Arrivabene: "Kimi ha saputo giovedì di Monza che non sarebbe rimasto in Ferrari"

condivisioni
commenti
Arrivabene:
Redazione
Di: Redazione
14 set 2018, 16:27

Nella conferenza dei team principal il manager bresciano ha rivelato quando la Ferrari ha comunicato al finlandese che non sarebbe stato confermato come pilota 2019: "Era tanto infelice che sabato ha fatto la pole position!".

Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari, in the Friday press conference
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Gil de Ferran, Direttore sportivo, McLaren, Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari, Frederic Vasseur, Sauber, Team Principal, e Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, nella conferenza stampa
Kimi Raikkonen, Ferrari e Stefania Bocchi, addetta stampa Ferrari

Nella conferenza stampa dei team principal una notizia Maurizio Arrivabene l’ha data: Kimi Raikkonen è stato informato dalla Ferrari che non sarebbe più stato pilota del Cavallino nella prossima stagione durante il giovedì del GP d’Italia a Monza.

Il manager bresciano ha tirato fuori la circostanza dopo essere stato sollecitato dai giornalisti…
“Kimi ieri è stato piuttosto divertente in conferenza stampa. Ma cosa vi aspettavate, che dicesse che fosse stato Homer Simpson a prendere la decisione? Naturalmente la decisione l’ho presa io, ma devo ammettete che i rapporti con Kimi sono buonissimi, e lui ha capito perfettamente quella che era la situazione. Perché non mi sono limitato a comunicargli una decisione, ma fa parte del mio lavoro far capire anche qual è stato il processo decisionale. Non ha fatto storie e non ha provato a farmi cambiare idea perché è un pilota professionista“.

“Qualcuno ha sostenuto che dargli la notizia a Monza sarebbe stato il momento sbagliato. Pensate se glielo avessi detto in Belgio, quando Sebastian stava vincendo la gara: Kimi era nella stessa posizione e allora sarebbe stato sbagliato dirglielo in Belgio. Quindi il tempo giusto non sta scritto sulla carta, ma ciò che è scritto sulla carta è quanto viene firmato nei contratti con piloti che sono professionisti”.

“Parlo sempre con i miei due piloti e li tratto da professionisti quali sono per cui mi aspetto da loro il massimo impegno professionale. Kimi era così nervoso e così infelice che gli ho comunicato la decisione Ferrari giovedì a Monza. Era tanto infelice che sabato ha conquistato la pole position”.

Dovresti renderlo infelice a ogni weekend di gara…
“Sì, in effetti è quello che stavo pensando in seguito, perché quando ho letto alcune critiche e ho detto di accettare le critiche, stavo pensando OK, se è così, lo renderò infelice ogni fine settimana, quindi sta andando per darci la pole position. Ragazzi. Stiamo parlando di piloti professionisti e non di bambini che guidano al luna park”.

Kimi ha detto che non è stata una sua decisione e che non è stata la sua scelta. Puoi spiegare come ha preso la decisione?
“È abbastanza semplice. Ho anche detto che è importante guardare la situazione del team in prospettiva, vale a dire due o tre anni. Questo giustifica la nostra scelta di avere un giovane pilota per il prossimo anno, affinché possa crescere. Non è una decisione che ha guardato solo al prossimo anno. Il mio lavoro è anche guardare al futuro”.

Prossimo articolo Formula 1
Ross Brawn rivela che il DRS potrebbe rimanere in Formula 1 anche dopo il 2021

Articolo precedente

Ross Brawn rivela che il DRS potrebbe rimanere in Formula 1 anche dopo il 2021

Prossimo Articolo

Ferrari: Vettel non deve mancare una pole che può valere un campionato

Ferrari: Vettel non deve mancare una pole che può valere un campionato
Carica commenti