Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
103 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
117 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
131 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
159 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
166 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
180 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
216 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
223 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
236 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
250 giorni

Così Buemi e la Red Bull hanno sfidato il... Passo del Gottardo!

condivisioni
commenti
Così Buemi e la Red Bull hanno sfidato il... Passo del Gottardo!
Di:
14 nov 2017, 10:45

Il forte driver di Aigle ha sfrecciato con una monoposto di Formula 1 lungo i 24 storici tornanti che portano dalla strada della Tremola al confine tra Svizzera italiana e tedesca. “È stato tutt’altro che facile, ma che onore pazzesco!”.

Sébastien Buemi, Red Bull F1
Sébastien Buemi, Red Bull F1
Sébastien Buemi, Red Bull F1
Sébastien Buemi, Red Bull F1
Sébastien Buemi
Sébastien Buemi
Sébastien Buemi, Red Bull F1
Red Bull F1 sul Passo del Gottardo
Sébastien Buemi, Red Bull F1
Passo del Gottardo

Non c’è trucco e non c’è inganno. Sébastien Buemi ha portato una monoposto di Formula 1 lungo la storica strada della Tremola fino al Passo del Gottardo, spartiacque tra la Svizzera italiana e tedesca.

Il campione di Formula E nel 2016 nonché test driver della Red Bull Racing ha percorso i 24 tornanti dell’ardua strada acciottolata realizzata tra il 1827 e il 1832.

 

Un’esperienza completamente diversa per l’elvetico, abituato a sfrecciare a 300 km orari sui principali tracciati al mondo.

“La strada era molto stretta, affrontare le curve è stato tutt’altro che facile”, ha dichiarato il driver di Aigle una volta giunto al traguardo.

 

“Il percorso era molto accidentato, ovviamente non ho potuto dare gas come avrei fatto su una strada asfaltata, ma in compenso il panorama era fantastico”, continua Buemi.

Aver potuto pilotare una vettura di Formula 1 sul Passo del Gottardo è grande motivo d’orgoglio per il pilota elvetico.

“Sono cittadino sia svizzero che italiano. Diciamo che il Passo unisce, per così dire, le mie due patrie. Poter percorrere un tragitto del genere è un’occasione che capita una sola volta nella vita. Per me è stato davvero un onore immenso”.

 

In Svizzera è raro vedere un'auto di Formula 1. Le gare di velocità su circuito sono infatti vietate e per compiere singoli spostamenti occorre un permesso speciale. Le riprese sono state rese possibili grazie alla stretta collaborazione con la Ticino Film Commission.

 

Prossimo Articolo
GP di Abu Dhabi: la Ferrari avrà più Ultrasoft rispetto alla Mercedes

Articolo precedente

GP di Abu Dhabi: la Ferrari avrà più Ultrasoft rispetto alla Mercedes

Prossimo Articolo

Hamilton: "Fa schifo avere solo tre motori per la stagione 2018!"

Hamilton: "Fa schifo avere solo tre motori per la stagione 2018!"
Carica commenti