Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
111 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
131 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
145 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
159 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
187 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
194 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
208 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
214 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
242 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
249 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
277 giorni

Brake duct: perché diventano elementi aerodinamici nel 2020?

condivisioni
commenti
Brake duct: perché diventano elementi aerodinamici nel 2020?
Di:
9 ago 2019, 08:10

Cambia la definizione regolamentare delle prese d'aria dei freni: l'anno prossimo le macchine clienti non potranno acquistare questi particolari, ma dovranno realizzarle in proprio come tutte le altri parti della veste aerodinamica.

Nikolas Tombazis sembra sempre un tipo molto riflessivo che con la forza del ragionamento ottiene i graduali cambiamenti regolamentari che vanno in direzione della logica.

Con la semplificazione delle norme aerodinamiche andate in scena quest’anno, le brake duct hanno perso un po’ della capacità di generare carico, ma, nonostante i vincoli, i tecnici delle squadre sono riusciti a farle diventare strumenti utili alla generazione dei vortici e a laminare i flussi con indiscutibili funzioni che non sono solo legate al raffreddamento dei freni, ma all’aerodinamica.

Per i commissari tecnici della FIA, quindi, le brake duct sono diventate a tutti gli effetti degli elementi aerodinamici della monoposto e dal 2020 tanto le prese anteriori che quelle posteriori non saranno acquistabili da un’altra squadra, ma ciascun team dovrà prodursele in proprio come il resto della veste aerodinamica.

Le vetture clienti, quindi, nel 2020 saranno disponibili con un pacchetto meno copioso di quanto fosse nel recente passato, mentre rimane la libertà di acquisire oltre a motore e cambio anche i bracci delle sospensioni e l’impianto frenante.

Le brake duct, quindi, tornano a essere un patrimonio del Costruttore: sono parti che contribuiscono alle prestazioni della vettura e, quindi, richiederanno uno specifico lavoro di ricerca e sviluppo che impegnerà squadre come la Has e la Toro Rosso, tanto per fare alcuni esempi, che potevano fare riferimento a Ferrari e Red Bull, ma non solo…

Prossimo Articolo
L'opinione: quell'inscalfibile superiorità delle frecce

Articolo precedente

L'opinione: quell'inscalfibile superiorità delle frecce

Prossimo Articolo

GP del Belgio: solo la Mercedes scommette sulle gomme Medie

GP del Belgio: solo la Mercedes scommette sulle gomme Medie
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Location Hungaroring
Autore Franco Nugnes