Bottas al servizio di Hamilton: "Dovevo rallentare Kimi e assieme abbiamo battuto la Ferrari"

condivisioni
commenti
Bottas al servizio di Hamilton:
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
02 set 2018, 16:39

Il gioco di squadra delle Frecce d'Argento a Monza ha visto il finlandese rallentare il suo connazionale ferrarista per garantire a Lewis la rimonta e il sorpasso-vittoria. Dopo è stata bagarre con Verstappen e il podio è una grande gioia per la Mercedes.

Se oggi la logica degli appassionati poteva virare su un Kimi Räikkönen pronto a servire Sebastian Vettel in quel di Monza, in realtà lo stesso scenario non si è verificato in Ferrari, ma in Mercedes.

Valtteri Bottas ha chiuso terzo in rimonta il Gran Premio d'Italia dopo una appassionante bagarre con Max Verstappen (che per poco non lo spedisce a muro), ma che nel corso della gara ha trasformato il finlandese in un... cameriere per Lewis Hamilton nel tratto centrale e, alla fine, decisivo.

Portando il più avanti possibile la sosta ai box, il ragazzo della Stella si è ritrovato davanti a Räikkönen, in quel momento leader, con il compito apertamente dichiarato in un team-radio di rallentare Kimi per favorire il recupero di Hamilton, che una volta raggiunta la Ferrari #7 con gomme ormai finite ha impiegato pochissimo per compiere il sorpasso della vittoria.

Leggi anche:

"La mia missione era rallentare Kimi per consentire la rimonta di Lewis, poi ho pensato a raggiungere il podio mettendocela tutta - ha commentato Bottas nel post-GP - Quando abbiamo analizzato tutti gli scenari possibili della gara sapevamo che bisognava adottare la strategia migliore per cercare di ottenere il massimo, dato che partivo quarto. C'era la possibilità di allungare il primo stint e la cosa si è rivelata azzeccata per poter attaccare nel finale e dare pure una mano a Lewis a vincere".

Con Verstappen, invece, le cose sarebbero potute andare molto peggio dato che la speronata ricevuta dal ragazzo terribile della Red Bull ha quasi spedito a muro la Freccia d'Argento del nordico.

"Abbiamo battagliato in modo duro con Max, secondo me anche oltre il consentito ed è per questo che poi è stato penalizzato. Sono contento del risultato, è un successo di tutto il team perché assieme abbiamo battuto le Ferrari, che ieri erano più veloci. Oggi tocca a noi festeggiare".

E nel giro d'onore le Mercedes hanno nuovamente compiuto la parata come lo scorso anno, proprio per festeggiare in casa del... nemico e restituire (con gli interessi) quanto visto a Silverstone.

Prossimo articolo Formula 1
La delusione di un eroico Räikkönen: "Gomme durate poco, impossibile resistere ad Hamilton"

Articolo precedente

La delusione di un eroico Räikkönen: "Gomme durate poco, impossibile resistere ad Hamilton"

Prossimo Articolo

Arrivabene: "Noi assumiamo piloti, non maggiordomi, ma non mi sento di criticare gli altri"

Arrivabene: "Noi assumiamo piloti, non maggiordomi, ma non mi sento di criticare gli altri"
Carica commenti