Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
115 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
157 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
171 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
185 giorni

Bottas: "Non voglio psicologi per battere Lewis. Non sono Rosberg"

condivisioni
commenti
Bottas: "Non voglio psicologi per battere Lewis. Non sono Rosberg"
Di:
21 lug 2019, 11:12

Valtteri, secondo nel Mondiale, spiega: "Con alcuni funziona, con altri no. So cosa va meglio per me e quella non è una buona soluzione".

Valtteri Bottas è partito benissimo nel Mondiale 2019, apparendo nelle prime gare della stagione il primo e unico avversario del solito mastino Lewis Hamilton, alla caccia del sesto titolo iridato che lo porrebbe ai vertici della F1, appena un gradino sotto al leggendario Michael Schumacher. Poi, nella parte centrale della stagione, è arrivata la risposta veemente del 5 volte iridato.

Hamilton si è portato in testa al Mondiale senza lasciare possibilità di replica a Bottas. Nelle ultime settimane c'è chi avrebbe suggerito a Bottas di emulare quanto fatto da Nico Rosberg nel 2016, ossia rivolgersi a psicologi sportivi che possano aiutarlo a vincere quello che sarebbe il primo titolo mondiale della sua carriera.

Bottas, però, sembra proprio non volerne sapere e di fare affidamento solo sulle sue forze e le sue caratteristiche per raggiungere l'obiettivo primario della sua carriera. "Non penso che funzionerebbe per me. Ogni atleta e ogni persona fa storia a sé. Alcuni hanno bisogno di supporto. Io ho già ottime persone attorno a me con cui posso parlare".

"Per me è l'uomo che vedo nello specchio tutti i giorni a potermi dare le risposte se passo momenti difficili o ho qualche dubbio. E così via. Io risolvo i problemi da solo. Non vedo un vero e proprio guadagno ad avere uno psicologo, al momento".

"E' una cosa individuale. Se si guarda a tanti altri sport, tante persone usano psicologi tutte le volte e certamente riescono a migliorare, ma alcune non riescono. Io non sono Rosberg, sono Valtteri. E so cosa funziona meglio per me".

"Non ho mai parlato con Nico di come è riuscito a battere Hamilton. Sono preparato per seguire la mia strada. DI sicuro da fuori non si riesce a vedere quanto e cosa faccio nella mia preparazione. Vedremo. Alcune cose le faccio da me. Non ho intenzione di parlare di queste cose al momento".

Prossimo Articolo
F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti

Articolo precedente

F1, regole 2021: per trovare le zone grigie ecco un pool di esperti

Prossimo Articolo

Incredibile Mercedes: omologato un nuovo telaio della W10!

Incredibile Mercedes: omologato un nuovo telaio della W10!
Carica commenti