Ancora a rischio il GP degli Stati Uniti 2016

Nuovi problemi finanziari per gli organizzatori di Austin rischiano di far saltare la copertura economica

"Spero che continuino perché hanno lavorato bene". Anche Bernie Ecclestone ha dei dubbi sulla possibilità che la Formula 1 possa fare nuovamente tappa ad Austin. Due i motivi. Alla fallimentare edizione 2015 a causa dell’uragano che si è abbattuto sul Texas abbassando drammaticamente la presenza di spettatori (questo era un problema noto) si è aggiunta la riduzione dei finanziamenti governativi da 22 a 15 milioni di euro.

Un’altra tegola abbattutasi sugli organizzatori americani, che lo scorso inverno hanno dovuto sobbarcarsi anche i costi delle riparazioni di alcune zone di box danneggiate dalle piogge torrenziali.

Il promoter è tutt’altro che ottimista, e negli Stati Uniti sono in molti a credere che la Formula 1 nel 2016 non farà tappa nel loro paese. Non è un problema inedito, perché quando la FIA ha diramato il calendario 2016 c’era un asterisco in corrispondenza del Gran Premio d’Usa. Mancavano delle conferme, e sembrano essere sempre più lontane.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP degli Stati Uniti
Circuito Circuito delle Americhe
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag austin, ecclestone, fia, formula 1, gp usa, texas