Brown: "2 top team giocano col fuoco con il budget cap"

Il CEO della McLaren, Zak Brown, afferma che le due squadre che si oppongono ad un'ulteriore riduzione del budget per il 2021 stanno "giocando con il fuoco".

Brown: "2 top team giocano col fuoco con il budget cap"

Brown ha anche paragonato queste due squadre a "un peso massimo che vuole combattere solo i pesi medi", continuando a difendere il loro vantaggio finanziario e quindi competitivo.

Dall'inizio della crisi del COVID-19, le squadre hanno provvisoriamente concordato di abbassare il limite massimo dei costi per il 2021 da 175 a 150 milioni di dollari.

Tuttavia, in un meeting video dei boss della F1 che si è tenuto lunedì, Brown e altri hanno sostenuto un ulteriore calo a 125 milioni di dollari. Dei tre team più colpiti dal tetto massimo, Ferrari e Red Bull si sono dichiarati contrari, mentre Mercedes è stata più ricettiva.

Brown avverte che, a meno che non si proceda a un cambiamento, la griglia di partenza rischia di perdere alcune squadre.

"Senza 10 o almeno nove squadre non si ha davvero la F1", ha detto Brown a Sky F1. "Un paio di squadre devono stare molto attente, perché penso che stiano giocando con il fuoco, per così dire".

"Ci vuole una griglia completa per avere uno sport credibile, quindi se continuano ad avere una F1 insostenibile, e un paio di squadre perdono interesse, o non sono più finanziariamente in grado di partecipare, correranno contro se stessi. E questo non funzionerà".

Quando gli è stato chiesto a quali top team si riferiva, non ha fatto il loro nome, ma ha chiarito chi sono: "Stiamo parlando di un paio di squadre. Daimler credo stia facendo un ottimo lavoro, riconoscendo la situazione in cui ci troviamo. Così si può dedurre chi sono le altre squadre!".

"È un'enorme piattaforma di marketing per questi due team, quindi capisco perché vogliano mantenere l'equilibrio fiscale dove si trova ora. Ma nello sport si vuole pensare che tutti possano lottare lealmente e che possa vincere la squadra migliore".

Leggi anche:

"Penso che abbiano bisogno di avere fiducia. E' come un peso massimo che vuole combattere solo i pesi medi. Queste sono grandi squadre, dovrebbero essere pronte a combattere tutti su un piano di parità, e penso che questo sia ciò che i tifosi vogliono nello sport".

Brown ha contrapposto la situazione della F1 a quella della IndyCar, dove tutti hanno un equipaggiamento simile, ma a conti fatti le squadre meglio preparate di solito riescono ad avere la meglio nel corso di una stagione.

"Se si guarda alla IndyCar, Roger Penske ha la stessa macchina di ogni altra squadra, ha uno dei due motori, e vince la maggior parte delle volte. Penso ancora che le squadre più grandi e migliori, le marche più grandi, attireranno i migliori piloti, i migliori ingegneri".

"Ma in questo momento il divario tra chi sta davanti e chi è dietro in IndyCar è di decimi. Se si guarda a una stagione IndyCar, saranno Penske o Andretti o Ganassi a vincere il campionato, lo fanno sempre, ma si hanno tre o quattro vincitori a sorpresa all'anno, quindi è emozionante andare a una gara, perché si pensa a chi potrebbe vincere, ma non è una cosa certa".

"Se si guardano le tre gare più emozionanti che abbiamo fatto in F1 di recente, sono la Germania, Baku ed il Brasile: ci sono stati maltempo, incidenti e safety car, ma non dovremmo fare affidamento esclusivamente su questo per avere una gara imprevedibile".

"Dovrebbe essere che una di quelle che non è una squadra 'A' possa avere una strategia migliore o prendere la safety car al momento giusto e capitalizzare il fatto che qualcuno abbia fatto un pit stop sbagliato".

"Se si chiede ai tifosi, che sono i nostri 'clienti', vogliono vedere gare come il Brasile e la Germania, e non dovremmo fare affidamento su acquazzoni torrenziali per creare quel livello di eccitazione".

condivisioni
commenti
Accordo FIA-Ferrari: brevetti top secret da non divulgare?

Articolo precedente

Accordo FIA-Ferrari: brevetti top secret da non divulgare?

Prossimo Articolo

Mercedes: il DAS è l'evoluzione di un'idea fallita

Mercedes: il DAS è l'evoluzione di un'idea fallita
Carica commenti
Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft" Prime

Piola: "Al Ricard è difficile finire il giro con le soft"

In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano quanto visto nel venerdì di prove libere del GP di Francia. Tante sorprese e tante novità tecniche in un tracciato che "in teoria" sarebbe favorevole a Mercedes, eppure...

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo" Prime

Bobbi: "Max vola in curva, ma sembra appeso a un filo"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu analizzano le prove libere del venerdì del GP di Francia di Formula 1. Red Bull in testa con Verstappen, ma le Mercedes possono cambiare marcia in qualifica. Da tenere d'occhio il prosieguo di weekend dell'Alpine.

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo" Prime

Chinchero: "Ferrari, la seconda fila sarebbe un bel colpo"

Torna Debriefing F1, programma podcast di Motorsport.com con cui Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano le prove libere del GP di Francia al Paul Ricard. Buon ascolto!

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Formula 1
17 giu 2021
Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Formula 1
17 giu 2021
Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Formula 1
17 giu 2021
Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021