Barcellona, Libere 1: il "mostro" Mercedes mette paura alle Ferrari

condivisioni
commenti
Barcellona, Libere 1: il
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
12 mag 2017, 09:37

Hamilton il più veloce nel primo turno del GP di Spagna: l'inglese precede Bottas di appena 29 millesimi di secondo, ma la nuova W08 lascia a quasi un secondo Raikkonen e Vettel. La Rossa non ha mostrato il suo vero potenziale, ma...

La Mercedes mette paura! La freccia d'argento in versione "mostro" (un pacchetto aerodinamico inedito pieno di novità) nella prima sessione di prove libere del GP di Spagna mette a distanza la Ferrari che paga quasi un secondo.

Il miglior tempo è stato ottenuto da Lewis Hamilton che ha colto un brillante 1'21"521 con le gomme Medium, lasciando ad appena 29 millesimi il vincitore della Russia, Valtteri Bottas. L'inglese sembra nuovamente a suo agio con la W08 rivista e corretta in quasi ogni sua parte e sembra voler riaffermare la sua supremazia nella squadra. I due piloti di Brackley dispongono da questa mattina anche del secondo motore: oltre al risparmio di peso, pare che sia stato trovato anche un miglioramento prestazionale di una decina di cavalli!

A inseguire le temibili W08 c'è Kimi Raikkonen con la SF70H evoluta nell'aerodinamica: il finlandese ha abortito il giro buono con le gomme Medium dopo un traversone prima della chicane e non è riuscito a fare un giro perfetto perché sulla Rossa si sta verificando l'usura della gomma, per cui Iceman si è dovuto accontentare di un 1'22"456 a oltre nove decimi dalle Mercedes, mentre nei primi due intermedi del giro buono era a soli 13 millesimi dalle Mercedes.

La sensazione è che la Ferrari non abbia mostrato il suo vero valore dovendo fare i conti con dei problemi:  Sebastian Vettel con la SF70H in versione aerodinamica standard non è riuscito a percorrere più di cinque giri prima di dover accostare la Rossa all'uscita della corsia dei box dopo aver percorso il rettilineo principale in rilascio a causa di un problema tecnico alla ruota posteriore.

Il tedesco è stato molto bravo ad accostare la macchina in un punto dove i commissari sono riusciti a spingerla nella pit lane, consentendo ai meccanici del Cavallino di fare la riparazione per rimandarlo in pista dopo una lunga sosta. Sebastian è tornata in pista con la Medium e ha pagato un decimo sul compagno di squadra. Gli uomini di Maranello hanno tirato un sospiro di sollievo perché sono riusciti a fare le prove comparative fra le due versioni della Rossa.

In quinta posizione si è portato Max Verstappen con la rivista Red Bull: la RB13 è arrivata a 1'22"706  a un decimo dalla Rossa di Vettel: i tifosi olandesi non si devono illudere, perché è la Ferrari a non avr mostrato il suo valore, mentre questo è l'attuale limite della vettura di Adrian Newey. Daniel Ricciardo è sesto e più staccato: l'australiano è stato fermo a lungo per un cedimento all'ala posteriore che ha richiesto la sostituzione della parte.

Bene Kevin Magnussen con la Haas: il danese è settimo in 1'23"670 subito davanti al compagno di squadra Romain Grosjean che non aveva il nuovo fondo disponibile in un solo pezzo ed è stato assegnato a Magnussen dopo essere stata tirata a sorte. Kevin non ha concluso la sessione dovendo parcheggiare la VF-17 dopo un lungo nella sabbia.

La top ten è completata da Nico Hulkenberg con la Renault davanti a Carlos Sainz com la Toro Rosso. Va detto che non ha girato Jolyon Palmer che ha lasciato il volante della R.S.17 a Sergei Sirotkin, ultimo con un tempo cronometrato.

Dietro c'era solo Fernando Alonso che non è riuscito a coprire solo un giro (senza tempo) prima di patire un improvviso bloccaggio del motore Honda che si è rotto subito, mostrando una clamorosa perdita di olio nel posteriore alla Curva 3: i tecnici giapponesi sono consapevoli di avere una power unit che non è in grado di durare un weekend completo di GP, ma è grave che il cedimento sia avvenuta durante l'installation lap, sebbene l'unità fosse vecchia (era stato usato in Australia, Cina e in Bahrain) e che la rottura fosse, quindi, "prevedibile".

Stoffel Vandoorne è andato meglio: il belga con la seconda MCL32 si è classificato 13esimo (a 2"8 dalle Mercedes!) ma è riuscito a mettere insieme 24 giri, utili a raccogliere informazioni sul motore Honda.

Fuori dai dieci i due piloti della Force India con Sergio Perez davanti a Esteban Ocon. Si è nascosta la Williams con Felipe Massa solo 14esimo e Lance Stroll 18esimo alle prese con problemi seri al brake by wire.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 28 1'21.521     205.566
2 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 30 1'21.550 0.029 0.029 205.493
3 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 24 1'22.456 0.935 0.906 203.235
4 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 23 1'22.600 1.079 0.144 202.881
5 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 22 1'22.706 1.185 0.106 202.621
6 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 17 1'23.084 1.563 0.378 201.699
7 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 22 1'23.670 2.149 0.586 200.286
8 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 23 1'23.758 2.237 0.088 200.076
9 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 24 1'23.993 2.472 0.235 199.516
10 55 spain Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Renault 21 1'24.004 2.483 0.011 199.490
11 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 23 1'24.188 2.667 0.184 199.054
12 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 22 1'24.324 2.803 0.136 198.733
13 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 24 1'24.400 2.879 0.076 198.554
14 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 34 1'24.618 3.097 0.218 198.042
15 26 russia Daniil Kvyat  Toro Rosso Renault 18 1'24.642 3.121 0.024 197.986
16 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 23 1'24.966 3.445 0.324 197.231
17 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 24 1'25.182 3.661 0.216 196.731
18 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 34 1'25.919 4.398 0.737 195.044
19 46 russia Sergey Sirotkin  Renault Renault 10 1'26.293 4.772 0.374 194.198
20 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 1      

 

Prossimo Articolo
Carica commenti