Città del Messico, Libere 1: Hamilton davanti, poi ci sono le Ferrari!

condivisioni
commenti
Città del Messico, Libere 1: Hamilton davanti, poi ci sono le Ferrari!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
28 ott 2016, 17:26

Hamilton con le gomme Medium lascia con la Mercedes Vettel ad appena 79 millesimi di secondo la Ferrari dotata di pneumatici Soft. Ottimo terzo Raikkonen davanti alle due Force India che hanno fatto i tempi con le Supersoft.

Lewis Hamilton non ha niente da perdere e allora va subito all'attacco nella prima sessione di prove libere del GP del Messico. L'inglese con il tempo di 1'20"914 è stato il più veloce con la Mercedes, mentre Nico Rosberg, leader del mondiale ha chiuso la sessione solo al settimo posto con un distacco di sette decimi dal compagno di squadra.

Il tre volte campione del mondo ha ottenuto la sua prestazione montando le gomme Medium, vale a dire le più dure della scelta portata dalla Pirelli, proprio come il tedesco che, però, ha fatto fatica a mandarle in temperatura e ha accusato dei problemi di freni.

Un guaio che ha messo in crisi le Red Bull Racing: Max Verstappen è stato costretto a fermarsi ai box dopo appena dieci giri con un principio d'incendio nel retrotreno per un inadeguato raffreddamento dei dischi a causa dell'aria molto rarefatta visto che il circuito dedicato ai fratelli Rodriguez si trova a 2.250 metri di quota! Daniel Ricciardo ottavo a nove decimi dalla Mercedes e Max Verstappen addirittura 14esimo a un paio di secondi, testimoniano che la Red Bull non ha ancora mostrato il suo potenziale, ma solo i problemi.

E così la sorpresa della giornata è la Ferrari che piazza i due piloti al secondo e terzo posto. Sebastian Vettel si è arrampicato a 79 millesimi di secondo da Lewis Hamilton con un incoraggiante 1'20"993, risultando l'unico pilota a sfondare con l'inglese il muro dell'1'21". Ma prima di lanciarsi in peana sulla Rossa è giusto dire che la prestazione è venuta con le gomme Soft, vale a dire una mescola più morbida rispetto a quella usata delle W07 Hybrid.

La sensazione, però, è che la SF16-H abbia avuto un approccio positivo a un tracciato ostico nel quale si ottengono velocità mostruose (Felipe Massa in fondo al dritto è già arrivato a 366 Km/h con la Williams) con il massimo del carico aerodinamico (si sono utilizzate ali in stile Monaco, tanto per intenderci).

Alla prestazione di Vettel che è venuta in modo lineare, si aggiunge quella di Kimi Raikkonen che è terzo a 79 millesimi dal compagno di squadra: il finlandese ha perso la prima parte della sessione che lo ha costretto a una lunga sosta ai box per il problema ad un sensore che è stato brillantemete risolto dai meccanici del Cavallino.

La Ferrari, insomma, che ha fatto delle prove comparative con due diverse bat wing sotto alla scocca, pare aver iniziato il week end messicano nel miglior dei modi, ambendo al ruolo di seconda forza. Dietro alle SF16-H troviamo le due Force India con l'idolo di casa Sergio Perez, acclamato dai suoi rifosi ad ogni passaggio, al quarto posto davanti a Nico Hulkenberg, quinto.

Nel team di Silverstone si sono concentrati a sviluppare l'assetto con le gomme Supersoft che sono la novità della Pirelli quest'anno: i due decimi del messicano dalle frecce d'argento non devono, quindi, illudere, anche perché entrambi i piloti hanno dovuto fare i conti con il graining quando hanno iniziato la simulazione di gara con più carico di benzina.

E, allora, verrebbe da dire che è interessante la prestazione della Williams che ha messo Valtteri Bottas al sesto posto ad appena un decimo dalle Force India con le Soft. La consistenza della monoposto di Grove è confermata anche da Felipe Massa nono poco lontano dal compagno di squadra.

La top ten è stata completata da Daniil Kvyat con la Toro Rosso, mentre Carlos Sainz è rimasto più indietro, 12esimo, staccato di tre decimi dal russo. Positiva la sesione della Haas con Romain Grosjean 11esimo e Estevan Gutierrez 15esimo: la squadra americana ha cercato di tenere d'occhio i freni dopo i guai all'impiano Brembo che avevano bloccato il messicano ad Austin.

Problemi, invece, per Felipe Nasr che ha visto collassare l'ala anteriore della sua Sauber dopo una strisciata su un cordolo: i profili in carbonio si sono letteralmente disintegrati e la direzione gara è stata costretto a esporre la bandiera rossa per togliere tutti i detriti. La C35 sembra comunque in ripresa grazie a Marcus Ericsson che si è infilato a un insperato 13esimo posto.

Male le McLaren dopo le ultime aspettative di crescita: Fernando Alonso è 16esimo a oltre due secondi dalla vetta, mentre Jenson Button è 18esimo. I tecnici di Woking, però, hanno continuato gli esperimenti in vista della prossima stagione, per cui bisognerà aspettare il secondo turno per capire il reale potenziale delle MP4-31.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 44  Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 34 1'20.914     191.492
2 5  Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 23 1'20.993 0.079 0.079 191.305
3 7  Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 19 1'21.072 0.158 0.079 191.119
4 11  Sergio Perez  Force India Mercedes 23 1'21.200 0.286 0.128 190.817
5 27  Nico Hulkenberg  Force India Mercedes 23 1'21.409 0.495 0.209 190.327
6 77  Valtteri Bottas  Williams Mercedes 34 1'21.447 0.533 0.038 190.239
7 6  Nico Rosberg  Mercedes Mercedes 32 1'21.673 0.759 0.226 189.712
8 3  Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 27 1'21.727 0.813 0.054 189.587
9 19  Felipe Massa  Williams Mercedes 31 1'21.836 0.922 0.109 189.334
10 26  Daniil Kvyat  Toro Rosso Ferrari 29 1'22.215 1.301 0.379 188.461
11 8  Romain Grosjean  Haas Ferrari 21 1'22.500 1.586 0.285 187.810
12 55  Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Ferrari 32 1'22.563 1.649 0.063 187.667
13 9  Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 17 1'22.723 1.809 0.160 187.304
14 33  Max Verstappen  Red Bull TAG 10 1'22.877 1.963 0.154 186.956
15 21  Esteban Gutierrez  Haas Ferrari 23 1'22.910 1.996 0.033 186.882
16 14  Fernando Alonso  McLaren Honda 25 1'23.089 2.175 0.179 186.479
17 12  Felipe Nasr  Sauber Ferrari 12 1'23.089 2.175 0.000 186.479
18 22  Jenson Button  McLaren Honda 24 1'23.342 2.428 0.253 185.913
19 20  Kevin Magnussen  Renault Renault 32 1'23.556 2.642 0.214 185.437
20 31  Esteban Ocon  Manor Mercedes 30 1'24.083 3.169 0.527 184.275
21 30  Jolyon Palmer  Renault Renault 35 1'24.097 3.183 0.014 184.244
22 94  Pascal Wehrlein  Manor Mercedes 28 1'24.350 3.436 0.253 183.691

 

Prossimo Articolo
Carica commenti