Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
107 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
127 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
141 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
155 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
183 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
190 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
204 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
211 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
240 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
247 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
260 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
274 giorni

Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali

condivisioni
commenti
Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
24 set 2019, 08:55

Ross Brawn ha risposto alle critiche ricevute dalle potenziali modifiche ai format dei weekend di gara del 2020, sottolineando che per il momento si tratterebbe solo di adeguamenti sperimentali.

La Liberty Media ha discusso con i team e la FIA sulla possibilità di sperimentare delle qualification race a griglia invertita in alcuni eventi selezionati del 2020, al fine di provare a migliorare lo spettacolo.

Una proposta che però è stata criticata aspramente da Lewis Hamilton e Sebastian Vettel dopo le qualifiche del GP di Singapore, etichettandola come "str....." e "approccio completamente sbagliato".

Nell'incontro con i media dopo la gara, Brawn ha affrontato le reazioni di piloti ed esperti, spiegando che la cosa in realtà è ancora in discussione.

"Per cercare di chiarire la situazione ed evitare malintesi, ci sono discussioni per fare delle sperimentazioni nel 2020 riguardo al format delle qualifiche, con l'obiettivo di rendere i weekend un po' meno prevedibili" ha detto Brawn. "Voglio enfatizzare la parola esperimento perché è di questo che si tratta: un piccolo esempio per stabilire la direzione da prendere in futuro".

Leggi anche:

"Siamo fin troppo consapevoli del fatto che l'attuale format di qualifica sia eccitante e spettacolare, ma è importante assicurarsi che sia tale anche la gara, perché è il momento clou del fine settimana. E dato che, indipendentemente da quante simulazioni facciamo, non c'è mai misura più precisa della pista, la Formula 1, i team e la FIA stanno studiando la possibilità di un format rivisto per un piccolo numero di eventi nella prossima stagione".

"Avendo regole sportive e tecniche stabili in vigore nel 2020, è il momento perfetto per delle valutazioni di questo tipo".

Brawn ha esortato inoltre gli scettici riguardo a questi cambiamenti ad abbracciare qualsiasi esperimento volto a cercare di rendere più eccitanti le gare di Formula 1.

"Non è stata presa ancora nessuna decisione, perché stiamo finalizzando tutti i dettagli, ma i feedback ricevuti per ora sono in maggioranza positivi" ha aggiunto. "Capisco che i puristi potrebbero essere preoccupati, ma non dobbiamo avere paura di fare degli esperimenti, altrimenti non possiamo progredire".

"Non vogliamo cambiare solo per il gusto di cambiare. Vogliamo migliorare il nostro sport, perché, come per lo sviluppo delle vetture, se stai fermo rischi di scivolare più indietro" ha concluso.

Prossimo Articolo
Regole 2021: c'è lo show, perché fare una rivoluzione?

Articolo precedente

Regole 2021: c'è lo show, perché fare una rivoluzione?

Prossimo Articolo

Ferrari: c'è un'inversione di tendenza sugli sviluppi

Ferrari: c'è un'inversione di tendenza sugli sviluppi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jack Cozens