Binotto è convinto: "La Ferrari tornerà quella dei tempi di Schumacher!"

Il team principal del Cavallino ha spiegato in una bella intervista esclusiva sulla Gazzetta dello Sport perché la Ferrari sta facendo fatica a tenere il passo delle Mercedes. Non ci sono solo i limiti della SF90, ma anche una riorganizzazione dello staff tecnico.

Binotto è convinto: "La Ferrari tornerà quella dei tempi di Schumacher!"

Ora c’è anche la conferma di Mattia Binotto. In un’interessante intervista concessa alla Gazzetta dello Sport alla vigilia della trasferta per il GP del Canada, il team principal della Ferrari spiega che il Reparto Corse è in una fase di trasformazione. Una sorta di rivoluzione silenziosa che in parte spiega questa transizione che non dà i risultati che ci si potevano aspettare dalla Rossa.

L’avvio del mondiale 2019 è stato deludente con la Mercedes che ha rifilato un tennistico 6-0 alla Rossa, rivelando carenze di carico aerodinamico nella SF90 che non permettono di mandare in temperatura le gomme anteriori, ma non è un segreto che ci si attenda un rilancio proprio da Montreal…

L’ingegnere reggiano, però, non sta lavorando solo al presente, perché sta mettendo le basi alla Ferrari del futuro…
“Ho capito di dover dedicare più attenzione al dopodomani, per farci trovare pronti alle sfide del futuro. Ho dovuto spendere tempo e identificare persone che mi aiutassero. Non è vero che ho due ruoli e che faccio tutto io”.

Cosa sta cambiando rispetto alla squadra che aveva lanciato Sergio Marchionne?
“Da gennaio ci siamo riorganizzati. Non c’è più la famosa struttura orizzontale classica. Abbiamo individuato quattro o cinque figure diventate miei punti di riferimento nelle varie aree. Mi son utili per filtrare le informazioni e pensare al futuro di cui parlavo: il 2021 è dietro all’angolo con nuovi regolamenti, auto che potrebbero essere radicalmente diverse e il budget cap che ci costringerà a rivedere certi processo produttivi”.

Binotto è restio a fare i nomi, ma i punti fermi sarebbero Laurent Mekies nella gestione in pista, Enrico Cardile per il telaio, David Sanchez per l’aerodinamica e Enrico Gualtieri nei motori.

In una fase di passaggio non è facile tenere il passo con la Mercedes che domina…
“La Mercedes è forte a livello tecnico e di processi io però preferisco fare un confronto con la Ferrari del 1996/1997. Una squadra in crescita, con basi solide. Anche noi siamo un team giovane e con tanta fame. Vedo molte analogie con allora. Per visione, voglia di fare, passione e talento rivedo quel periodo”.

I tifosi si aspettavano una Ferrari in lotta per il mondiale…
“Sono dispiaciuto anch’io dell’inizio di stagione, ma dobbiamo credere nella rossa. So che stiamo chiedendo molto ai nostri tifosi, che meritano grandi gioie ma oggi più che mai abbiamo bisogno della loro pazienza e del loro supporto”.

“Aspetterei fine anno per fare un bilancio perché potrebbe essere molto diverso da quello delle prime sei gare. La stagione è iniziata come era finita quella precedente, non peggio. Nella seconda parte di 2018 la nostra vettura non era competitiva come quella Mercedes ed ora forse paghiamo il ritardo accumulato. Ma i risultati e la classifica sono severi con la Ferrari. Potevamo fare doppietta in Bahrain e un risultato diverso anche a Baku”.

La SF90 ha mostrato dei difetti…
“Più d’uno. Il nostro progetto si adatta male alle gomme di quest’anno che sono ambiate parecchio: Nel 2018 bisognava evitare di surriscaldarle mentre adesso la difficoltà è mandarle in temperatura. Se le gomme non si riscaldano manca grip meccanico e aumenta il sottosterzo. L’auto scivola, le gomme si usurano sul battistrada e si raffreddano, amplificando il problema.  Baku è un esempio con una sola tipologia di curve e assetto. Tutte le curve si affrontano più o meno alla stessa velocità, il Montmelò invece è l’opposto”.

Si aspettano delle modifiche a cominciare dal GP di Francia…
“Non ci sarà una Ferrari B, una vettura del tutto modificata, ma solo una serie di sviluppi nelle prossime gare per migliorare l’utilizzo delle gomme. Abbiamo delle idee, e bisogna fare in fretta, ma ci vorranno alcune settimane”.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/20

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, subisce una foratura
Charles Leclerc, Ferrari SF90, subisce una foratura
3/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore
Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore
4/20

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, firma un autografo a un tifoso
Charles Leclerc, Ferrari, firma un autografo a un tifoso
5/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, indossa un cappellino in tributo a Niki Lauda
Charles Leclerc, Ferrari, indossa un cappellino in tributo a Niki Lauda
6/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore
Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore
7/20

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Close up del danno sul fondo della monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
Close up del danno sul fondo della monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Un camion che trasporta la Ferrari SF90 di Sebastian Vettel nella pit lane after FP3
Un camion che trasporta la Ferrari SF90 di Sebastian Vettel nella pit lane after FP3
10/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
11/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
12/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, ai box durante le prove
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, ai box durante le prove
13/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
14/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alain Prost, Renault F1 Team, con Sebastian Vettel, Ferrari
Alain Prost, Renault F1 Team, con Sebastian Vettel, Ferrari
15/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari a lavoro
Meccanici della Ferrari a lavoro
16/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, firma degli autografi ai marshal
Sebastian Vettel, Ferrari, firma degli autografi ai marshal
17/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90 bargeboard
Ferrari SF90 bargeboard
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90 ala posteriore
Ferrari SF90 ala posteriore
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90 condotto del freno anteriore
Ferrari SF90 condotto del freno anteriore
20/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F2004: la F1 così veloce che mise paura alla Ferrari stessa
Articolo precedente

F2004: la F1 così veloce che mise paura alla Ferrari stessa

Prossimo Articolo

Ferrari: due ali posteriori diverse sulle SF90 per fare delle comparazioni

Ferrari: due ali posteriori diverse sulle SF90 per fare delle comparazioni
Carica commenti
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022
Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max Prime

Le migliori gare del 2021: a Silverstone il Big Bang tra Lewis e Max

Tra le migliori gare del 2021 c'è sicuramente quella che ha dato il là e ha acceso davvero il duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Stiamo parlando del GP di gran Bretagna, che ha avuto come momento più alto l'incidente tra i due contendenti per il titolo alla curva Copse, al primo giro della gara.

Formula 1
8 gen 2022