Brawn: "La separazione da Honda è stata un bene per la McLaren"

Ross Brawn ha affermato come il divorzio tra McLaren e Honda sia stato positivo per consentire al team di Woking di rinascere e capire le carenze sulle proprie monoposto.

Brawn: "La separazione da Honda è stata un bene per la McLaren"

Dopo una unione difficile durata dal 2015 al 2017, la McLaren e la Honda hanno deciso di separare le loro strade nel 2018 con il team inglese che si è affidato alle power unit Renault per spingere le proprie monoposto.

Nonostante le Honda sia riuscita a conquistare tre successi nel 2019 con la Red Bull, ed essere una potenziale candidata al titolo quest’anno, Ross Brawn pensa che la separazione dal costruttore giapponese sia stato un bene per consentire alla McLaren di uscire da un periodo buio.

“Ci hanno messo un po’ di tempo per ammetterlo. Molti credono che abbiano fatto un grande errore a separarsi dalla Honda, ma penso che sia stata una decisione necessaria per ricostruire il team”.

“Hanno incolpato sempre la Honda, ma credo che adesso siano consapevoli che non era solo il motore il problema. Nell’abbandonare il motorista giapponese si sono resi conto che dovevano fare qualcosa per risollevare la squadra”.

“Passando ad un motorista che già stava facendo bene con un altro team hanno capito di avere problemi più grandi di quelli derivanti solo dal motore e sono stati costretti ad apportare alcune modifiche. Penso che abbiano fatto dei cambiamenti importanti”.

Ross Brawn ha poi espresso ottimismo circa le possibilità per i team di metà classifica di poter progredire nel 2021 con l’entrate in vigore del budget cap.

“I costi sono una parte del problema. Sono consapevole che in alcuni team c’è della frustrazione per via dei costi non calmierati, ma siamo intervenuti per renderli accettabili e gestibili anche per i team di punta”.

“Ad ogni modo sarà un cambiamento importante per le squadre di vertice che dovranno modificare la loro struttura tra le tante altre cose. Penso che questo processo porterà ad un avvicinamento tra questi team e le scuderie di metà classifica e sono certo che il futuro dei team di metà schieramento sarà luminoso”.

"Il nuovo accordo commerciale è molto più equo ed il premio in denaro è distribuito in maniera maggiormente obiettiva. Alcune squadre avranno un sostanziale aumento dei ricavi”.

Brawn spera che anche la Williams sia in grado di risollevarsi nonostante un momento definito preoccupante.

“La Williams sta attraversando un periodo difficile e non può andare avanti così. Gli sponsor se ne andranno, i piloti se ne andranno, ma resta la speranza che possa tornare competitiva perché è un nome importante per la F1 e con una grande storia”.

“Non vogliamo perderli e sono certo che la nuova distribuzione dei premi in denaro li aiuterà, ma non possono restare in fondo alla griglia per sempre. Teniamo le dita incrociate e speriamo che possano fare un lavoro migliore nelle prossime stagioni”.

condivisioni
commenti
Ferrari: Leclerc sta girando con le Pirelli da 18 a Jerez
Articolo precedente

Ferrari: Leclerc sta girando con le Pirelli da 18 a Jerez

Prossimo Articolo

Ferrari: 130 giri a Jerez per Leclerc con le Pirelli da 18

Ferrari: 130 giri a Jerez per Leclerc con le Pirelli da 18
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021