Caso Mercedes: Hamilton in crisi perché sono stati chiusi i fori nel mozzo!

condivisioni
commenti
Caso Mercedes: Hamilton in crisi perché sono stati chiusi i fori nel mozzo!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
Co-autore: Roberto Chinchero
22 ott 2018, 09:42

La FIA prima del via del GP degli Stati Uniti ha chiesto alla Mercedes di chiudere con il silicone i fori sul mozzo posteriore della W09, per evitare anche il trascurabile effetto aerodinamico e la freccia d'argento non è più parsa imbattibile, andando in crisi con le gomme posteriori.

L’illegalità limitata era inaccettabile. E alla fine la FIA ha messo le cose a posto, intimando alla Mercedes di chiudere i fori di cerchio e mozzo prima del via del GP degli Stati Uniti onde non usufruire dell'effetto aerodinamico, per quanto fosse stato dichiarato trascurabile a inizio della scorsa settimana.

Emerge un clamoroso retroscena dietro alla mancanza di competitività della Mercedes ad Austin, con Lewis Hamilton che ha dovuto rinunciare alla festa per il quinto titolo mondiale essendosi classificato solo terzo dopo essere scattato dalla pole position.

All’improvviso la freccia d’argento, che pareva diventata imbattibile da Monza in poi, ha mostrato quei problemi che sembravano definitivamente risolti: il surriscaldamento delle gomme posteriori che hanno provocato il blistering sul battistrada (pezzi di mescola che si staccano, formando dei piccoli crateri a causa di bolle d’aria che scoppiano con l’eccessivo aumento della temperatura interna).

La Pirelli prima della corsa ha provveduto ad aumentare la pressione delle gomme di 1,5 PSI consapevole del fatto che la temperatura dell’asfalto sarebbe salita di una decina di gradi rispetto al giorno prima che era stato molto più fresco, proprio per evitare che gli pneumatici venissero sollecitati più del dovuto.

Lewis Hamilton al secondo pit stop con la Mercedes W09 durante il GP degli Stati Uniti

Lewis Hamilton al secondo pit stop con la Mercedes W09 durante il GP degli Stati Uniti

Photo by: Mark Sutton / Sutton Images

Sta di fatto che Lewis Hamilton è stato l’unico pilota fra quelli di vertice a dover effettuare due soste ai box per cambiare le gomme perché il retrotreno della sua W09 cominciava a vibrare sempre di più a causa del blistering.

Solo nel dopo corsa Motorsport.com è venuto a sapere che la Mercedes ha dovuto chiudere i tanto contestati fori di mozzo e cerchio con del silicone. Una mossa che la FIA ha preteso, ma senza fare alcuna comunicazione pubblica.

E il risultato di quella “piccola” modifica l’abbiamo visto: la Mercedes è andata in crisi con la gestione della temperatura delle gomme posteriori, tanto che anche Valtteri Bottas proprio a fine GP ha dovuto cedere il quarto posto a Sebastian Vettel in rimonta perché il finlandese aveva finito le gomme dietro!

Mercedes F1W09, il cerchio posteriore che ha debuttato a Spa

Mercedes F1W09, il cerchio posteriore che ha debuttato a Spa

Photo by: Giorgio Piola

Insomma, per quanto fosse “trascurabile” l’effetto aerodinamico mobile, che è severamente vietato dal regolamento tecnico, è bastato a mandare in crisi la Mercedes, alla quale non bastavano certo i nuovi cerchi con i “denti” fra le razze usati come micro-radiatori per controllare la temperatura delle gomme posteriori.

Ieri abbiamo avuto la prova provata di quanto andavamo sostenendo nei giorni scorsi, vale a dire che a livello di principio la soluzione Mercedes era simile a quella contestata all’anteriore della Red Bull nel 2012.

Dal Gran Premio del Canada la squadra di Milton Keynes si era stata vietare l’uso sulla RB8 di cerchi e mozzo forati perché considerati degli elementi aerodinamici mobili e, quindi, non permessi per l'Articolo 3.15 del regolamento tecnico di Formula 1 recitava che "qualsiasi parte specifica della monoposto che influenza la prestazione aerodinamica" deve essere "rigidamente fissata all'intera parte sospesa dell'auto" e deve rimanere "immobile in relazione" alla parte sospesa della macchina".

La rotazione dell'aria nel mozzo stava energizzando il flusso e, quindi, la trovata della Red Bull era stata dichiarata illegale, mentre a inizio settimana la FIA aveva dichiarato legale la soluzione Mercedes, dichiarando che l’effetto aerodinamico era trascurabile considerati i fori molto piccoli. Infatti, va riconosciuto alla FIA il merito di aver rimesso le cose a posto dopo il primo pronunciamento che era seguito alla lettera di chiarimento regolamentare presentata dalla Ferrari.

Nicholas Tombazis, Responsabile tecnico delle monoposto FIA e Aldo Costa, Mercedes AMG F1

Nicholas Tombazis, Responsabile tecnico delle monoposto FIA e Aldo Costa, Mercedes AMG F1

Photo by: Sutton Images

Nicholas Tombazis, responsabile tecnico monoposto della FIA, ha evitato che si aprisse un contenzioso sull’illegalità limitata: la questione torna nel cassetto e non apre a possibili degenerazioni che sicuramente avremmo visto sulle monoposto del prossimo anno.

Scopriremo in Messico se per la Mercedes si è trattato di un episodio, oppure se è stata toccata sul vivo, dal momento che la Ferrari è tornata a vincere anche con il doppio sensore che legge la portata elettrica dei due lobi della batteria…

Prossimo Articolo
F1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del Gran Premio del Messico

Articolo precedente

F1 2018: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del Gran Premio del Messico

Prossimo Articolo

Arrivabene: "La Ferrari dedica la vittoria di Austin a Daniele Casanova"

Arrivabene: "La Ferrari dedica la vittoria di Austin a Daniele Casanova"
Carica commenti