Binotto orgoglioso: "La Ferrari ha il miglior motore della F1"

Il team principal della Ferrari ha risposto così alle polemiche sulle legalità della power unit del Cavallino, poi ha aggiunto: "Siamo stati la squadra più controllata, ma non ci sono mai stati dubbi sulla legalità".

Binotto orgoglioso: "La Ferrari ha il miglior motore della F1"

Nel 2019 la Ferrari non ha dovuto vedersela solo con gli avversari in pista. Le partite disputate si sono svolte su più tavoli, ad iniziare dalle trattative che hanno portato all’accordo nel nuovo ‘concorde agreement’ 2021-2025, alle polemiche emerse dopo il Gran Premio del Canada per il caso ‘Vettel-Hamilton’, sino alla difesa dalle accuse più o meno velate che sono crescite in proporzione con le performance dalla power unit del Cavallino. 

Mattia Binotto non ci sta, e ha sottolineato che “oggi abbiamo il miglior motore che ci sia in Formula 1”, sfidando a viso aperto gli “untori” che hanno provato ad intaccare l’integrità della Ferrari senza però presentare alcun reclamo nelle sedi opportune. 

“Quest'anno siamo stati la squadra più controllata sul fronte power unit – ha spiegato Binotto – è stato così sia prima che dopo le varie direttive tecniche della FIA. Quando un motore ha un certo vantaggio in termini di performance, accade inevitabilmente che gli avversari tendano a puntare il dito, e sotto molti aspetti è stato normale che i controlli che abbiamo ricevuto si siano intensificati. Ciò che alla fine conta è che in tutte le verifiche abbiamo dimostrato di essere perfettamente legali”.

Leggi anche:

Regolamento complesso, chiarimenti necessari

Nel weekend del Gran Premio degli Stati Uniti la FIA ha diramato alle squadre una nuova direttiva tecnica sul fronte power unit in merito all’utilizzo del flussometro, e subito si è parlato di un messaggio alla Ferrari. Un’ipotesi che però Binotto non sposa: “Abbiamo un regolamento molto complesso, e di conseguenza non semplice da gestire. Ogni squadra, da sempre, cerca di interpretare le regole al fine di riuscire ad estrarre il massimo delle prestazioni dal proprio motore, e la necessità di chiarimenti è dimostrata dalle oltre 40 direttive tecniche di chiarimento inviate dalla FIA durante la stagione, sia sul fronte motore che quello telaio. Questo conferma quanto siano complesse le tematiche che affrontiamo, e quanto sia ancora necessario dover chiarire degli aspetti nonostante questi motori siano utilizzati dal 2014”.

“Da parte nostra – ha proseguito Binotto - le direttive tecniche sono sempre benvenute perché servono a chiarire, così come le verifiche. Siamo stati controllati molte volte, e non ci sono mai stati dubbi sulla nostra legalità. In passato, senza voler accusare nessuno, si è parlato molto del consumo di olio nella camera di combustione. C'è chi ha vinto dei campionati pompando olio in camera, poi il tutto è stato chiarito con delle direttive tecniche che successivamente sono entrate a far parte del regolamento. Questo mostra quanto la complessità sia ampia, e come il tema della legalità non possa essere sempre ridotto a un confronto bianco o nero”.

Leggi anche:

Quella del Cavallino è oggi la power unit di riferimento

“Io credo che la Ferrari non abbia mai puntato il dito nella direzione gli avversari, ma nei momenti di difficoltà ci siamo solo resi conto di aver molto lavoro da fare per colmare uno svantaggio prestazionale del nostro motore. Nel 2014 ci mancavano più di 80 cavalli rispetto alle power unit migliori, una differenza che oggi in Formula 1 non c’è più in assoluto. Noi abbiamo reagito mettendoci impegno, risorse, sforzi (anche economici) per colmare il gap ed arrivare oggi ad avere il miglior motore che ci sia oggi in Formula 1. Questo per noi deve essere solo un motivo d'orgoglio”.

Binotto ha infine commentato il caso di Abu Dhabi, ovvero la questione benzina aperta dalla discrepanza tra il valore in chilogrammi del carburante che il team ha dichiarato di aver caricato sulle vetture prima del via, ed il valore verificato dai commissari tecnici. “Per quanto riguarda quel che è successo a Yas Marina – ha chiarito il team principal del Cavallino - ci sono stati dei controlli che la FIA predispone prima e dopo la gara. Il regolamento tecnico sottolinea che non si possono usare più di 110 kg di carburante per disputare un Gran Premio, ed è per questo che la FIA esegue i controlli. Noi abbiamo rispettato questo valore, e la conferma è arrivata sia dalle rilevazioni del peso della monoposto, che dai valori di consumo che si ricavano attraverso il flussometro. Tutte le misure effettuate hanno confermato che eravamo perfettamente legali, altrimenti saremmo stati squalificati”. 

“C'era solo un valore di peso che non tornava, una discrepanza tra quanto riscontrato dalla bilancia della FIA e quanto avevamo dichiarato noi come squadra – ha concluso Binotto – un dato relativo al peso che noi non abbiamo potuto vedere se non alla fine della gara, quando non era più verificabile. La FIA ha deciso di multarci perché c'era un'incoerenza sui due valori, ma questo non significa non essere legali, perché la legalità si misura con altri parametri che hanno invece confermato la nostra totale coerenza. Con i tanti controlli che abbiamo avuto quest'anno, se ci fosse stata un'illegalità, sarebbe venuta fuori il primo giorno…”.

condivisioni
commenti
Ferrari cancella Verstappen e Alonso dalla lista piloti 2021
Articolo precedente

Ferrari cancella Verstappen e Alonso dalla lista piloti 2021

Prossimo Articolo

Camilleri: "Il talento e la creatività Ferrari non sono mai riconosciuti"

Camilleri: "Il talento e la creatività Ferrari non sono mai riconosciuti"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021