Clamoroso: ecco il manettino che Rosberg non ha selezionato al via!

Nico Rosberg è rimasto in modalità giro di formazione anche dopo lo start del GP di Spagna. Vi spieghiamo nel dettaglio cosa ha innescato l'incidente alla Curva 4 che ha messo fuori gioco le due Mercedes.

Clamoroso: ecco il manettino che Rosberg non ha selezionato al via!

Il crash fra Nico Rosberg e Lewis Hamilton dopo appena tre curve del GP di Spagna sta scatenando molte polemiche. Niki Lauda ha attribuito a caldo la colpa al tre volte campione del mondo, mentre Toto Wolff era più dell’idea che sia stato un incidente di gara che fra compagni di squadra non dovrebbe mai succedere, ma che ha portato la FIA a non prendere altri provvedimenti.

Ma nel dopo corsa sono emersi degli elementi utili a capire cosa sia successo effettivamente successo dopo l’eccellente partenza che aveva permesso a Nico Rosberg di passare al comando alla prima curva davanti al poleman Lewis.

Il leader del mondiale si è letteralmente piantato a metà di Curva 3, l’insidiosa piega Renault dove si passa in pieno in quinta marcia: è parsa evidente l'enorme differenza di velocità tra le due Mercedes: quella di Nico Rosberg stava procedendo 16 km/h più piano perché il tedesco stava guidando con una mappatura di motore sbagliata.

E anche se Rosberg ancora ieri sera sosteneva che la squadra di Brackley sta ancora indagando sul perché si trovasse nella modalità sbagliata, possiamo dirvi che semplicemente non ha selezionato l'impostazione corretta, mentre era schierato sulla griglia di partenza.

Rosberg's steering wheel, detailed view
Il volante di Rosberg con il dettaglio della procedura di partenza

Disegno by: Giorgio Piola

 Solo la scorsa settimana vi abbiamo mostrato quali sono le singole funzionalità del volante Mercedes e in particolare proprio quello di Nico, sopra.

Leggi anche

I "pizzini" del volante di Rosberg

Vi avevamo messo in evidenza che il volante del tedesco era tappezzato da “pizzini” adesivi che riportavano in sintesi le istruzioni necessarie a svolgere le giuste procedure per affrontare i diversi momenti della gara e sono proprio queste istruzioni che hanno rivelato esattamente cosa è andato storto.

Un adesivo era dedicato proprio alla procedura di partenza, con le indicazioni che passo per passo vanno eseguite nel corso del giro di formazione della griglia.

Le istruzioni mostrano chiaramente che l’ultimo passaggio prima del via è quello di selezionare 'INIZIO 3': un manettino che controlla le diverse modalità del motore, grazie alle quale si gestisce il consumo di carburante e la quantità di energia elettrica che viene sfruttata dalla MGU-K. Tutti questi parametri possono essere modificati con i vari pulsanti e rotelline che si vedono sul volante, per gestire le prestazioni durante la gara.

Mercedes AMG-F1 steering wheel

Il manettino che Nico Rosberg non ha attivato prima del via del GP di Spagna

Disegno by: Giorgio Piola

Pare che Rosberg abbia trascurato un passaggio nella procedura di partenza: sarebbe rimasto in modalità 'INIZIO 12' senza passare a 'INIZIO 3' come è richiesto. Il tedesco sarebbe rimasto nella mappatura che consente il massimo risparmio di carburante nel giro di formazione senza passare alla corretta mappatura STRAT prevista per la corsa.

Si è notato dalla camera car di Hamilton che sulla monoposto di Rosberg ha cominciato a lampeggiare la luce rossa (quella che si usa con il bagnato) non appena è entrato nella Curva 3. Questo è un segnale di avvertimento per il pilota che segue che la vettura davanti si trova in una modalità di risparmio energetico.

Leggi anche:

Rosberg non aveva resettato la centralina!

Hamilton è stato immediatamente a conoscenza dell'errore che aveva fatto Rosberg e ha cercato di attaccare Rosberg. Il tedesco, resosi conto dell’errore commesso in griglia, ha agito sul manettino STRAT passando dalla posizione STRAT 12 a strat 3.

Subito dopo ha modificato la ripartizione di frenata per la curva 4, prima di premere il pulsante giallo OT (Sorpassi) in alto a sinistra che gli avrebbe fornito una la massima energia a disposizione nel tentativo di tenere a bada Lewis.

Ma a quel punto il danno era già stato fatto: Hamilton - che era in modalità START 3 corretta – ha cercato un varco per passare, mentre Nico si è spostato di traiettoria. Inevitabile il seguente contatto con due Mercedes fuori gara dopo pochi secondi di gara. Non succedeva dal 2011…

condivisioni
commenti
Arrivabene: "Ora sappiamo cosa non ha funzionato sulla Rossa"

Articolo precedente

Arrivabene: "Ora sappiamo cosa non ha funzionato sulla Rossa"

Prossimo Articolo

Alonso è contrariato per l'ordine di squadra McLaren?

Alonso è contrariato per l'ordine di squadra McLaren?
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021