Caso Ghosn, il manager si difende: "Contro di me accuse senza alcun fondamento"

Nella sua prima apparizione pubblica dal 19 di novembre, l'ex presidente di Renault e Nissan si è difeso e ha cercato di capire i motivi dell'ordine di custodia cautelare che lo tiene in carcere da settimane e che è stato più volte prorogato.

Caso Ghosn, il manager si difende: "Contro di me accuse senza alcun fondamento"

Carlos Ghosn è apparso per la prima volta in pubblico dal 19 novembre 2018, giorno in cui è stato emesso un mandato d'arresto nei suoi confronti perché accusato di aver mentito sulla dichiarazione dei propri emolumenti, sull'utilizzo improprio di fondi Nissan e per "violazione della fiducia", un reato che, stando al codice penale giapponese, si riferisce ai dirigenti che abusano della loro posizione per un tornaconto personale a livello economico.

Ghosn, apparso piuttosto dimagrito dopo tante settimane passate in carcere a Tokyo dove con i detenuti stranieri sono molto rigidi riguardo il tenore di vita dei detenuti, ha parlato in un'audizione pubblica al tribunale di Tokyo per la sua prima deposizione definendo "insensate e infondate" tutte le accuse di cui abbiamo parlato poche righe fa.

"Ho sempre agito con integrità e non sono mai stato accusato di alcun illecito nella mia carriera professionale ultra decennale. Sono stato accusato e detenuto ingiustamente sulla base di accuse infondate e senza senso", ha affermato Ghosn davanti al giudice Yuichi Tada nell'udienza richiesta dai legali del manager di origini libanesi per conoscere le ragioni del provvedimento di custodia cautelare emesso il 19 novembre scorso e più volte prorogato nel corso del mese di dicembre e a inizio gennaio.

Nel corso dell'udienza, l'ex manager di Renault e Nissan ha spiegato come la Casa giapponese non fosse obbligata a pagargli nulla mentre le trattative sui suoi compensi successivi al pensionamento erano in corso. Ghosn ha affermato che la firma sul contratto non è mai stata apposta e di non aver mai percepito nulla dalla Nissan che non fosse stato reso pubblico come richiesto dalle normative giapponesi.

"Per me, la prova è il 'test della morte': se morissi oggi, i miei eredi potrebbero obbligare la Nissan a pagare qualcosa di diverso dal mio assegno di pensione? La risposta è un inequivocabile 'no'", ha detto a tal proposito Ghosn.

condivisioni
commenti
Sainz è speranzoso: "La McLaren si ricorderà come si fa a vincere"
Articolo precedente

Sainz è speranzoso: "La McLaren si ricorderà come si fa a vincere"

Prossimo Articolo

Red Bull: la RB15 sta nascendo con i cerchi forati, la Ferrari invece no

Red Bull: la RB15 sta nascendo con i cerchi forati, la Ferrari invece no
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021