Binotto: "Siamo veloci, la Mercedes è vicina, ma alla SF90 serve l'affidabilità"

Il team principal della Scuderia ha parlato con la stampa prima che Vettel dovesse interrompere la simulazione di GP per un guaio elettrico. Mattia è consapevole che la Rossa è una buona macchina, ma non nasconde i timori per l'affidabilità.

Binotto: "Siamo veloci, la Mercedes è vicina, ma alla SF90 serve l'affidabilità"

Mattia Binotto sembra avere un sesto senso: il team principal ha fatto una perfetta fotografia della Ferrari durante la sosta pranzo del quarto e ultimo giorno di collaudi quando ha incontrato i giornalisti per fare il punto dopo le due sessioni di test invernali a Barcellona. Il reggiano, svizzero di nascita, non poteva sapere che Sebastian Vettel nel pomeriggio avrebbe abortito la sua simulazione di Gran Premio per un problema elettrico.

Binotto ha acceso i fari sull’affidabilità, nella consapevolezza che SF90 sembra nata con una buona velocità di base. La Rossa, soprattutto in questa ultima settimana, ha accusato una serie di noie che l’hanno costretta piuttosto spesso ai box (perdita d'acqua dal sistema di raffreddamento, cedimento di un cerchio per l'urto con un detrito, rottura di uno scarico e, infine, la panne elettrica). Sempre piccoli guai che, però, hanno rallentato lo sviluppo della macchina.

Hamilton, nonostante tutto, considera la Ferrari più veloce di mezzo secondo. Come replichi?
“Dopo otto giorni di test, che sono stati interessanti ed intensi, continuiamo a concentrarci su noi stessi. Stiamo cecando di familiarizzare il più possibile con la nostra monoposto, cercando di capire il limite delle prestazioni ma anche verificando l’affidabilità. Queste prove sono molto importanti non solo per la preparazione in vista della prima gara, ma per tutta la stagione".

"Sono felice di sapere che Hamilton ci vede molto veloci, da parte mia credo che anche loro siano molto forti, e che lo saranno anche in Australia. Sarebbe molto sbagliato da parte nostra pensare di essere più veloci di loro, ci mancano molti dati che ai test non si possono conoscere. La mia sensazione è che in Australia saremmo molto vicini”.

Ci spieghi come è cambiata la struttura sotto la tua direzione così ci facciamo un’idea di come hai plasmato il team?
“L’importante è che le idee chiare le abbiamo noi. La struttura non è cambiata molto, è in continuità, quindi ogni persona ha mantenuto il proprio ruolo, non ci sono stati dei cambiamenti significativi, tutt’altro”.

“Nel modo in cui esercito il mio ruolo non sono un direttore tecnico che progetta la vettura nel suo dettaglio: il mio compito è cercare di coordinare le persone. A volte mi piace fare il parallelo con un direttore d’orchestra e l’orchestra. La mia responsabilità è dirigere l’orchestra. Le persone sono aumentate, ma alla fine solo loro che suonano gli strumenti. È chiaro che la complessità è aumentata perché ci sono più suonatori, però lo spartito è sempre lo stesso”.

Da team principal cosa ti rimprovereresti in quanto anche direttore tecnico del team e quale complimento ti faresti?
“Per battere sempre la concorrenza bisogna andare più forte di tutti gli altri. Deve essere questo lo spirito giusto per affrontare la nuova stagione. Non bisogna accontentarsi mai: non credo che la questione sia di essere al livello degli altri, quanto bisogna diventare i più forti di tutti. E ancora non lo siamo. Questo è il nostro obiettivo e il nostro impegno”.

“Anche l’affidabilità è un tema importante: in queste stagioni così combattute, nelle quali ogni singola gara, ogni singolo punto è determinante, vorrei vedere una macchina che sia più affidabile”.

“Detto questo è importante fare dei test. È importante individuare i problemi per poterli risolvere in tempo utile: non si tratta di fare degli allarmismi, però stiamo di fianco al,,, direttore tecnico perchè bisogna mantenere la massima concentrazione sui problemi avuti”.

Ci sono problemi agli scarichi visto che Leclerc ieri si è fermato per quella ragione, proprio come una Haas?
“E’ vero che Charles si è fermato per un problema a uno scarico, ma non era niente di particolare, perché quelle sono cose facilmente risolvibili”.

Leggi anche:

Leclerc scommetterebbe su una vittoria Ferrari a Melbourne. E tu?
“Non mi piace scommettere, non l’ho mai fatto in vita mia e se dovessi farlo preferirei scommettere sugli altri piuttosto che su noi stessi”.

