Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Prove Libere 1 in
16 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
60 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
74 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
78 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
95 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
109 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
137 giorni
05 set
Gara in
144 giorni
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
165 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
169 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
193 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
242 giorni

Caso livrea Haas: la WADA indaga, ma il team può aver ragione

La WADA, agenzia mondiale antidoping, indaga sulla livrea 2021 della Haas che presenta la bandiera russa, dopo la sentenza emessa dal CAS lo scorso dicembre riguardo i divieti per gli atleti russi nel biennio 2021-2022. Il team, però, non teme di dover sostituirla. Ecco perché.

Caso livrea Haas: la WADA indaga, ma il team può aver ragione

Il Mondiale 2021 di Formula 1 deve ancora iniziare, eppure le polemiche sono già state innescate. Per di più, in questa occasione, l'oggetto di discussione non è una manovra, una soluzione tecnica o illazioni di qualche tipo, bensì la livrea che contrarristinguerà le Haas F1 VF-21 di Mick Schumacher e Nikita Mazepin.

La colorazione delle monoposto americane, divenuta di fatto espressione del tricolore russo per via del nuovo sponsor portato da Nikita Mazepin, la Uralkali, è oggetto di studi da parte della WADA, l'agenzia mondiale dell'antidoping. Lo scorso dicembre il CAS, la Corte di Arbitrato per lo Sport, ha annunciato che agli atleti russi sarebbe stato vietato competere agli eventi mondiali per 2 anni (2021-2022).

Il motivo? Il doping e gli insabbiamenti agevolati dallo stato russo alle Olimpiadi invernali del 2014. In quel caso, le indagini svolte dalla WADA, avevano portato a una sentenza di esclusione per 4 anni dalle competizioni mondiali degli atleti russi.

La Federazione Automobilistica Russa, però, ha confermato il mese scorso che ciò si sarebbe dovuto estendere anche ai campionati del mondo FIA. Dunque Mazepin in questa stagione non potrà correre sotto la bandiera russa. Il pilota rookie, inoltre, non potrà usare emblemi, bandiere e simboli nazionali, così come le parole "Russia" e "russo" sui propri capi d'abbigliamento sportivi.

Il team Haas ha annunciato che la nuova livrea non è stata studiata per aggirare la sentenza del CAS, eppure la WADA ha annunciato di essere al lavoro per esaminare la questione. "La WADA è a conoscenza della questione e sta esaminando il tutto assieme alle autorità competenti", ha fatto sapere un portavoce della WADA a Motorsport.com.

Il nodo della questione è legato al fatto che, secondo la sentenza del CAS, gli atleti russi "non devono esporre pubblicamente alcun emblema nazionale, né alcun simbolo nazionale. Questo vale sia per le attrezzature o altri oggetti personali, comprese le tute".

A spiegare la situazione è stato Gunther Steiner, team principal del team Haas F1: "Ovviamente non possiamo usare la bandiera russa come bandiera russa, ma possiamo usare i colori sulla monoposto. Alla fine è l'atleta che non può esporre la banidera russa, non il team. La squadra, la nostra, è americana".

A ben vedere le parole di Steiner non fanno una piega. Di fatto i colori della bandiera russa sulle VF-21 saranno apposti solo per la presenza dello sponsor Uralkali, non per segnalare la sola presenza di Mazepin al proprio interno. E' chiaro che Mazepin e Uralkali siano connessi, lo sponsor è arrivato proprio grazie al pilota russo, ma i colori sono, di fatto, portati dallo sponsor, tanto da apprire su tutte e due le monoposto che correranno nel 2021.

Ecco perché Haas dovrebbe poter utilizzare la nuova livrea. Questa non va a intaccare alcuna decisione del CAS, che prevede divieti ai piloti russi, non ai team che, nel caso della Haas, per di più è americano...

condivisioni
commenti
F1: il GP di Baku è confermato, ma sarà a porte chiuse

Articolo precedente

F1: il GP di Baku è confermato, ma sarà a porte chiuse

Prossimo Articolo

Williams: la FW43B c'è, ma senza realtà aumentata

Williams: la FW43B c'è, ma senza realtà aumentata
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento Presentazione Team Haas F1
Autore Giacomo Rauli
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
12 apr 2021
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Formula 1
12 apr 2021
Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021