Delusione Verstappen: "Terzo? Non è il risultato che volevo"

L'olandese della Red Bull ha pagato 4 decimi di ritardo dal crono di Lewis Hamilton ed il team di Milton Keynes è andato in crisi con le temperature elevate dell'asfalto cambiando al volo strategia in Q2 per timore di non passare il taglio con le medie.

Delusione Verstappen: "Terzo? Non è il risultato che volevo"

Le scorie delle polemiche per quanto avvenuto due settimane fa a Silverstone non sono ancora alle spalle, ma per Max Verstappen e la Red Bull il risultato della qualifica dell’Hungaroring fa quasi male quanto lo zero in classifica racimolato in Inghilterra.

Il leader del campionato, infatti, non ha mai trovato il feeling necessario con la sua vettura ed in Q3 ha chiuso con il terzo crono in 1’15’’840 a 4 decimi di ritardo da Mr. 101 pole, Lewis Hamilton.

Ciò che fa più impressione a guardare la classifica dei tempi è proprio il gap dalla Mercedes numero 44. Che la Red Bull non avesse trovato la giusta strada tecnica in questo weekend lo si era intuito già dal venerdì, quando con temperature dell’asfalto di 60 gradi Verstappen aveva faticato col grip.

Lo stesso problema si è ripetuto oggi. Anche in questo caso l’asfalto ha fatto registrare una temperatura vicina ai 60 gradi ed il team 4 volte campione del mondo è entrato in crisi per trovare l’assetto corretto.

A sottolineare la situazione di crisi in casa Red Bull c’è anche il cambio di strategia dell’ultimo minuto adottato con Verstappen. L’olandese, infatti, ha passato il taglio del Q2 con le gomme rosse, a differenza delle Mercedes, e domani sarà obbligato a prendere il via proprio con le soft.

Il Verstappen che si è presentato ai microfoni al termine di questa qualifica è una Max certamente deluso. Il leader del campionato aspettava la gara di Budapest per riscattarsi dopo l’amarezza di Silverstone, ma la realtà è stata dura da digerire.

“E’ difficile capire da dove derivi questo gap, ma senza dubbio siamo stati dietro le Mercedes per tutto il weekend e questo rapporto di forze è stato confermato in qualifica. Siamo lì, in terza posizione, ma sicuramente non è il risultato che volevo”.

Max domani avrà una sola, grande, opportunità per tentare di scavalcare Bottas e provare l’attacco ad Hamilton: la partenza. L’olandese dovrà sfruttare al meglio il vantaggio della maggiore trazione offerto dalle Pirelli rosse, ma il finlandese della Mercedes farà di tutto per proteggere coprire le spalle a Lewis.

“Con le gomme soft avremo un grip maggiore, ma scopriremo domani se è stata una scelta corretta. In gara farà molto più caldo e la gomma soft non durerà quanto la media. Noi, però, avremo una buona opportunità al via”.

Verstappen ha poi spiegato il perché del cambio di strategia in corsa durante il Q2, e la spiegazione ha lasciato basiti. Max, infatti, ha affermato come il team temesse di non riuscire a passare il taglio con il crono ottenuto con le medie.

“Con le medie non miglioravamo così come stavano facendo gli altri piloti con le Pirelli rosse. Avremmo rischiato di non passare il turno, quindi siamo stati costretti anche noi a passare alla soft”.

 

condivisioni
commenti
GP Ungheria: Hamilton a quota 101 pole position

Articolo precedente

GP Ungheria: Hamilton a quota 101 pole position

Prossimo Articolo

Hamilton: "Red Bull al via con le soft guadagna 5 metri!"

Hamilton: "Red Bull al via con le soft guadagna 5 metri!"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021