Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
111 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
153 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
167 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
181 giorni

Coronavirus: mercoledì la decisione sul GP di Cina di F1

condivisioni
commenti
Coronavirus: mercoledì la decisione sul GP di Cina di F1
Di:
4 feb 2020, 09:43

Lo Strategy Group deciderà mercoledì se disputare regolarmente, posticipare o addirittura eliminare dal calendario del Campionato del Mondo 2020 di Formula 1 il Gran Premio della Cina a causa dell'orma famoso Coronavirus

Come dice il noto Professor Roberto Burioni, “preferisco un paese che sovrastima un'emergenza ad uno che la sottostima”. E da quanto sta emergendo in queste ore, anche il mondo del motorsport sembrerebbe intenzionato a sottoscrivere la prima ipotesi.

Leggi anche:

Il Coronavirus, lo diciamo per dovere di cronaca, sta spingendo il mondo verso una spirale allarmistica con pochi altri precedenti nella storia recente: a fronte di un numero di contagiati che supera i ventimila casi, si sono registrati circa 400 decessi: un numero pari al 2.1% di mortalità. Indice relativamente basso, se – fonti OMS – lo si confronta con un 15% della meningite, il 12% della SARS o addirittura un 5-10% dell'influenza stagionale grave.

Ma, come detto, la prevenzione non è mai troppa: così lo Strategy Group, nella riunione indetta per mercoledì 5 febbraio, è pronto a prendere provvedimenti importanti: posticipare o addirittura cancellare dal calendario iridato il Gran Premio della Cina.

La F1 seguirebbe così la Formula E, che nelle scorse ore ha comunicato di aver posticipato a data da destinarsi l'ePrix di Sanya, previsto per il 21 marzo.

Intervistato da Motorsport.com sull'argomento, il Team Principal Red Bull Christian Horner si è dimostrato cauto ma deciso. “Al momento non possiamo verificare in loco la situazione perché, semplicemente, non possiamo far raggiungere la destinazione a nessuno”, dichiara il manager.

“La FIA è il legislatore, Liberty Media è l'organizzatore: sono responsabili per la salute di tutti. Non solo dei piloti, ma anche dello staff, di tutte le persone in viaggio e dei media. Sono sicuro che arriveranno alla decisione corretta dopo aver vagliato tutte le opzioni e, soprattutto, essersi informati a dovere. Sia chiaro il fatto, però, che anche noi come Strategy Group stiamo monitorando la situazione e ne parleremo nella riunione prevista per mercoledì”.

Alcuni rumors interni vociferano di un possibile scambio in calendario tra il GP di Russia e quello della Cina, con il circuito di Shanghai che ospiterebbe l'evento il 27 settembre. Ciò lascerebbe margine agli organizzatori e soprattutto al Governo di Pechino per arrivare – si spera – ad una soluzione o ad una situazione più tranquilla. Dalla Russia tuttavia fanno sapere che per loro la questione sia fuori discussione, come conferma un portavoce della compagnia organizzatrice: “La data del Gran Premio di Russia 2020 non sarà soggetta a nessun cambiamento”.

Predica calma Max Verstappen. “Al momento la situazione non sembra rosea, ma non sono troppo preoccupato visto che di tempo ne abbiamo ancora parecchio”, dichiara il pilota Red Bull a Motorsport.com. “Come ha detto Christian, aspettiamo la decisione e vediamo cosa dovremo fare. Non sono uno che si preoccupa troppo. Alla fine, si vive una volta sola”.

Il termine ultimo, da regolamento, per modificare o cancellare la data di un Gran Premio è di 7 settimane prima del week end di gara: questo significa che una decisione dovrà essere comunicata entro il 27 febbraio.

Prossimo Articolo
Red Bull: è ufficiale il lancio della RB16 il 12 febbraio

Articolo precedente

Red Bull: è ufficiale il lancio della RB16 il 12 febbraio

Prossimo Articolo

Ferrari: assemblata la Rossa per i test dinamici al banco

Ferrari: assemblata la Rossa per i test dinamici al banco
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Marco Congiu