Brawn: "In Turchia i veterani hanno dato una lezione ai giovani"

Ross Brawn ha voluto esaltare la condotta di gara dei piloti più esperti in Turchia, soffermandosi sul capolavoro di Vettel, evidenziando come i giovani abbiano pagato la loro inesperienza.

Brawn: "In Turchia i veterani hanno dato una lezione ai giovani"

Quello appena trascorso è stato uno dei gran premi più intensi ed emozionanti che questa strana stagione di Formula 1 ha regalato al pubblico.

Il tracciato dell’Istanbul Park si è rivelato estremamente complicato da affrontare a causa di un manto stradale reso insidioso non solo dalla recente riasfaltatura, ma anche dalla pioggia che ha creato parecchie difficoltà soprattutto ai piloti meno esperti.

A sottolineare come domenica sia emersa la classe dei piloti con parecchie gare sulle spalle è stato Ross Brawn in una intervista rilasciato al sito F1.com.

Brawn ha punzecchiato le nuove leve come Verstappen o Leclerc per gli errori commessi, mentre ha voluto sottolineare la grande gara compiuta da Sebastian Vettel bravissimo nel finale ad approfittare di una sbavatura proprio del suo compagno di team.

“Quello che abbiamo visto in Turchia ha evidenziato come i piloti in Formula 1 ormai da parecchi anni abbiano messo a frutto tutta la loro esperienza, mentre i più giovani hanno dimostrato di avere ancora qualcosa da imparare”.

“E’ stato affascinante vedere le performance di Seb lo scorso weekend. Spesso la gente si affretta a scrivere pareri inesatti se si trascorre un periodo poco felice”.

“Domenica, però, ha fatto vedere al mondo tutto il suo immenso talento. Quest’anno si è trovato nell’ombra di Leclerc e senza dubbio la fine del suo rapporto con la Ferrari non è stata semplice da affrontare. Credo che la gara di domenica sia uno di quei giorni che resteranno impressi nella sua mente. Non ha mai commesso alcuna sbavatura ed ha colto ogni opportunità”.

Brawn ha sottolineato come il monegasco della Ferrari e l’olandese della Red Bull, invece, non siano riusciti ad emergere nella gestione degli pneumatici a causa della poca esperienza in queste condizioni.

Certo, c’è però da sottolineare come Verstappen, a differenza di Leclerc, possa vantare ormai sei anni di esperienza al volante di una Formula 1…

“I piloti più giovani, come Charles e Max, hanno invece commesso errori. Loro non hanno mai corso in condizioni simili prima di domenica”.

“E’ stata una grande sfida cercare di capire come si sarebbero comportate le gomme e prevedere il loro degrado nei successivi 10 o 20 giri. Qui l’esperienza in pista ha fatto la differenza. Ad ogni modo questa gara andrà ad accrescere il loro bagaglio di conoscenze e sono certo che se domani dovessimo correre nuovamente in Turchia molti di loro avrebbero un approccio differente”.

Brawn è poi tornato sull’argomento che ha condizionato lo scorso weekend di Istanbul, la riasfaltatura del tracciato.

Sin dal venerdì tutti i piloti, incluso il 7 volte campione del mondo Hamilton, hanno criticato apertamente la scelta degli organizzatori di procedere con la posa di un nuovo manto poche settimane prima dell’evento.

L’errore compiuto è stato evidente, dato che il livello di aderenza anche su asciutto era pari a zero, ma Brawn ha difeso a spada tratta quanto fatto dagli organizzatori portando acqua al mulino di Liberty Media.

“I promoter hanno compiuto un grandissimo lavoro per fare in modo che il circuito riuscisse ad ospitare una gara. Sono consapevole delle lamentele dei piloti per lo scarso livello di aderenza, ma non dobbiamo dimenticare che l’ingresso della Turchia in calendario è stato annunciato tardivamente a seguito dello stravolgimento della stagione dovuto alla pandemia”.

“Credo che i piloti si debbano ricordare come la F1 sia una competizione dove vince chi taglia per primo il traguardo, e domenica l’aderenza era la stessa per tutti. Alcuni sono rimasti concentrati, altri, invece, si sono distratti spesso”.

“Correre su una superficie così scivolosa non è stato un male. Abbiamo potuto apprezzare al massimo il talento di ogni pilota. Non credo che i livelli di aderenza possano essere un parametro per determinare la qualità della competizione”.

Informazioni aggiuntive di Adam Cooper

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
1/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
5/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20, and Charles Leclerc, Ferrari SF1000, leave the track at the start
Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20, and Charles Leclerc, Ferrari SF1000, leave the track at the start
6/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
10/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16 e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20 nel giro di formazione
Lance Stroll, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16 e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20 nel giro di formazione
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
16/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
19/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
21/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Lando Norris, McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Nissany e Aitken gireranno nelle Libere 1 del Bahrain

Articolo precedente

Nissany e Aitken gireranno nelle Libere 1 del Bahrain

Prossimo Articolo

F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin

F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021