Congelamento motori: la F1 discute due possibili vie

La F1 Commission che si riunirà domani avrà il compito di discutere il freezing delle power unit e, soprattutto, il bilanciamento delle prestazioni dei motori che dovrà scattare dal 2022 al 2024, in attesa che si decida l'introduzione delle nuove motorizzazioni del futuro a basso impatto ecologico. Ecco quali sono le scelte di campo.

Congelamento motori: la F1 discute due possibili vie

La Formula 1 è ancora a motori spenti, e tali rimarranno fino ai primi filming-day che in alcuni casi seguiranno le presentazioni delle monoposto. Ma proprio i motori domani saranno l’argomento di un’importantissima riunione della F1 Commission, poiché l’argomento sarà il congelamento delle power unit per tre stagioni a partire dal 2022.

Argomento delicatissimo, che impatterà non poco sulle gerarchie tecniche, una partita alla quale Mercedes, Ferrari, Renault e Red Bull (che gestirà autonomamente le power unit Honda) arrivano pronte a difendere i propri interessi.

E la prima valutazione riguarda proprio la Red Bull che, grazie a questo accordo, potrà continuare ad essere spinta dai motori attuali, anche se cambierà nome e responsabilità.

Una mano tesa al tandem, Marko-Horner, che esattamente un anno fa chiedevano a gran voce alla FIA di non introdurre alcuna restrizione allo sviluppo (poiché la Honda doveva recuperare terreno sul fronte delle performance) per poi invocare il congelamento pochi mesi dopo, a causa dell’annuncio del ritiro della stessa Honda.

Congelamento e allineamento

L’idea di base sul “freezing” delle power unit è chiara, dal 2022 al 2024 i motori saranno congelati e le Case potranno concentrare i loro sforzi tecnici e finanziari sul nuovo motore che dovrà arrivare nel 2025.

Nel frattempo la Formula 1 proseguirà il suo percorso verso un concetto più ecologico con l’introduzione di carburanti ‘bio’. Si dovrebbe iniziare con la benzina E10 (10% del carburante ‘bio’) poi si procederà verso l’uso dell’idrogeno.

Il percorso verso il giorno del congelamento sarà oggetto di discussioni. C’è chi vorrebbe l’eventuale intervento mirato a bilanciare la potenza dei quattro motori solo alla luce di quanto emergerà dopo le prime gare del 2022.

In pratica solo dopo l’ultimo step di power unit che sarà definito il prossimo inverno, si valuterà chi dovrà calare di potenza e chi no. C’è però anche chi sostiene che questo approccio complicherebbe le cose, e che gli interventi mirati all’allineamento vadano definiti con largo anticipo rispetto alla prima gara del 2022, con un target di potenza definito in precedenza.

Al via della prossima stagione sarebbe poi compito della FIA stabilire che tutto sia nella norma, ovvero power unit allineate con una differenza massima di potenza nell’ordine del 2% sulla base dei mille cavalli.

Il fantasma del Balance of Performance

Basta pronunciare la parola per scatenare polemiche a valanga, sia tra gli addetti ai lavori che tra gli appassionati. Il BoP è sempre stato tenuto (giustamente) lontano dal paddock di Formula 1, ma ciclicamente si riavvicina.

L’allineamento della potenza delle power unit può essere banalmente visto in due modi: o si lascia aperto lo sviluppo a chi deve recuperare terreno, o si impone un freno a chi di cavalli ne ha di più.

Nel primo caso ci sarebbe il problema Red Bull, che spera di poter mantenere lo stato dell’arte del motore Honda nel momento in cui i giapponesi si faranno da parte (a Milton Keynes non è previsto un reparto ‘sviluppo’ delle PU) mentre nel secondo caso una delle vie sussurrate sarebbe una gestione della quantità di carburante per poter allineare le performance. In pratica ridurre progressivamente la portata di benzina istantanea a chi ha più potenza fino al livellamento della performance.

Sarebbe di fatto un BOP, visto come fumo negli occhi dalla Mercedes, come più volte dichiarato pubblicamente. E sarebbe anche un provvedimento che rientra tra quelli soggetti al diritto di veto della Ferrari, poiché intacca il ‘dna’ della Formula 1. Una partita complessa, il cui inizio certo è domani, ma la durata non sarà breve.

condivisioni
commenti
La FIA spiega i retroscena della penalità di Hamilton a Monza
Articolo precedente

La FIA spiega i retroscena della penalità di Hamilton a Monza

Prossimo Articolo

F1: il GP del Portogallo entra nel calendario 2021!

F1: il GP del Portogallo entra nel calendario 2021!
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021