Caso F1: i vaccinati in Bahrain sono senza green pass

Gli addetti ai lavori della F1 che in marzo si sono vaccinati in Bahrain non hanno ricevuto l'indispensabile documento che è necessario avere dal 6 agosto per accedere ai luoghi chiusi. Sebbene al rientro nel Paese d'origine abbiano comunicato di essere stati sopposti alla profilassi anti COVID-19 non sono ancora stati muniti del prezioso codice QR.

Caso F1: i vaccinati in Bahrain sono senza green pass

Tra gli argomenti più discussi dell’estate 2021 c’è indubbiamente la questione ‘green pass’, destinato a diventare un lasciapassare sempre più indispensabile non solo per chi è costretto a viaggi frequenti, ma anche per svolgere normali attività quotidiane.

In questa situazione, non certo secondaria, molti addetti ai lavori della Formula 1 si sono ritrovati in una sorta di limbo, da cui sperano di poter uscire al più presto.

Lo scorso mese di marzo le autorità del Bahrain, paese che ha ospitato i test pre-campionato ed il primo Gran Premio 2021, hanno offerto la possibilità di vaccinarsi a tutti coloro che operano nel paddock Formula 1, un’opportunità colta al volo da un’alta percentuale di addetti ai lavori considerando i continui spostamenti che si apprestavano ad affrontare con l’avvio della stagione.

Tornati nei rispettivi paesi di residenza, tutti coloro che sono stati sottoposti alla doppia dose di Pfizer hanno comunicato alle autorità sanitarie l’avvenuta vaccinazione, ma senza ricevere il green pass come coloro che avevano eseguito la stessa procedura in patria.

“È una situazione strana – ha commentato uno dei vaccinati in Bahrain – le varie autorità nazionali, non solo in Italia, hanno attivato una procedura automatica che scatta quando viene effettuata la prima dose, intendo nel paese d’origine, ed in quel momento si avvia una serie di passaggi che portano all’emissione del green pass".

"Nel nostro caso la vaccinazione è stata effettuata in un paese straniero, ovviamente l’abbiamo comunicato al rientro nella nazione d’origine, ed è stato anche registrato. Ma a quanto pare la procedura è davvero... difficile! Un collega di un’altra nazione europea si è sottoposto ad una seconda vaccinazione nel suo paese per riuscire finalmente ad avere il green pass…”.

La Formula 1 al momento si basa ancora sul sistema a bolle verificato con tamponi da effettuare prima e durante i weekend di gara, un’organizzazione capillare che funziona perfettamente, ma non è da escludere che tra le nazioni che ospiteranno le tappe della seconda metà di stagione ci possa essere una rigorosa richiesta del green pass per ottenere l’accesso.

Alle conseguenze nelle attività lavorative si sommano quelle legate alla vita privata, ma al momento nessuna delle richieste alla autorità competenti avviate negli ultimi mesi ha portato alla risoluzione del problema burocratico, lasciando ancora in stand-by molte squadre e addetti ai lavori, tra cui in Italia Ferrari e Pirelli.

condivisioni
commenti
Todt: "Schumacher vivo grazie a Corinna, ma con conseguenze"

Articolo precedente

Todt: "Schumacher vivo grazie a Corinna, ma con conseguenze"

Prossimo Articolo

McLaren, Brown: "Titoli? Dal 2024 non avremo più scuse"

McLaren, Brown: "Titoli? Dal 2024 non avremo più scuse"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021