Ricciardo: "Mi riconosco nel tasso del miele: è dolce e carino, ma quando deve cacciare è un killer"

condivisioni
commenti
Ricciardo:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
06 dic 2018, 11:50

Il pilota australiano ha ripercorso gli 11 anni che lo hanno legato al marchio Red Bull in un podcast pubblicato dalla squadra di Milton Keynes subito dopo l'ultimo saluto della scorsa settimana. Il bilancio di Daniel è davvero interessante.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, posa per una foto con una moto KTM
Max Verstappen, Red Bull Racing e Daniel Ricciardo, Red Bull Racing parlano al team Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, Valteri Bottas, Mercedes AMG F1
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 precede Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-18 ed Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Il team Red Bull con un messaggio per Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, nel garage
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing e Mark Cavendish, ciclista, ad un evento Pirelli
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Tifosi di Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14

L’addio dell’anno è senza dubbio quello di Daniel Ricciardo alla Red Bull. Un divorzio che è stato il culmine di criticità che l’australiano ha mascherato fino alla fine, per una forma di riconoscenza nei confronti di una squadra e di un’azienda che in undici anni gli ha consentito di trasformare una giovane promessa del karting in un top driver di Formula 1. La Red Bull ha dato molto a Ricciardo, ma Ricciardo a modo suo si è sdebitato, non solo in pista, tenendo i panni sporchi in casa e sfoggiando sempre un sorriso mai di circostanza.

“Non lascio a testa bassa, ma saluto con buon rapporti con tutti portandomi dietro dei bei ricordi”, ha sottolineato al termine della sua ultima giornata trascorsa nella sede Red Bull Racing di Milton Keynes, salutando quella che per undici anni è stata la sua famiglia sportiva. Ha indossato i colori ufficiali del gruppo che lo ha accompagnato dalle formule minori fino alla vittoria in Formula 1, mettendosi in borghese poco prima di salire in macchina. Ma prima dell’ultimo saluto ha riassunto in un podcast la sua storia sportiva rispondendo alle ultime domande da pilota Red Bull, non senza un pizzico d’emozione.

Il momento dei saluti è arrivato….
“Sembra essere reale, è vero, e non posso dire di non essere un po' triste. Mi aspetta un’ora e mezza in auto, da solo, e sono certo che sarà un momento in cui ripenserò a tante cose. Ma alla fine è stato un periodo lungo e divertente, mi è piaciuto”.

È stata una giornata emozionante?
“Credo che sia uno di quei momenti che ognuno di noi vorrebbe vivere, è stato molto emozionante. Mi hanno fatto dei bellissimi regali, è stato un bel giorno. Nel nostro sport si guarda sempre avanti, alla prossima sfida, ma in certi momenti è bello anche voltarsi e vedere da dove sei partito, al percorso che hai fatto per arrivare dove sei, ed oggi è uno di quei giorni. Ho ripensato a tutto il tempo trascorso qui, come parte della famiglia Red Bull, ma non solo. Ho firmato il mio primo contratto con Red Bull undici anni fa, disputando dieci stagioni di gare con questi colori”.

Un percorso iniziato undici anni fa con la decisione di lasciare l’Australia per inseguire i tuoi sogni…
“Ricordo che avevo un sacco di pensieri in testa perché non ero veramente convinto delle mie capacità. Non avevo grande dimestichezza con aeroporti ed aerei, ma mi sono ritrovato in viaggio verso un paese straniero, inseguendo un sogno ed una vita che alla fine ha coinvolto tanti degli aspetti in cui non mi sentivo sicuro. Ero un ragazzo giovane ed ingenuo, ma questo è stato un vantaggio, perché con il modo di vedere le cose che ho oggi…probabilmente mi sarei tirato indietro. Alla fine è maturata la decisione di provarci, ma non è stato facile. Rispetto a Milton Keynes, il luogo da cui provenivo era un hotel a cinque stelle!”.

Facciamo un passo avanti, alla chiamata che ti ha portato ad essere pilota della Red Bull Racing...
“Era ciò che avevo inseguito per anni. Dopo aver firmato il contratto iniziale per la Red Bull, alla fine del 2007, l'obiettivo finale era quello di riuscire a meritarmi un sedile nel team ufficiale. A metà 2013 ho avuto la conferma che quel posto sarebbe stato mio per la stagione successiva, ed è stata una chiamata arrivata nel momento che avrei scelto io se avessi potuto farlo! Ero strafelice, ma sapevo che la parte difficile stava per arrivare. Ad aiutarmi molto è stata l’accoglienza del team, mi sono subito sentito a mio agio, anche se sapevo che probabilmente non tutta la squadra era convinta che io fossi la scelta giusta, perché ero ancora molto giovane e non avevo dimostrano granché. Ma sapevo dentro di me di essere pronto, e quella chance era tutto ciò di cui avevo bisogno”.

Leggi anche:

La mia prima gara in Australia è stata un passaggio importante...
“Sì, è stata molto importante per la fiducia in me stesso ma credo anche per chi nel team non era convinto che fossi all’altezza del compito. È stata una sorta di presentazione che mi ha aiutato molto, aver terminato la mia prima gara con la Red Bull in seconda posizione è stata una risposta cruciale. Ricordo che nel team erano entusiasti di avere un pilota che si era posto sui livelli di Seb, ed anche se qualche ora dopo la gara siamo stati squalificati, dal mio punto di vista non è cambiato poi molto”.

