Binotto conferma: "Ferrari non ha voluto rinnovare con Vettel"

Il team principal della Ferrari ha confermato la versione di Vettel sulla mancata proposta di rinnovo, ma ha anche sottolineato come la Rossa continuerà a non rendere pubblici i termini dell'accordo con la FIA sui motori 2019.

Binotto conferma: "Ferrari non ha voluto rinnovare con Vettel"

A un giorno dalle parole di Sebastian Vettel che hanno fatto iniziare il Mondiale 2020 con un certo clamore, è arrivata la risposta - o meglio, la conferma - da parte dei vertici della Ferrari riguardo al fatto che la Casa di Maranello non abbia di fatto mai presentato l'offerta di rinnovo di contratto al pilota tedesco che, a fine anno, lascerà la Rossa dopo sei anni.

A confermare la versione di Vettel è stato il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, nel corso della conferenza stampa dei team principal andata in scena nel primo pomeriggio di oggi al Red Bull Ring, sede del Gran Premio d'Austria.

Leggi anche:

"Certamente gli abbiamo sempre detto in privato e pubblicamente, durante l'inverno, che sarebbe stato la nostra prima scelta e lo confermo", ha attaccato Binotto "E' normale che durante l'inverno molti piloti ci chiedano se ci sono opportunità di guidare per la Ferrari, dunque sicuramente ci hanno contattato. Questo non ha cambiato la nostra posizione, quindi Seb è stata la nostra prima scelta".

"Cosa è successo da allora? Credo che il COVID-19 e la situazione pandemica abbia cambiato il mondo intero, non solo il nostro sport motoristico, la F1, il budget cap è stato modificato molto ed è molto più severo, il nuovo regolamento è stato posticipato dal 2021 al 2022 che in qualche modo è stato importante per noi".

"Le monoposto sono state congelate, o quasi, per il 2020 e il 2021. Diciamo che la situazione è cambiata. E per di più la stagione non è iniziata sino a questo weekend, quindi anche Sebastian non ha avuto la possibilità di tornare in pista per dimostrare quanto fosse realmente motivato a guidare per la Ferrari. Sicuramente è stato sfortunato".

"Così, durante la chiusura della Ferrari, alla fine abbiamo dovuto riconsiderare la nostra posizione. Abbiamo preso una decisione, quindi sicuramente siamo stati noi a decidere, è stata una nostra responsabilità e gliel'abbiamo comunicato".

"Ho sentito che è stato sorpreso. Ricordo che era sorpreso, sì, certo, lo capisco. E' abbastanza normale essere sorpresi. Anche se ha accettato la nostra decisione, direi che ancora oggi non è del tutto soddisfatto. Anche in questo caso penso sia una cosa ovvia".

Binotto ha poi parlato dei 5 anni in cui Vettel è stato pilota della Ferrari (senza contare la stagione che parte in questo fine settimana), elogiando quanto fatto dal tedesco nonostante il rapporto con lui terminerà alla fine del 2020.

"Credo che sia stato un grande periodo, 5 anni sino a ora, sei con la stagione in corso. E' un grande campione, ma anche una grande persona. Penso che tutti in Ferrari, i nostri tifosi, le persone che lavorano al suo interno, si siano godute davvero il tempo trascorso con lui".

"Penso che le sue perplessità siano una cosa che rispettiamo pienamente. Personalmente lo rispetto molto, sia come professionista che come persona e penso che questo sia completamente immutato nonostante la decisione che abbiamo preso".

Ferrari protegge i dettagli dell'accordo con FIA

Binotto ha poi parlato dell'accordo trovato con la FIA riguardo i motori usati nella passata stagione. Il team principal ha confermato che Maranello non ne divulgherà i dettagli, perché questo comprometterebbe la proprietà intellettuale della squadra.

"Innanzitutto non c'è stata una chiara violazione delle regole, altrimenti saremmo stati squalificati. La ragione per cui non vogliamo rivelare nulla è semplice, perché qualunque cosa dobbiamo spiegare è nostra proprietà intellettuale, la proprietà intellettuale di un nostro progetto, la nostra power unit, e penso che nessuno nel paddock sarebbe felice di rilasciare informazioni sul loro design e sui propri progetti".

"Credo che si tratti di riservatezza, di protezione della proprietà intellettuale, e questo è il motivo per cui non siamo disposti a farlo". Binotto ha poi rivelato che la Ferrari non ha aggiornato la propria power unit 2020.

"Abbiamo lo stesso motore che avevamo in Australia. Abbiamo chiuso la fabbrica per molto tempo, quindi c'è stato poco tempo per sviluppare, non abbiamo portato nulla di diverso. Ora il motore è congelato per la stagione".

"So che altri costruttori hanno avuto l'opportunità di continuare a lavorare e sviluppare. Ne eravamo consapevoli, ne hanno approfittato, fa parte del gioco. Questo fa parte di tutti i compromessi che abbiamo accettato durante il periodo di fermo, guardando avanti per il bene dello sport".

condivisioni
commenti
Red Bull: se non si vieta il DAS, lo copieranno?
Articolo precedente

Red Bull: se non si vieta il DAS, lo copieranno?

Prossimo Articolo

F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa

F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021