Austin, Libere 1: Hamilton rialza la testa. Mercedes imprendibili!

condivisioni
commenti
Austin, Libere 1: Hamilton rialza la testa. Mercedes imprendibili!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
21 ott 2016, 16:39

Hamilton nel primo turno del GP degli Stati Uniti ha rifilato oltre tre decimi a Rosberg. Terzo è Verstappen con la Red Bull staccata di quasi due secondi, ma con le gomme Medium. Raikkonen è quarto con la Ferrari, mentre Vettel soffre...

Lewis Hamilton non ci sta: aveva promesso che avrebbe dato battaglia a Nico Rosberg fino alla fine del mondiale e il tre volte campione del mondo nel primo turno di prove libere del GP degli Stati Uniti è tornato ad essere davanti a tutti con la Mercedes W07 Hybrid.

L'inglese ha ottenuto un tempo di 1'37"428 con la gomma Soft, lasciando a oltre tre decimi il leader del mondiale staccato con l'altra freccia d'argento. Hamilton nella parte anteriore della scocca ha montato per la prima volta in Formula 1 una telecamera a 360 gradi, introducendo nel Circus una nuova tecnologia che è stata sperimentata dalla FOM.

Le due Mercedes hanno letteralmente fatto il vuoto rispetto a tutti gli altri, mettendo la concorrenza ad un distacco di quasi due secondi! Nel team di Brackley sembrano aver superato i dubbi sull'affidabilità dei motori dopo la rottura di Hamilton in Malesia: Rosberg ad Austin ha montato il quinto motore, mentre i team clienti (Force India, Williams e Manor) hanno potuto contare sulle unità nuove. Alle spalle delle W07 Hybrid è spuntata la Red Bull Racing di Max Verstappen: l'olandese ha ottenuto la sua prestazione con la mescola Medium. La RB12 è parsa molto instabile nel posteriore con frequenti pompaggi nei punti più veloci e il giovane conduttore si è anche lamentato di andare a limitatore con l'ottava marcia sul rettilineo principale.

Il ragazzino olandese è riuscito a tenersi alle spalle Kimi Raikkonen con la migliore Ferrari. Il finlandese ha pagato 28 millesimi di secondo sulla Red Bull Racing pur disponendo di pneumatici con la fascia gialla, visto che le Supersoft, con la pista non gommata, hanno mostrato una chiara propensione al graining. Kimi è stato ancora una volta più consistente di Sebastian Vettel, ma il tedesco ha dovuto rinunciare al suo giro migliore perché salendo su un cordolo si è staccata la bat wing ancorata al T-tray che è andata a colpire lo specchietto retrovisore destro della Rossa che il pilota è riuscito a non perdere tenendolo con una mano.

Vettel, quindi, si è accontentato dell'ottavo posto pagando 2"5 da Lewis Hamilton. Dietro all'interlocutoria Ferrari è spuntato Nico Hulkenberg con la Force India: il tedesco in partenza per la Renault ha centrato un 1'39"712 a soli tre decimi dalla SF16-H, ma si deve guardare dalla Williams di Valtteri Bottas che lo segue ad appena 64 millesimi di secondo, mentre la seconda Red Bull Racing di Daniel Ricciardo è settima (anche l'australiano ha lavorato solo sulle Medium). Bottas ha iniziato la sessione girando con l'Halo verniciato di bianco, mentre la protezione della testa è stata usata anche da Nico Hulkenberg (Force India) e Daniil Kvyat (Toro Rosso).

La top ten è stata completata dalle due Toro Rosso con Daniil Kvyat davanti a Carlos Sainz: lo spagnolo ha preceduto Felipe Massa in difficoltà con la FW38, mentre è da leggere in chiave positiva la prestazione dell'altro Felipe brasiliano, vale a dire Nasr che ha portato la Sauber C35 al 12esimo posto.

Delude la McLaren 13esima con Fernando Alonso a quasi tre secondi dalla Mercedes, mentre Jenson Button è finito addirittura in 18esima piazza: ai problemi di motore Honda si stanno sommando quelli di telaio della MP4-31 che, evidentemente, non è così buona come la volevano far passare a Woking.

Le due Haas sono 14esima con Romain Grosjean e 15esima con Esteban Gutierrez: la prima sessione è stata tribolota per la squadra americana: il francese ha perso dei pezzi strisciando su un cordolo proprio come la Ferrari di Vettel.

Da segnalare che in pista c'erano due collaudatori: si è rivisto Alfonso Celis sulla Force India di Sergio Perez che è rimasto a piedi: il messicano ha pagato 1"7 dal compagno di squadra accontentandosi della 17esima prestazione. Sulla Manor il tetser Jordan King è riuscito a fare meglio di Esteban Ocon risultando 20esimo, mentre il francese è scivolato all'ultimo posto, molto staccato per diversi problemi.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 44  Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 25 1'37.428     203.707
2 6  Nico Rosberg  Mercedes Mercedes 27 1'37.743 0.315 0.315 203.050
3 33  Max Verstappen  Red Bull TAG 28 1'39.379 1.951 1.636 199.708
4 7  Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 21 1'39.407 1.979 0.028 199.651
5 27  Nico Hulkenberg  Force India Mercedes 27 1'39.712 2.284 0.305 199.041
6 77  Valtteri Bottas  Williams Mercedes 30 1'39.776 2.348 0.064 198.913
7 3  Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 26 1'39.963 2.535 0.187 198.541
8 5  Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 15 1'39.988 2.560 0.025 198.491
9 26  Daniil Kvyat  Toro Rosso Ferrari 16 1'40.131 2.703 0.143 198.208
10 55  Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Ferrari 26 1'40.140 2.712 0.009 198.190
11 19  Felipe Massa  Williams Mercedes 27 1'40.191 2.763 0.051 198.089
12 12  Felipe Nasr  Sauber Ferrari 16 1'40.287 2.859 0.096 197.900
13 14  Fernando Alonso  McLaren Honda 26 1'40.362 2.934 0.075 197.752
14 8  Romain Grosjean  Haas Ferrari 15 1'40.826 3.398 0.464 196.842
15 21  Esteban Gutierrez  Haas Ferrari 15 1'40.970 3.542 0.144 196.561
16 9  Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 17 1'41.170 3.742 0.200 196.172
17 34  Alfonso Celis Jr.  Force India Mercedes 27 1'41.422 3.994 0.252 195.685
18 22  Jenson Button  McLaren Honda 21 1'41.663 4.235 0.241 195.221
19 20  Kevin Magnussen  Renault Renault 22 1'41.942 4.514 0.279 194.687
20 42  Jordan King  Manor Mercedes 29 1'42.012 4.584 0.070 194.553
21 30  Jolyon Palmer  Renault Renault 31 1'42.332 4.904 0.320 193.945
22 31  Esteban Ocon  Manor Mercedes 27 1'43.874 6.446 1.542 191.066

 

Prossimo Articolo
Williams: c'è una nuova ala anteriore sulla FW38

Articolo precedente

Williams: c'è una nuova ala anteriore sulla FW38

Prossimo Articolo

La FIA adotta un sistema per capire se un'auto stalla in griglia

La FIA adotta un sistema per capire se un'auto stalla in griglia
Carica commenti