Leggi anche:

La stagione 2014 è andata probabilmente oltre le tue più rosee aspettative...
“Guardando indietro sì, non ho più vinto tre gare in una sola stagione da allora. È stato pazzesco, arrivammo a Monaco e mi qualificai terzo, davanti a Seb, ma non ero felice perché sapevo che avrei potuto ottenere la pole, e questo testimoniava quanto ormai sentissi di poter dare. Tutto è cambiato in fretta, e a fine stagione il bilancio è stato estremamente positivo”.

Sei diventato il tasso del miele…
“Si, la definizione in quel momento era perfetta. Ero visto come un ragazzo simpatico, sorridente e gentile, ma molta gente non immaginava la fame di risultati che avevo e cosa ero disposto a fare per ottenerli. Il tasso del miele è un animaletto curioso e carino, ma quando arriva il momento della caccia diventa un killer, e diciamo che in questo aspetto mi ci riconoscevo”.

Il 2015 è stato però un anno più in salita del previsto...
“Sono successe tante cose in quella stagione, alcune delle quali a livello personale. La scomparsa di Jules mi ha colpito molto più di quanto avrei mai pensato. È stato un momento particolare della mia vita, in cui ho fatto dei cambiamenti che in un certo senso hanno modellato ciò che sono oggi. In pista eravamo in difficoltà, pensare di ottenere un podio era un risultato enorme per la squadra, e a Budapest ci siamo riusciti, in un weekend molto particolare”.

Poi arriva la prima pole a Monaco 2016...
“È stato fantastico. Sono però passato da uno dei migliori momenti della mia carriera ad uno dei peggiori nel giro di 24 ore…con il pit-stop che mi ha tolto una vittoria che sentivo già mia. Ma più avanti, nel corso dell’anno, ho vinto in Malesia dopo una bella battaglia con Max e poi, due anni dopo ho ottenuto la mia vittoria a Monaco...

È stato un successo più ‘dolce’ di quanto pensassi?
“Sì. Da quando due anni prima avevo perso la possibilità di vincere, sapevo che avrei avuto un’altra chance, non ero così vecchio da pensare che sarebbe stata l’unica. Ma allo stesso tempo avevo fretta di riuscirci, e quando ci sono riuscito è stato molto, molto dolce. Vedere tutto il team intorno alla nostra piscina che abbiamo sempre a Montecarlo è stato emozionante, tutta la squadra lo era”.

Non è stata però una gara proprio in discesa…
“Il tasso del miele è venuto fuori, ma in un modo diverso. Non è stato divertente, per nulla, solo a dieci giri dalla fine ho iniziato a pensare che nessuno mi avrebbe tolto di mano quella vittoria. Ad un certo punto ho sentito Simon, il mio ingegnere, un po' preoccupato, ma sentivo che in qualche modo avrei spinto la macchina fin sotto la bandiera a scacchi, e così è stato”.

Dopo quella vittoria è iniziata però una stagione diversa, probabilmente la peggiore che hai vissuto in Formula 1...
“Sì, è stato così, più difficile del 2015, soprattutto fuori dalla pista. Ci sono state persone che mi hanno aiutato, altre meno, e molte altre cose. Il tempo dirà”.

La miglior gare che hai disputato?
“Budapest 2014”

Il miglior sorpasso?
“Uno dei migliori è certamente Monza 2014 su Seb. Non so se in molti ci avrebbero provato, anche a causa del rischio che comportava nei confronti di un compagno di squadra”.

Il momento migliore?
“La vittoria a Monaco, che poi è anche la mia ultima vittoria per ora. Diciamo che i festeggiamenti sono durati qualche giorno, e se mi svegliavo di notte mi dicevo…’Wow, ho vinto!’”.

La delusione maggiore?
“Sempre 2018, Austin. C’erano molti amici presenti quel weekend, e avrei voluto godermi qualche bel momento con loro dopo la gara. Ma non sono riuscito a togliermi in fretta dalla mente la delusione di quella gara”.

Il messaggio radio preferito al tuo ingegnere Simon?
“In Brasile abbiamo fatto qualcosa che non avevamo mai fatto prima nei nostri cinque anni insieme. L’ho chiamato per dirgli che stavo per attaccare Bottas, che seguivo da parecchi giri senza riuscire a passarlo. Gli ho detto: ‘Questo giro vado!’, ma a metà rettilineo non ero proprio vicino alla Mercedes, e non ero sicuro di poter attaccare. Poi però ho pensato che ormai mi ero esposto, il team-radio lo avevano sentito tutti, così ci ho provato e…ci sono riuscito. È stato un bel momento”.

La canzone che ricorderai di questi anni?
“Line of Sight, degli Odesza. L’ho ascoltata per molto tempo sulla griglia prima del via, mi ha sciolto prima della gara, ed ha sempre funzionato. Se dovessi riguardare un album con le foto di questi anni, quella sarebbe la colonna sonora”.

Prossimo Articolo
Esclusivo: l'Halo ha evitato che Leclerc fosse colpito sulla visiera nell'incidente di Spa!

Articolo precedente

Esclusivo: l'Halo ha evitato che Leclerc fosse colpito sulla visiera nell'incidente di Spa!

Prossimo Articolo

Fotogallery: le vittorie di Daniel Ricciardo con la Red Bull Racing

Fotogallery: le vittorie di Daniel Ricciardo con la Red Bull Racing
Carica commenti