Dilemma McLaren: Button o Vandoorne per il 2017?

Come accade ormai da tre anni, la squadra inglese si sta interrogando sulla possibilità di sostituire l’ex campione del Mondo dopo sette stagioni di collaborazione. In ballo questa volta c’è il contratto di Vandoorne.

Quale futuro attende Stoffel Vandoorne? Sulla carta nessuno tra i giovani merita come il belga un volante da titolare in Formula 1, e tutto sembra indirizzare ad un suo ruolo di pilota titolare nel 2017, al fianco di Fernando Alonso. Ma il condizionale non è casuale, perché ancora una volta il legame tra la McLaren e Jenson Button non sembra così semplice da sciogliere.

Due anni fa (dopo il GP di Abu Dhabi 2014) il campione del Mondo 2009 sembrava destinato a lasciare il team in cui milita da ben sette anni. Dopo la corsa che concluse il Mondiale ci fu anche una serata per celebrare la sua partenza, ma Kevin Magnussen (che sembrava certo della conferma nel ruolo di titolare nel 2015) si ritrovò in panchina.

Anche lo scorso anno si verificò una situazione simile, con il neo-campione GP2 Vandoorne pronto a salire di categoria. Ma ancora una volta la McLaren scelse di restare legata a Button, e Vandoorne si è accontentato del ruolo di riserva. Nel paddock si motivò la scelta come una precauzione contro i mail di pancia di Alonso (eravamo nel periodo in cui Fernando disse via radio “this is a GP2 engine”….) .

Questa tuttavia dovrebbe essere l’ultima stagione di Button in seno al team inglese, perché in caso contrario la McLaren potrebbe perdere tutti i diritti contrattuali che detiene su Vandoorne. Nel paddock si sussurrano due scadenze: 30 settembre o 1 novembre. La scadenza impone a Ron Dennis ed Eric Boullier di comunicare a Vandoorne le scelte relative al suo futuro. E se il belga non dovesse essere promosso nel ruolo di pilota titolare, avrebbe la possibilità di svincolarsi.

E Button? Sul tavolo delle trattative ha ancora carte importanti da giocare. Ad iniziare da una performance che tiene botta anche nel confronto impegnativo con Alonso, passando per una totale disponibilità alle “PR” che piace tanto agli inglesi, fino alla sua relazione di vecchia data con la Honda, un aspetto quest’ultimo che pesa moltissimo nella McLaren attuale.

Ma Jenson si è comunque mosso cercando un piano “B”, perché la sua voglia di restare in Formula 1 è tutt’altro che esaurita. Button ha parlato con Williams e Renault, ma in cuor suo non ha ancora escluso del tutto la possibilità di disputare quella che sarebbe l’ottava stagione consecutiva con il team di Woking.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Jenson Button , Stoffel Vandoorne
Team McLaren
Articolo di tipo Ultime notizie