Caso ventolini F1: cambia la forma delle carenature per il 2022

La Federazione Internazionale ha autorizzato la modifica delle carenature sui cerchi BBS che saranno forniti a tutte le squadre di Formula 1 nel 2022: il ventolino avrà un disegno di verso per consentire ai meccanici di impugnare la ruota al pit stop e ai tecnici Pirelli di bilanciare le gomme con i piombi dopo il montaggio, trovando spazio per precedere all'equilibratura.

Caso ventolini F1: cambia la forma delle carenature per il 2022

La questione “ventolini” tiene ancora banco nel paddock di Formula 1. Sembra che le squadre stiano vincendo il braccio di ferro con la FIA sulla forma dei copri cerchio in materiali compositi che dovranno carenare nella parte esterna le ruote da 18 pollici che entreranno in vigore sulle monoposto a effetto suolo del 2022.

La Federazione Internazionale aveva aperto un tender per la fornitura unica dei cerchi, in modo da raffreddare i costi congelando la ricerca di questo elemento che finora è stato libero, sebbene soggetto ad omologazione. L’appalto è stato vinto dalla BBS che è stata incaricata di disegnare le nuove ruote che saranno forgiate in magnesio e anche i “ventolini” in carbonio che dovranno essere fissati alle razze.

Ecco la ruota anteriore da 18 pollici con i ventolini

Ecco la ruota anteriore da 18 pollici con i ventolini

Photo by: Formula 1

La FIA in collaborazione con la FOM ha studiato una soluzione che non ha influenza aerodinamica sulle vetture 2022 e i “ventolini” carenando la parete esterna delle ruote impediscono ai team di riprodurre dei passaggi d’aria fra le razze che quest’anno permettono di indirizzare i flussi che arrivano all’esterno dell’ala anteriore per ripulire la scia turbolente che si genera dietro alla ruota posteriore.

Il disegno di questo particolare è stato pensato in funzione aerodinamica e non è stata presa in sufficiente considerazione l’idea che le ruote devono essere facilmente sostituite al pit stop.

Leggi anche:

L’operazione del cambio gomme si è molto complicata per una serie di ragioni: la scelta di passare ai 18 pollici ha reso le ruote più ingombranti e molto più pesanti (2,5 kg all’anteriore e 3 kg al posteriore), per cui gestirli diventa più difficile, mentre la massa delle Pirelli aumenta solo di 100 grammi trattandosi di coperture più grandi ma con spalla ribassata.

Il “ventolino” per come è stato disegnato inizialmente impediva anche una buona presa del cerchio da parte dei meccanici rallentando in modo significativo il pit stop. Non solo ma la carenatura rendeva difficile anche la bilanciatura delle ruote in fase di montaggio: era facile montare i piombi nella parte interna del cerchio, mentre era impresa complicata sul lato della carenatura.

Sarebbe stato deciso, quindi, di disegnare una carenatura più scalinata rispetto al bordo del cerchio per consentire alle mani dei meccanici di impugnare in sicurezza la ruota e agli uomini della Pirelli di applicare i piombi per la giusta bilanciatura della gomma.

Presentazione Monoposto F1 2022 a Silverstone: attenzione ai ventolini che saranno già modificati

Presentazione Monoposto F1 2022 a Silverstone: attenzione ai ventolini che saranno già modificati

Photo by: Liberty Media

condivisioni
commenti
Podcast: Hamilton e quell'ottobre da dimenticare

Articolo precedente

Podcast: Hamilton e quell'ottobre da dimenticare

Prossimo Articolo

Perez: "La lotta con Lewis nel momento peggiore della gara"

Perez: "La lotta con Lewis nel momento peggiore della gara"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021