Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
27 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
99 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
106 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Anteprima Ferrari: la 669 con passo più lungo di quello della SF70H!

Evoluzione e non rivoluzione per la monoposto 2018 della Scuderia Ferrari che punterà ad allungare di poco l'interasse, andando oltre la misura di 3.594 mm della macchina 2017 che ha vinto cinque GP nel 2017. Ecco le prime indiscrezioni...

condivisioni
commenti
Anteprima Ferrari: la 669 con passo più lungo di quello della SF70H!
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Ferrari SF70H: deviatore di flusso davanti alle pance
Logo della Scuderia Ferrari sulla carrozzeria della Ferrari SF70H
Retrotreno Ferrari SF70H
L'abitacolo della Ferrari SF70H
Ferrari SF70H e Mercedes AMG F1 W08
Ferrari SF70H
Ferrari SF70H e Mercedes AMG F1 W08

A Maranello c’è chi sta lavorando sodo: sono i tecnici del Reparto Corse che devono rivedere il cinematismo della sospensione anteriore, dopo che la FIA ha limitato a 5 mm l’influenza dello sterzo nella variazione di altezza dell’anteriore. Il provvedimento firmato da Charlie Whiting il 12 dicembre non è affatto piaciuto ai vertici della Scuderia perché è arrivato quando la monoposto 2018 è già in avanzata fase di lavorazione.

La prima scocca, infatti, è stata sottoposta al crash test frontale che è stato superato al primo tentativo senza alcun problema. La 669, questo è la sua sigla di progetto, sarà un’evoluzione della SF70H e non rappresenterà, perciò, una rivoluzione, dopo i brillanti risultati ottenuti dalla Rossa del 2017 che ha conquistato cinque vittorie con Sebastian Vettel che è rimasto a lungo in testa alla classifica del mondiale piloti, prima di chinarsi di fronte a Lewis Hamilton e alla sua Mercedes W08.

Stando alle prime indiscrezioni che filtrano sulla Ferrari 2018 non aspettiamoci clamorosi cambiamenti di concetto dalla macchina che già nel GP d’Australia si era rivelata competitiva e vincente, mantenendo un buon grado di sviluppo nel corso della stagione sia a livello telaistico che aerodinamico, mentre qualche problema in più c’è stato nell’ambito della power unit da Monza in poi.

La crescita del motore non è stata pari alle attese, visto che la power unit numero 4, che doveva essere una prefigurazione dell’unità 2018, si è rivelata un autentico bluff che è costato punti preziosi e l’impossibilità di sfidare Hamilton per il mondiale fino alla fine.

Pare che il chief designer Simone Resta, ben supportato dall’esperto Rory Byrne, abbia leggermente allungato il passo della 669 rispetto ai 3.594 mm della SF70H e dovrebbe superare il muro dei 3.600 mm, proprio mentre la Mercedes ridurrà leggermente l’interasse della sua “portaerei”, visto che la W08 con i suoi 3.760 mm era di gran lunga la monoposto più lunga del Circus.

L’anno prossimo, quindi, ci sarà una certa… convergenza sul passo (Ferrari un po’ più lunga e Mercedes un pelo più corta), senza stravolgere il lay out di monoposto che hanno mostrato grandi qualità. Resterà sulla Rossa il convogliatore di flusso davanti alle pance vere e proprie: questa configurazione aerodinamica che permette di tenere il cono in carbonio dell’antintrusione laterale fuori dalla fiancata vera e proprio, potrebbe aver fatto scuola anche su altre monoposto 2018 che si ispireranno alla SF70H.

In questo modo i progettisti del Cavallino sono riusciti ad allontanare dalle turbolenze generate dalla ruota anteriore le masse radianti della power unit, ottenendo una soluzione molto efficiente per il raffreddamento del motore. Si dice che molta cura sia stata posta alla collocazione dei radiatori che dovrebbero avere un pacco refrigerante meno resistenze all’avanzamento della Rossa.

Picci: “Vogliamo che la Sauber diventi un vero patrimonio svizzero”

Articolo precedente

Picci: “Vogliamo che la Sauber diventi un vero patrimonio svizzero”

Prossimo Articolo

Toto Wolff tuona contro l'Halo: "La cosa più brutta vista su una F.1!"

Toto Wolff tuona contro l'Halo: "La cosa più brutta vista su una F.1!"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Sebastian Vettel
Team Ferrari
Autore Franco Nugnes
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Top 5: le cinque migliori McLaren della storia Prime

Top 5: le cinque migliori McLaren della storia

Andiamo a scoprire quali sono state le migliori 5 monoposto di Formula 1 realizzate da McLaren

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

Formula 1
25 feb 2021
La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Formula 1
25 feb 2021
Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021