Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula 1 GP di Gran Bretagna

Come un'email improvvisa a Horner ha dato il via al ritorno di Ford in F1

Vi raccontiamo la storia dietro al ritorno di Ford in Formula 1 assieme a Red Bull Racing.

Red Bull Ford Powertrains

La Ford ha rivelato che la causa scatenante del suo ritorno in Formula 1 con la Red Bull è stata una mail inviata all'improvviso al team principal del team austro-britannico, Christian Horner.

Il fallimento delle trattative che la Red Bull stava conducendo con la Porsche nell'estate del 2022 è arrivato proprio nel momento in cui la Ford stava valutando la possibilità di tornare in F1, attratta dalla popolarità in crescita dei Gran Premi e dall'attrattiva del regolamento tecnico del 2026.

Ma, tra gli interrogativi sugli investimenti necessari per creare una propria power unit o addirittura per acquistare un team, Mark Rushbrook, direttore globale motorsport di Ford, ha pensato che non ci fosse nulla di male a scrivere alla Red Bull per vedere se dopo la Porsche ci fosse la possibilità di un accordo. E, dopo aver scovato l'indirizzo e-mail di Horner, è stato proprio un suo messaggio a mettere in moto gli eventi che hanno portato all'attuale partnership.

Parlando questa settimana presso lo stabilimento Red Bull di Milton Keynes per discutere dei progressi compiuti dal progetto, Rushbrook ha rivelato le strane circostanze in cui si sono svolti i colloqui iniziali.

"Per noi, eravamo decisamente sulla strada giusta: La Formula 1 è il posto giusto dove stare, ma come avremmo fatto a entrare?". Ha detto Rushbrook. "Stavamo parlando con diverse squadre. Stavamo pensando di realizzare un nostro programma di power unit, in modo indipendente".

"Quando è diventato molto chiaro, almeno da quello che abbiamo visto dall'esterno, che non avrebbe funzionato con la Porsche per la Red Bull, ho letteralmente preso l'indirizzo e-mail di Christian, gli ho mandato un'e-mail e gli ho detto: "Ehi, vogliamo parlare?".

"Sono salito su un aereo per venire qui e dopo circa 20 minuti di discussione ho sentito che c'erano le basi per una partnership che avrebbe funzionato. Ho lasciato l'incontro e ho chiamato Jim Farley [amministratore delegato di Ford] e da lì la cosa si è accelerata rapidamente".

Jim Farley, CEO of Ford, Mark Rushbrook, Ford and Red Bull Racing Team Principal Christian Horner

Jim Farley, CEO of Ford, Mark Rushbrook, Ford and Red Bull Racing Team Principal Christian Horner

Photo by: Red Bull Content Pool

Horner ha dichiarato che l'e-mail di Rushbrook è stata particolarmente tempestiva perché, pur ritenendo che la Red Bull avesse bisogno del coinvolgimento di un costruttore per il suo progetto di motore, doveva avvenire alle giuste condizioni.

"Abbiamo valutato che per noi sarebbe stato molto meglio collaborare con un costruttore OEM, perché come costruttore indipendente si perdono i vantaggi che Ferrari, Mercedes o Honda, che hanno cambiato idea, hanno tecnicamente", ha detto Horner.

"Abbiamo seguito un processo e abbiamo concluso che un cambio di proprietà non era la strada giusta per l'azienda, e poi mi sono seduto con Mark che mi ha detto che la Ford stava valutando un ritorno in F1. Abbiamo pensato: "Ehi, stiamo pensando di fare questo. Questo è il nostro piano. Quindi è successo molto, molto rapidamente".

Horner ha anche fatto riferimento a un momento, durante una riunione alla fine del 2022, in cui gli è stato dato un chiaro segnale visivo di quanto la Ford fosse pronta a partecipare alla F1.

"Siamo andati a una riunione a Dearborn sulla strada per il Brasile e abbiamo incontrato Mark, Bill Ford e Jim", ha detto Horner. "Pensavo che fossimo a buon punto quando Jim è entrato in riunione con un cappellino di Sergio Perez!".

"Si sentiva che c'era un entusiasmo, un vero entusiasmo da parte dei vertici dell'azienda, da parte di Bill Ford, che era così entusiasta di tornare in F1, e da parte di Jim, che è lui stesso un pilota".

"Era come dire: non vogliamo dirvi come fare affari, ma vogliamo che questa sia una vera e propria partnership e da quel momento in poi la trattativa è stata molto, molto semplice".

Red Bull Ford Powertrains

Red Bull Ford Powertrains

Photo by: Red Bull Content Pool

Non c'è da stupirsi se, dall'inizio alla fine, l'accordo Red Bull Ford è stato concluso in circa 12 settimane, una situazione ben diversa da quella della Porsche, dove le trattative sono fallite dopo sei mesi.

Sebbene l'approccio adottato da Ford per la sua prossima avventura in F1 sia un mondo a parte rispetto ai periodi precedenti - quando gestiva i propri motori con i famosi Cosworth o il proprio team con Jaguar - è un approccio che secondo Rushbrook si adatta meglio alle sue altre attività motoristiche.

Ha aggiunto: "Abbiamo pensato: dovremmo comprare una squadra? Penso che abbiamo dimostrato, con quello che è diventato questo team [Red Bull] da quello che era Jackie Stewart e Jaguar, che non è la nostra competenza principale, giusto?

"Sì, siamo nel motorsport, ma non possediamo né gestiamo una squadra. Abbiamo sempre scelto dei partner, che si tratti di Dick Johnson Racing in Australia, Penske nella NASCAR, Bob Tasca nella NHRA o M-Sport nei rally.

"Quindi, l'opportunità di collaborare con quello che riteniamo essere il miglior team della serie e di integrarlo nel modo giusto, è per noi la strada giusta".

Con la relazione tra Red Bull e Ford ora in pieno svolgimento, che si assicurano di utilizzare i reciproci punti di forza per contribuire a portare avanti il progetto del motore 2026, Horner pensa addirittura che il modo in cui le cose stanno prendendo forma potrebbe essere seguito da altri in futuro.

"Ritengo che sia un ottimo modo per Ford di essere coinvolta senza avere la piena responsabilità di dover consegnare le prestazioni", ha dichiarato. È una partnership che completa ciò che stiamo facendo e credo che costituirà un modello di riferimento per altri produttori, che potranno prendere in considerazione modelli simili".

"Credo che Alpine stia già esplorando questo aspetto nelle conversazioni che sta ospitando. Credo che questo cambi la dinamica del modo in cui i costruttori possono entrare in questo sport, senza assumersi l'intero onere di una struttura di motori come questa, o di acquistare una squadra, o di investire in una squadra".

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Video | Ceccarelli: "Verstappen ha creato una sudditanza psicologica"
Prossimo Articolo F1 | GP d'Italia: in vendita i biglietti per l'Ascari e Lesmo

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia