Caso Budkowski: i team contestano gli appena tre mesi di "gardening"

condivisioni
commenti
Caso Budkowski: i team contestano gli appena tre mesi di "gardening"
Di:
29 set 2017, 11:04

L'uscita dalla FIA del responsabile tecnico ed il suo imminente approdo alla Renault è stato argomento di discussione nella conferenza dei team principal, che chiedono regole più chiare per chi lascia la Federazione.

Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing nella conferenza stampa
Toto Wolff, Direttore del Motorsport Mercedes AMG F1and Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari
FIA Safety Director Laurent Mekies and F1 Technical and Sporting Coordinator Marcin Budkowski.
Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing e Max Verstappen, Red Bull Racing
Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing, Robert Fearnley, Deputy Team Principal Sahara Forc
Marcin Budkowski, Responsabile tecnico FIA
Frederic Vasseur, Team Principal, Sauber F1
Frederic Vasseur, Sauber Team Principal in the Press Conference
Toto Wolff, Direttore del Motorsport Mercedes AMG F1 e Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari
Toto Wolff, Direttore del Motorsport Mercedes AMG F1, Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari e Niki Lauda, Presidente Non-Esecutivo Mercedes AMG F1
Zak Brown, Direttore Esecutivo, McLaren Technology Group, Christian Horner, Team Principal, Red Bull
Otmar Szafnauer, Chief Operating Officer, Force India
Otmar Szafnauer, Chief Operating Officer, Force India, Sergio Perez, Force India
Marcin Budkowski, responsabile tecnico FIA e Matteo Bonciani Responsabile comunicazione FIA

Le squadre di vertice della Formula 1 hanno discusso oggi del possibile impatto dell'approdo di Marcin Budkowski ad una squadra rivale, dopo che ha preso piede la voce che l'ex responsabile tecnico della FIA si sia dimesso dal suo ruolo per entrare a far parte della Renault.

La squadra di Enstone per ora si è rifiutata di commentare, ma pare che a scatenare la reazione rabbiosa del paddock sia stato un fantomatico avvistamento di Budkowski al simulatore Renault, che però deve ancora trovare conferma.

In ogni caso, i team principal di diverse squadre hanno espresso le loro perplessità durante la conferenza stampa di oggi, arrivata in seguito ad un incontro d'urgenza avvenuto a Sepang, dettato dal timore che i segreti delle loro monoposto che le squadre hanno mostrato alla FIA possano finire in mani "nemiche".

"Sarà un grosso problema se andrà in un'altra squadra" ha detto Christian Horner, team principal della Red Bull. "Poniamo tutti grande fiducia sulle persone che occupano ruoli come quello di cui era responsabile Marcin".

"E' stato in una posizione estremamente privilegiata, perché è stato in galleria del vento e conosce alcuni dettagli intimi delle monoposto del prossimo anno".

"Penso che un periodo di gardening di soli tre mesi prima di passare in un'altra squadra, sia assolutamente inappropriato per lui".

"Spero che non sia così e sono sicuro che ne discuteremo molto seriamente nella prossima riunione dello Strategy Group".

Il team principal della Sauber, Frederic Vasseur, ha aggiunto: "Dobbiamo sapere dove andrà Marcin, ma è un grosso problema".

"La FIA è pienamente consapevole di tutti i dettagli dei progetti delle squadre e se non possiamo essere aperti con loro si viene a creare una situazione difficile: è importante sapere dove andrà Marcin".

Un problema di fiducia

Anche Horner ha sottolineato la stessa cosa, spiegando che questo caso rischia di creare una spaccatura nel rapporto di fiducia tra la FIA e le squadre, che dovrebbero poter fornire informazioni senza timori.

"E' una parte importante del ruolo ed è fondamentale che le squadre abbiano fiducia nella Federazione, per quanto riguarda la discussione del loro know-how tecnico e dei loro segreit" ha detto.

"Parliamo di investimenti di milioni di euro, quindi le informazioni che riveliamo dovrebbero essere confidenziali e non dovrebbe esserci il rischio che possano finire nella mani di una squadra rivale".

Un discorso che ha trovato anche l'appoggio del team principal della Mercedes, Toto Wolff: "Personalmente auguro a Marcin ogni bene per la sua carriera, ma dobbiamo guardare meglio ai tempi del suo gardening".

"Dobbiamo essere trasparenti con la FIA e dargli accesso al nostro lavoro. Però se vogliono la nostra fiducia è importante che ci sia una certa stabilità e che sia chiaro quanto tempo deve passare prima che un membro della Federazione possa andare a lavorare per una squadra".

Un anno di stop

Otmar Szafnauer, COO della Force India, ha dichiarato che secondo lui il personale della FIA dovrebbe aspettare almeno 12 mesi prima di avere la possibilità di unirsi ad una squadra.

"Sarebbe meglio sapere il periodo di gardening" ha detto. "Tre mesi non credo che siano un periodo abbastanza lungo. Se lo avessimo saputo anche noi, forse lo avremmo assunto! (ride). Ma tre mesi non è assolutamente abbastanza".

"Penso che un anno sarebbe un periodo abbastanza lungo per fare in modo che gli aspetti tecnici di cui è a conoscenza siano abbastanza obsoleti. Alla fine le regole che ci proibiscono di vendere le nostre monoposto sono lì esattamente per la stessa ragione".

Informazioni aggiuntive di Jonathan Noble

Prossimo Articolo
Ferrari: si scommette sul motore 3 "vitaminizzato" fino a Suzuka

Articolo precedente

Ferrari: si scommette sul motore 3 "vitaminizzato" fino a Suzuka

Prossimo Articolo

Red Bull sul bagnato, Ferrari sull'asciutto, con la Mercedes "incompiuta"

Red Bull sul bagnato, Ferrari sull'asciutto, con la Mercedes "incompiuta"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP della Malesia
Location Sepang International Circuit
Autore Matteo Nugnes