Clamoroso: ecco il manettino che Rosberg non ha selezionato al via!

Nico Rosberg è rimasto in modalità giro di formazione anche dopo lo start del GP di Spagna. Vi spieghiamo nel dettaglio cosa ha innescato l'incidente alla Curva 4 che ha messo fuori gioco le due Mercedes.

Clamoroso: ecco il manettino che Rosberg non ha selezionato al via!

Il crash fra Nico Rosberg e Lewis Hamilton dopo appena tre curve del GP di Spagna sta scatenando molte polemiche. Niki Lauda ha attribuito a caldo la colpa al tre volte campione del mondo, mentre Toto Wolff era più dell’idea che sia stato un incidente di gara che fra compagni di squadra non dovrebbe mai succedere, ma che ha portato la FIA a non prendere altri provvedimenti.

Ma nel dopo corsa sono emersi degli elementi utili a capire cosa sia successo effettivamente successo dopo l’eccellente partenza che aveva permesso a Nico Rosberg di passare al comando alla prima curva davanti al poleman Lewis.

Il leader del mondiale si è letteralmente piantato a metà di Curva 3, l’insidiosa piega Renault dove si passa in pieno in quinta marcia: è parsa evidente l'enorme differenza di velocità tra le due Mercedes: quella di Nico Rosberg stava procedendo 16 km/h più piano perché il tedesco stava guidando con una mappatura di motore sbagliata.

E anche se Rosberg ancora ieri sera sosteneva che la squadra di Brackley sta ancora indagando sul perché si trovasse nella modalità sbagliata, possiamo dirvi che semplicemente non ha selezionato l'impostazione corretta, mentre era schierato sulla griglia di partenza.

Rosberg's steering wheel, detailed view
Il volante di Rosberg con il dettaglio della procedura di partenza

Disegno by: Giorgio Piola

 Solo la scorsa settimana vi abbiamo mostrato quali sono le singole funzionalità del volante Mercedes e in particolare proprio quello di Nico, sopra.

Leggi anche

I "pizzini" del volante di Rosberg

Vi avevamo messo in evidenza che il volante del tedesco era tappezzato da “pizzini” adesivi che riportavano in sintesi le istruzioni necessarie a svolgere le giuste procedure per affrontare i diversi momenti della gara e sono proprio queste istruzioni che hanno rivelato esattamente cosa è andato storto.

Un adesivo era dedicato proprio alla procedura di partenza, con le indicazioni che passo per passo vanno eseguite nel corso del giro di formazione della griglia.

Le istruzioni mostrano chiaramente che l’ultimo passaggio prima del via è quello di selezionare 'INIZIO 3': un manettino che controlla le diverse modalità del motore, grazie alle quale si gestisce il consumo di carburante e la quantità di energia elettrica che viene sfruttata dalla MGU-K. Tutti questi parametri possono essere modificati con i vari pulsanti e rotelline che si vedono sul volante, per gestire le prestazioni durante la gara.

Mercedes AMG-F1 steering wheel

Il manettino che Nico Rosberg non ha attivato prima del via del GP di Spagna

Disegno by: Giorgio Piola

Pare che Rosberg abbia trascurato un passaggio nella procedura di partenza: sarebbe rimasto in modalità 'INIZIO 12' senza passare a 'INIZIO 3' come è richiesto. Il tedesco sarebbe rimasto nella mappatura che consente il massimo risparmio di carburante nel giro di formazione senza passare alla corretta mappatura STRAT prevista per la corsa.

Si è notato dalla camera car di Hamilton che sulla monoposto di Rosberg ha cominciato a lampeggiare la luce rossa (quella che si usa con il bagnato) non appena è entrato nella Curva 3. Questo è un segnale di avvertimento per il pilota che segue che la vettura davanti si trova in una modalità di risparmio energetico.

Leggi anche:

Rosberg non aveva resettato la centralina!

Hamilton è stato immediatamente a conoscenza dell'errore che aveva fatto Rosberg e ha cercato di attaccare Rosberg. Il tedesco, resosi conto dell’errore commesso in griglia, ha agito sul manettino STRAT passando dalla posizione STRAT 12 a strat 3.

Subito dopo ha modificato la ripartizione di frenata per la curva 4, prima di premere il pulsante giallo OT (Sorpassi) in alto a sinistra che gli avrebbe fornito una la massima energia a disposizione nel tentativo di tenere a bada Lewis.

Ma a quel punto il danno era già stato fatto: Hamilton - che era in modalità START 3 corretta – ha cercato un varco per passare, mentre Nico si è spostato di traiettoria. Inevitabile il seguente contatto con due Mercedes fuori gara dopo pochi secondi di gara. Non succedeva dal 2011…

condivisioni
commenti
Arrivabene: "Ora sappiamo cosa non ha funzionato sulla Rossa"

Articolo precedente

Arrivabene: "Ora sappiamo cosa non ha funzionato sulla Rossa"

Prossimo Articolo

Alonso è contrariato per l'ordine di squadra McLaren?

Alonso è contrariato per l'ordine di squadra McLaren?
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021