Clamoroso Manor: c'erano due telai completi della MRT 07!

Ecco l'immagine che testimonia il fatto che nella sede di Banbury esistevano due scocche della Manor MRT 07 già complete. Il progetto, sebbene sviluppato con risorse molto ridotte, aveva alcune soluzioni tecniche molto interessanti.

Clamoroso Manor: c'erano due telai completi della MRT 07!

Ecco la sede di Banbury della Manor dopo la chiusura di venerdì scorso, quando i 140 dipendenti che erano rimasti a lavorare nel team inglese hanno lasciato la squadra di Formula 1 per l’annunciata chiusura.

Colpisce il fatto che nella factory ci siano due monoscocche complete già finite! Segno che non erano bufale le voci che davano il progetto della MRT 07 molto avanti, un progetto che è stato bloccato solo dalla mancanza di liquidità per pagare i fornitori che avrebbero dovuto costruite i (molti) singoli pezzi mancanti.

Nell’immagine che vi proponiamo si possono osservare due telai 2017 costruiti, intorno ai quali era iniziato l’assemblaggio dei primi elementi consegnati, come alcuni parti delle sospensioni anteriori a schema push rod. Ovviamente tutto il resto è mancante perché la Manor è una sorta di “scatola vuota”, visto che tutte le lavorazioni erano affidate a società esterne.

La forza del team era data dalla qualità e l’esperienza delle persone: si partiva dal racing director, Dave Ryan, per arrivare al direttore tecnico, John McQuilliam, per non parlare del chief designer, Luca Furbatto, o del responsabile dell’aerodinamica, Nicholas Tombazis e quello di pista, Pat Fry (che ha già scelto di andare alla Williams).

Un nucleo molto ristretto ma dalle idee molto chiare che, con risorse particolarmente contenute, avrebbe dovuto cercare di abbandonare l’ultima fila dello schieramento potendo contare sulla power unit della Mercedes e il cambio della Williams. Finiti i soldi di Stephen Fitzpatrick, la struttura che a regime era composta da 220 persone, si è dovuta fermare per alzare la bandiera bianca, sciogliendosi come neve al sole.

Stupisce, però, il fatto che salti per aria una squadra che non ha grandi strutture, ma non può avere nemmeno grandi debiti. E stupisce anche che la Manor pur con tutte le sue difficoltà sia riuscita a costruire due monoscocche nel regolamento 2017 (il serbatoio deve contenere 105 kg di carburante) che sono state terminate prima di altri team più titolati.

L’uscita di Bernie Ecclestone dalla gestione della F.1 non ha giocato certo a favore della piccola squadra di Banbury, visto che Mister E è spesso intervenuto con i propri capitali per salvare team in cattive acque, ma è altrettanto vero che l’ingresso di Liberty Medie al timone dei GP è tanto recente che è difficile poter attribuire la fine della Manor agli americani.

Mercedes e Williams faranno causa?

La mancanza di un vero acquirente ha fatto saltare la squadra più piccola della Formula 1, facendo scendere a dieci i team che animeranno la stagione 2017. Ma non è con la chiusura della struttura che si spegneranno tutti i riflettori sulla vicenda: è pensabile che Mercedes (motori) e Williams (cambio), tanto per citare gli esempi più lampanti, possano indire una causa per il mancato rispetto degli accordi di fornitura.

Non tanto alla società che è stata messa in liquidazione, la Just Racing Services Ltd, quanto a quelle come la Just Racing Ltd e la Manor Grand Prix Racing Ltd,che ancora detiene i diritti di F.1 ed è titolare della licenza FOM,e che non sono state sottoposte alla chiusura.

Ci potrebbe essere un colpo di scena finale? È quasi da escludere anche se i diritti dovessero essere ceduti a zero, non fosse altro per evitare di veder crescere un debito nei confronti dei fornitori che potrebbero portare il titolare della società in tribunale.

Riattivare il team sarebbe ancora possibile, ma ogni giorno che passa i dipendenti che trovano una soluzione alternativa non perdono un minuto per firmare un nuovo contratto alla ricerca di uno stipendio.

Non solo, ma non ci sarebbe nemmeno il tempo fisico per completare le due MRT 07 esistenti. Se la Manor avesse continuato a esistere, quasi sicuramente, avrebbe dovuto attingere a parte del retrotreno 2016 riadattato per sperare di scendere in pista in tempo per la gara di apertura in Australia.

