Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Binotto: "Trovata più consistenza sul passo gara"

Il team principal della Ferrari vede il bicchiere mezzo pieno dopo il quinto posto di Leclerc ad Imola, soprattutto per la gestione delle gomme soft. E' dispiaciuto poi per l'errore al pit stop di Vettel, senza il quale anche il tedesco avrebbe potuto portare punti al Cavallino nel GP d'Emilia Romagna.

condivisioni
commenti
Binotto: "Trovata più consistenza sul passo gara"

Quarto posto a Portimao e quinto ad Imola. Basandosi sui risultati, Charles Leclerc e la Ferrari sembrerebbero aver fatto un passettino indietro tra il GP del Portogallo e quello dell'Emilia Romagna.

Non sembra pensarla così, però, il team principal Mattia Binotto. Secondo lui invece la gara disputata sulle rive del Santerno ha evidenziato un passo avanti fatto dalla SF1000 a livello di costanza in gara, ma soprattutto per quanto riguarda la gestione delle gomme soft.

Quando ai microfoni di Sky Sport F1 HD gli è stato domandato se il bicchiere andasse visto mezzo pieno, ha infatti risposto: "Sì, nel senso che cercavamo consistenza sul passo gara e l'abbiamo ottenuta anche su una pista completamente diversa da portimao e con le stesse mescole del Nurburgring".

"Questa volta con le soft non abbiamo sofferto come in Germania, sia a livello di graining che di degrado, quindi penso che questa sia la parte positiva. Il passo gara era buono e Charles con le soft riusciva ad andare più forte di Ricciardo. Peccato quindi per la qualifica di ieri" ha aggiunto.

Il lato negativo della domenica ferrarista è il 12esimo posto di Sebastian Vettel. Un risultato che avrebbe potuto essere migliore, con il tedesco che aveva rimontato allungando il primo stint con le gomme medie, ma che è stato compromesso da un pit stop molto lungo.

Leggi anche:

"Sebastian sicuramente si trova più a suo agio con questa vettura che con quella di qualche gara fa, lo sta dimostrando il suo passo gara. Anche a Portimao tutto sommato lo aveva fatto. Spero per lui che nelle prossime gare non combineremo altri pasticci al pit stop".

Il team principal della Rossa però ha difeso la strategia, che secondo lui avrebbe potuto dare dei frutti con un pit stop normale.

"Credo che la sua fosse quella giusta. Era troppo presto per montare le gomme soft e ritardare la sosta non avrebbe avuto senso, perché stava iniziando a perdere su Norris, che era il nostro riferimento".

"Abbiamo cercato di lasciarlo fuori a lungo con le medie per provare a guadagnare delle posizioni, ma quando si era stabilizzato era il momento di rientrare. Quindi la strategia di Seb era buona, ma abbiamo pasticciato al pit stop".

Infine, Binotto ha commentato la conquista del settimo titolo costruttori consecutivo da parte dei rivali della Mercedes.

"Il segreto di questa consistenza per mia fortuna l'ho conosciuto all'inizio degli anni 2000. Conosco la ricetta, poi va messa in atto. Quelle sensazioni che loro provano oggi, le ho provate a mia volta in passato. Non ci sono segreti, se non lavorare bene, migliorare continuamente e rinforzarsi un passo alla volta".

Mondiale Costruttori F1: settimo titolo per la Mercedes

Articolo precedente

Mondiale Costruttori F1: settimo titolo per la Mercedes

Prossimo Articolo

Mercedes: Lewis e Toto lanciano strani messaggi

Mercedes: Lewis e Toto lanciano strani messaggi
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Emilia Romagna
Sotto-evento Gara
Location Imola
Piloti Sebastian Vettel , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Matteo Nugnes
Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021
Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda Prime

Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda

L'accordo tra la Red Bull e la Casa giapponese per gestire in autonomia le power unit Honda a partire dal 2022 avrà benefici anche a lungo termine consentendo al team diretto da Horner di giocare allo stesso livello dei costruttori generalisti.

Formula 1
22 feb 2021