Binotto: "Buona reazione. Ferrari più forte della McLaren"

Mattia Binotto, team principal Ferrari, si è detto contento soprattutto della reazione dopo il Paul Ricard e del passo gara di Sainz e Leclerc. Ma per verificare i passi avanti fatti dopo la debacle francese, si dovrà attendere Silverstone.

Binotto: "Buona reazione. Ferrari più forte della McLaren"

Mattia Binotto è più sereno. La Ferrari ha subito reagito dopo il disastro del Paul Ricard andato in scena la settimana scorsa e ha portato a casa punti importanti nella lotta per il terzo posto nel Mondiale Costruttori che la vede opposta alla McLaren.

Il sesto e il settimo posto portati a casa da Carlos Sainz e Charles Leclerc - autori entrambi di due rimonte diverse, ma segnate da un minimo comune denominatore: il passo gara ottimo - hanno permesso al Cavallino Rampante di sorridere per aver ritrovato prestazioni più convincenti.

Non a caso proprio il passo gara è stato l'aspetto che più ha reso contento Binotto, arrivato al Red Bull Ring ieri sera dopo aver seguito libere e qualifiche dalla Gestione Sportiva di Maranello.

"Oggi buon passo gara, anche per Leclerc. Peccato per l'incidente alla prima curva. Un incidente di gara. Si è trovato ultimo e oi ha rimontato sino alla sesta posizione. Creo sia un buon segnale. Complessivamente penso che il weekend sia andato bene. Certo in qualifica avremmo potuto fare meglio. Se fossimo riusciti a farlo saremmo partiti più avanti e con più chance di fare bene. Ora abbiamo qualche giorno per fare un bilancio e capire come prepararci per il prossimo weekend, magari provando a fare un risultato migliore".

A rendere ancora più contento Binotto è stata la reazione complessiva della squadra. Nei giorni prima del weekend in Stiria, la Ferrari ha lavorato sodo per cercare di capire i problemi avuti al GP di Francia e questo ha dato segnali importanti già nel primo dei due appuntamenti al Red Bull Ring.

"Sono molto contento di come ha reagito il team dopo la Francia. Lo ha fatto senza mai disunirsi, lavorando e approcciando bene questo fine settimana che poteva offrire insidie sull'usura gomme. Abbiamo fatto scelte che poi si sono rivelate corrette. Bene il ritmo gara, qualifica più difficile, ma siamo soddisfatti".

"Penso che Norris si potesse prendere in condizioni normali. Oggi avevamo il passo gara migliore rispetto ai nostri diretti rivali, per questo posso aggiungere che abbiamo recuperato solo 4 punti alla McLaren nel Mondiale Costruttori. Avevamo un passo migliore rispetto a loro".

Binotto ha infine ammesso che, dopo aver analizzato i dati della Francia, la Ferrari avrebbe potuto fare alcune cose in modo diverso la settimana scorsa. Ma con il senno di poi, è tutto più facile. Il vero banco di prova non sarà certo la prossima gara che si terrà sempre sulla pista austriaca, quanto Silverstone, un tracciato molto più simile per caratteristiche al Paul Ricard.

"Con il senno di poi avremmo potuto fare scelte diverse in Francia che avrebbero potuto portare a un risultato migliore. Ne avremo la contro prova a Silverstone. Quella è una pista con curve a medio-alta velocità, in cui si mette tanta energia nelle gomme anteriori. Ci prepareremo bene. Però alla fine in Francia avremmo potuto sì fare meglio, ma la situazione non sarebbe stata radicalmente diversa".

Il passo avanti della Ferrari rispetto alla debacle in terra transalpina è stato evidente. E' però corretto sottolineare l'ultimo concetto espresso dallo stesso Binotto: servirà una pista con le stesse caratteristiche del Paul Ricard per capire se e quanto la Ferrari sia riuscita a risolvere i suoi problemi. Ecco perché è bene non sbilanciarsi per il risultato ottenuto in Stiria.

condivisioni
commenti
Chinchero: "Il valore medio della Ferrari è quello odierno"
Articolo precedente

Chinchero: "Il valore medio della Ferrari è quello odierno"

Prossimo Articolo

Mercedes fa affidamento sulla minore affidabilità Red Bull

Mercedes fa affidamento sulla minore affidabilità Red Bull
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021