L’anno scorso la Rossa non ha retto il finale della Mercedes forse per una carenza di sviluppo?
“Personalmente non credo. Se anche guardiamo le stagioni precedenti, la Ferrari ha saputo sviluppare la vettura. Forse abbiamo avuto qualche problema di correlazione fra i dati di sviluppo presi in galleria rispetto a quanto poi ci siamo trovati in pista. Questo più che un problema di capacità di sviluppo è un problema di metodologia e di processo per riuscire a portare in pista la giusta correlazione degli sviluppi fatti”.

“Ammetto che abbiamo imparato molto l’anno scorso: l’inverno ci è servito per approfondire i problemi avuti nella parte finale della scorsa stagione. Credo che la monoposto di quest’anno per il comportamento che sta mostrando, in qualche modo giustifica quello che è stato il nostro impegno, per cui siamo fiduciosi di aver risolto i problemi che avevamo”.

Quanto è cambiata la vita facendo il team principal?
“Per una persona come me a cui piace molto il privato, tanto che quando sono a casa cerco di nascondermi il più possibile, la vita cambia perché aumenta molto la popolarità. Questa è la prima cosa che emerge da un aspetto pratico. Credo che da un punto di vista professionale aumentino molto le responsabilità, la pressione, però credo che tra la responsabilità e la pressione che avevo da direttore tecnico questa sia la differenza minore”.

La scorsa settimana è venuto a Barcellona Louis Camilleri e oggi si è visto il presidente, John Elkann: avere l’azienda così vicina è una pressione in più, oppure aumenta la motivazione?
“Innanzitutto devo ringraziare entrambi per la fiducia che mi hanno dato. Penso che avere loro vicino è una ulteriore dimostrazione di fiducia nei confronti della squadra. Ma anche loro ci hanno dato una dimostrazione di quanto tengano al team: ci danno supporto, incoraggiamento e passione. Averli al nostro fianco è la cosa migliore”.

Siete andati in pista a vedere girare le monoposto…
“Andare in pista è sempre interessante perché uno confronta le varie vetture per come si comportano in frenata, in curva e in accelerazione. Osservando le varie monoposto è difficile fare dei confronti perché girano con diversi livelli di carburante, ma credo che la nostra vettura sia ben bilanciata in qualsiasi condizione, che sia a media o alta velocità, ma anche a bassa velocità. Mi sembra una macchina stabile in frenata che permette al pilota di aggredire nel modo corretto la curva. Direi che questa sia la parte che più mi è piaciuta della SF90”.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, fermo a bordo pista
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, fermo a bordo pista
2/15

Foto di: Diego Mejia

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, dopo lo stop a bordo pista
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, dopo lo stop a bordo pista
3/15

Foto di: Diego Mejia

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, con il figlio di John Elkann, Presidente FIAT
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, con il figlio di John Elkann, Presidente FIAT
5/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Mattia Binotto, Ferrari Team Principal, Charles Leclerc, Ferrari, John Elkann, FIAT Chairman and team members trackside
Mattia Binotto, Ferrari Team Principal, Charles Leclerc, Ferrari, John Elkann, FIAT Chairman and team members trackside
6/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
7/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
9/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio del fondo
Ferrari SF90, dettaglio del fondo
10/15

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
11/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
13/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
14/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il recupero della Ferrari SF90 di Sebastian Vettel
Il recupero della Ferrari SF90 di Sebastian Vettel
15/15

Foto di: Diego Mejia

condivisioni
commenti
Hamilton vede la Ferrari in vantaggio, ma avverte: "Ho la squadra migliore, non ci spaventa la sfida"

Articolo precedente

Hamilton vede la Ferrari in vantaggio, ma avverte: "Ho la squadra migliore, non ci spaventa la sfida"

Prossimo Articolo

Test F1 Barcellona, Giorno 4: Ferrari chiude al top con Vettel, ma Hamilton arriva a 3 millesimi!

Test F1 Barcellona, Giorno 4: Ferrari chiude al top con Vettel, ma Hamilton arriva a 3 millesimi!
Carica commenti
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021
Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1 Prime

Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1

La scuderia francese poteva vantare una conoscenza tecnologica derivante dall'aviazione, ma le problematiche del glorioso V12, e la sfortuna che ha spesso accompagnato i piloti, hanno posto fine in anticipo all'avventura del team in F1.

Formula 1
10 ott 2021