Ed è un vero peccato, perché i concetti che erano stati messi nella monoposto 2017 erano molto interessanti: nell’immagine che mostra un telaio in primo piano è possibile osservare l’enorme svaso che si è creato dietro al roll bar.

I tecnici Manor, infatti, avevano predisposto che nello spazio fra la scocca e la power unit Mercedes dovessero avere alloggiamento lo scambiatore di calore aria/acqua del compressore e lo snorkel dell’airbox, oltre ad alcune centraline elettroniche che sarebbero state tolte dalle fiancate per essere le più svasate possibili ai fini di favorire una buona aerodinamica.

2017 Manor Racing chassis
La monoscocca della Manor MRT 07 nella factory di Banbury subito prima della chiusura definitiva

Photo by: Uncredited

La prima monoposto del 2017 che si è vista (venerdì abbiamo pubblicato un’immagine del modello in scala per la galleria del vento) e che non correrà mai, probabilmente conteneva soluzioni che non vedremo su alcune delle monoposto che debutteranno nel mondiale. Non è un peccato?

Manor wind tunnel model car with the team
Gli aerodinamici della Manor posano con il modello di galleria della MRT 07

Photo by: Marussia Manor Racing

 

 

 

 

condivisioni
commenti
Magnussen: "Le monoposto 2017 si adattano al mio stile di guida"

Articolo precedente

Magnussen: "Le monoposto 2017 si adattano al mio stile di guida"

Prossimo Articolo

Newey: "Verstappen ha una grinta che sembra Mansell"

Newey: "Verstappen ha una grinta che sembra Mansell"
Carica commenti
Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello Prime

Squalifica Vettel: ecco perché Aston Martin crede nell'appello

Vettel è stato squalificato dal GP d'Ungheria per non aver avuto il litro necessario nel serbatoio a fine gara. Aston Martin medita il ricorso puntando il dito contro le pompe d'aspirazione del carburante usate in verifica. Ecco cos'è successo nel weekend e cosa potrà succedere nelle prossime ore...

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale Prime

GP d'Ungheria: Hamilton, rimonta da leader del mondiale

Andiamo a ripercorrere tutte le emozioni del Gran Premio di Ungheria nella nostra ricostruzione grafica. Dopo il caos della prima partenza e l'indecisione della Mercedes nel cambiare gomme ad Hamilton, l'inglese si è lanciato nella rimonta che lo ha portato al terzo gradino del podio

Formula 1
2 ago 2021
Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi" Prime

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"

Il Gran Premio d'Ungheria, oltre alle sorprese e ai colpi di scena continui, ha regalato tanti promossi e altrettanti bocciati. Ecco le pagelle del weekend ungherese stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
2 ago 2021
Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra" Prime

Bobbi: "Ora Verstappen è mentalmente sottoterra"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano il Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 dove si può essere invertita l'inerzia del Mondiale. Lewis sta lontano dai guai e, nonostante strategie discutibili, chiude terzo. Verstappen, invece, è vittima di un secondo incidente e chiude in decima posizione

Formula 1
2 ago 2021
Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon" Prime

Chinchero: "Alonso? Non so quanto volesse aiutare Ocon"

In questa nuova puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Formula 1
1 ago 2021
GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max Prime

GP d'Ungheria: Hamilton in pole, ma occhio a Max

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position numero 101 della carriera in occasione del GP d'Ungheria. L'inglese scatta davanti al compagno di team, Valtteri Bottas, mentre Max Verstappen è terzo: ma attenti all'olandese, che partirà con gomma Soft...

Formula 1
1 ago 2021
Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste" Prime

Bobbi: "Max parte sulla Soft, gara d'azzardo a due soste"

In questa puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Lewis Hamilton conquista la pole numero 101 della carriera davanti al compagno Mercedes Valtteri Bottas ed alla Red Bull di Verstappen

Formula 1
31 lug 2021
Piola: "Le scelte tattiche Red Bull sono di chi si sta difendendo" Prime

Piola: "Le scelte tattiche Red Bull sono di chi si sta difendendo"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano il sabato di qualifica del Gran Premio d'Ungheria, caratterizzato da giochi di nervi e tattiche...

Formula 1
31 lug 2021