Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Il team principal della Ferrari commenta il weekend della Rossa al GP di Spagna, culminato con il settimo posto di Vettel e il ritiro di Leclerc.

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Al termine del Gran Premio di Spagna 2020 di Formula 1 svolto questo pomeriggio, il team principal della Ferrari Mattia Binotto si è trovato a commentare ai microfoni di Sky Sport l'ennesimo weekend complicato della sua squadra in questo 2020.

A salvare il bilancio del fine settimana è stato il settimo posto di Sebastian Vettel, colto grazie all'adozione di una strategia a una sosta sola, che ha permesso al tedesco di recuperare posizioni sfruttando il serbatoio meno pieno nella seconda parte della gara, girando con gomme Soft.

Mattia, che bilancio puoi fare di questo weekend per la Ferrari?
"A ogni GP c'è da riflettere e da fare meglio su certe cose. Il Montmelo è una pista difficile per noi e lo sapevamo, anche perché è una pista in cui serve alto carico aerodinamico e che, in parte, assomiglia all'Ungheria. Avevamo già visto nei test invernali che questa non sarebbe stata la nostra pista preferita, però oggi avremmo avuto modo di chiudere al quarto posto".

Le Qualifiche sono un problema?
"Ci siamo complicati la vita nelle qualifiche, dove non abbiamo trovato il bilanciamento giusto. Siamo partiti troppo indietro rispetto al potenziale di questa monoposto, anche se non è in grado di lottare per la vittoria. Poi qui difficilmente si supera. Siamo convinti che il nostro potenziale sia superiore a quello mostrato oggi. Senza il problema di affidabilità di Charles avremmo avuto la possibilità di chiudere quarti".

"Vettel è partito più indietro, abbiamo fatto una strategia a una sosta che lo ha portato a essere settimo. In questa fase del Mondiale, per come siamo messi, dobbiamo sfruttare al massimo ciò che abbiamo. Se non lo facciamo ci complichiamo la vita. Poi la macchina deve essere affidabile e oggi non lo è stata. Abbiamo avuto problemi alla centralina elettronica che improvvisamente ha spento la macchina di Charles. Non sappiamo ancora il perché, investigheremo per trovare il motivo".

Abbiamo avvertito altri fraintendimenti via radio con i piloti in questo weekend...
"Non voglio parlare di fraintendimenti tra i piloti e il muretto. Per scelta nostra preferiamo parlare apertamente. Altri non lo fanno, magari per non svelare le loro intenzioni. Noi invece pensiamo sia la strada giusta anche ponendo le domande da entrambe le parti. Guardando alle ultime gare, le scelte fatte si sono dimostrate corrette, quindi ben venga la discussione e i punti interrogativi. Per noi sono dialoghi aperti che ci portano a fare la scelta giusta".

Continuerete a sviluppare la SF1000 o è una monoposto già abbandonata?
"Continuiamo a sviluppare questa macchina, non l'abbiamo mai abbandonata. Stiamo continuando a lavorare su tutti i fronti cercando anche di sviluppare la vettura dell'anno prossimo. Porteremo quest'anno ancora sviluppi. Non nelle prossime gare. Abbiamo portato un pacchetto aerodinamico e uno scarico in Inghilterra, porteremo un pacchetto a basso carico per Spa e Monza che abbiamo preparato appositamente per quelle gare e che secondo noi sarà un buon pacchetto, sempre considerando i nostri problemi attuali. E poi porteremo ulteriori sviluppi che saranno utili anche per l'anno prossimo".

Cosa pensi delle dichiarazioni di Vettel, secondo cui il suo parere non sia più importante in seno al team?
"Sebastian ha risposto che il suo parere non è più importante all'interno della squadra? Credo sia un'affermazione dettata dalla sua delusione di non far più parte della squadra a partire dalla prossima stagione. Quando dice cose del genere vuol dire che pensa che consigli per il futuro non tocchino più a lui. Detto questo, con lui si sta lavorando bene, i rapporti sono buoni. Il suo weekend è stato discreto anche se si può fare molto meglio. Oggi ha fatto una buona gara e sono convinto che potrà avere un'iniezione di fiducia per le prossime gare, affrontandole con più entusiasmo".

condivisioni
commenti
Il segreto Mercedes? E' un anno avanti a tutti

Articolo precedente

Il segreto Mercedes? E' un anno avanti a tutti

Prossimo Articolo

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021