo fulgore con l’introduzione del SUV Urus che ha aperto nuovi mercati al Toro con un incremento del giro d’affari del 28%. Esce dal Gruppo Vw a testa altissima, dopo che in Audi solo il Dieselgate aveva affossato l’ingresso dei tedeschi in F1. Il piano era pronto ed era stato accantonato.

Stefano ha maturato una grande esperienza tanto da meritarsi l’attenzione per ruoli di prestigio come l’NBA o la direzione delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. Ha preferito restare nel mondo delle quattro ruote, seguendo il richiamo della F1. Non poteva ambire a un ruolo più prestigioso: dovrà proseguire il lavoro che era stato cominciato da Bernie Ecclestone e ereditato da Chase Carey.

Siamo stupiti che un italiano che arriva al vertice della F1 non abbia meritato un richiamo in prima pagina di tutti i quotidiani, restando la notizia relegata nelle pagine dello sport (non sul Corriere dello Sport): è la riprova di come il nostro Paese non sappia valorizzare il buono che c’è e che all’estero è molto apprezzato. Certo, Stefano ha fatto del basso profilo il suo credo, ma questo non toglie nulla alla sua rappresentatività.

Dicevamo che l’approdo di Domenicali a Londra nella sede di F1 a St. James Market non è frutto di una decisione repentina, ma di una trattativa lunga che ha coinvolto anche le squadre che hanno dato il loro pieno assenso alla scelta di Liberty Media. Nessuna controindicazione perché il Circus torna nella mani di chi non conosce solo il mondo della comunicazione o della finanza, ma è ben radicato nella vita del paddock dei GP.

Stefano è un “racer” che è arrivato a essere team principal della Ferrari dopo aver fatto una lunga trafila nella squadra del Cavallino. Ha fatto parte del dream team dell’era Schumacher con Jean Todt, presidente FIA, e Ross Brawn, direttore sportivo di F1.

La Scuderia ritrova un personaggio che ne conosce la storia e il prestigio (era stato corteggiato per un rientro a Maranello, ma non se n’è fatto nulla perché non si è liberato il ruolo che avrebbe meritato) e nel mondo inglese questo orientamento dei vertici con il Cavallino ha fatto storcere qualche bocca.

Ma il ruolo di Domenicali non sarà quello di compiacere la Ferrari, quanto assicurare alla F1 una ripresa dopo la crisi del COVID-19. Chase Carey nel rinnovo del Patto della Concordia ha fatto una concessione molto pericolosa: permette ai team di lasciare il Circus con il preavviso di nemmeno un anno sull’uscita senza il pagamento di alcuna penale, mentre un team che volesse entrare dovrebbe mettere a disposizione di quelli esistenti 200 milioni di euro come fee di ingresso.

La F1 vorrebbe diventare un circolo chiuso autofinanziato da sponsor e diritti tv. Ma come c’è la clausola d’uscita (ci pensa Mercedes?) si devono porre delle condizioni affinché grandi Costruttori possano avere interesse a mettere piede in F1.

Si vocifera di un interessamento del Gruppo Vw se non arriverà un’altra mazzata a seguito del Dieselgate: Domenicali potrebbe essere una garanzia per l’ingresso dei tedeschi nel Circus e, questo, probabilmente potrebbe trascinare anche la BMW.

Domenicali dovrà rendere la F1 attrattiva per nuovi marchi: non crediamo che le monoposto 2022 saranno una risposta o una panacea, ma ci sarà tempo e modo di correggere il tiro introducendo a livello tecnico dei temi di ricerca che potrebbero avere una rapida ricaduta sul prodotto di serie, cercando nuove sfide che vadano oltre le power unit.

condivisioni
commenti
Mercato F1: Perez e Haas, prove d’accordo!

Articolo precedente

Mercato F1: Perez e Haas, prove d’accordo!

Prossimo Articolo

Whitmarsh nel consiglio della Commissione Hamilton

Whitmarsh nel consiglio della Commissione Hamilton
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021