Analisi tecnica Red Bull RB15: bocche troppo piccole per il motore Honda?

La monoposto di Newey ha estremizzato i concetti RB14 con pance molto corte a forma di tronco di piramide: strette in alto e più larghe in basso. Gli sfoghi di aria calda per il motore sono minimi: soffrirà il 6 cilindri giapponese? Interessante il flap all'uscita dell'S-duct.

Analisi tecnica Red Bull RB15: bocche troppo piccole per il motore Honda?

La Red Bull batte un colpo! La RB15 si candida a sfidare la Mercedes con la monoposto che Adrian Newey ha disegnato intorno alla power unit Honda. Per la prima volta nella sua storia la squadra di Milton Keynes dispone di un motore ufficiale che sarà la croce o la delizia del progetto. Le anticipazioni parlano di un 6 cilindri che, almeno sulla carta, dovrebbe essere più potente di quello Renault. Vedremo, anche se i dubbi sull’affidabilità restano molto elevati…

Red Bull Racing

Red Bull Racing

Photo by: Red Bull Content Pool

La RB15 non ha snaturato alle nuove regole aerodinamiche il concetto che ha spinto lo sviluppo della Red Bull nel recente passato. L’ala anteriore semplificata rispetta i dettami normativi, ma ci dà un paio d’indicazioni utili: nel profilo centrale neutro ci sono ben tre sportelli per ospitare panetti di zavorra, segno che la macchina 2019 si tiene ben al di sotto del peso minimo (743 kg con il pilota). Non solo, ma c’è anche un piccolissimo ricciolo nel punto dove iniziano i cinque flap nel tentativo di dar vita a un vortice, solo parente dell’Y250.

Red Bull Racing RB15

Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

Il muso si stringe in alto, in prossimità dell’attacco alla scocca, ma resta piuttosto generoso in prossimità dei piloni di sostegno dell’ala. Il nasino rettangolare è più sporgente di 4-5 centimetri di quello 2018 e al suo interno evidenzia nove delaminatori di flusso che sono opportunamente orientati e non paralleli ma divergenti.

La sospensione anteriore push rod è caratterizzata da due triangoli sovrapposti che sono molto ravvicinati, con quello inferiore che è stato alzato per favorire un buon passaggio di flussi. Del resto non riuscendo a muovere di più i filetti verso l’esterno della ruota anteriore, è meglio ripulire al massimo l’andamento dei flussi all’interno.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

La carenatura del triangolo inferiore è ben fatta e comprende anche il braccio di sterzo che rimane basso nella perfetta tradizione Red Bull. Fra i due bracci è stata montata la presa dei freni, dove ha il minore impatto aerodinamico.

Sotto al muso si osserva un primo embrione di cape in stile Mercedes che si allaccia a dei turning vanes più tradizionali: questa sarà una zona destinata allo sviluppo giù durante i test invernali di Barcellona. Naturalmente non manca l’S-duct con le prese che pescano ai bordi del muso, ma a incuriosire non è tanto la portata d’aria, quanto lo sfogo: se sulla W10 il passaggio visibile è minimo, sulla RB15 si scopre anche la presenza di un flap che apre una nuova via di sviluppo nel tentativo di trovare il carico perduto.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

La gobba del vanity panel nasconde un terzo elemento a comando idraulico più sporgente del solito, ma a Milton Keynes contano moltissimo sul fatto di riuscire a controllare l’altezza della monoposto.

Le pance della Red Bull mantengono la filosofia della RB14: la bocca dei radiatori è compresa fra la cintura del telaio e il cono antintrusione laterale che è stato abbassato al suo massimo regolamentare. Questo elemento si trasforma opportunamente nell’ala centrale che va a far da supporto al deviatore di flusso verticale che, però, non scende fino al fondo, ma si collega all’elemento che si allaccia alle lunga corna che si protendono verso dietro dal complesso bargeboard in tre pezzi.

Red Bull Racing RB15

Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

Gli specchietti hanno i due supporti che sono parte integrante del profilo alare che fa da coperchio alle fiancate. I retrovisori hanno anche un soffiaggio superiore e laterale, segno che nulla viene lasciato al caso nel tentativo di generare downforce. Il gradino nel bordo d’entrata del fondo è preceduto dai raddrizzatori di flusso a coltello che lavorano in perfetta sinergia con i bargeboard.

Il “pavimento” mostra un grande marciapiede specie nella zona a Coca Cola: sotto ai deviatori di flusso ai lati delle pance c’è un lungo profilo curvo rialzato, mentre da metà in poi c’è un binario a forma di Esse ai due bordi. Non mancano anche quattro soffiaggi in diagonale, con l’ultimo più grande che arriva davanti alla ruota posteriore.

Red Bull Racing RB15

Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

Ma torniamo alle fiancate che sono molto corte e con un andamento tronco-piramidale: più strette in alto e più larghe sotto che sfociano in coda con degli sfoghi di aria calda molto piccoli. Temiamo molto per l’affidabilità del motore Honda che non è mai stato un grande esempio di durata!

L’airbox del motore è multistadio: oltre ad alimentare il compressore, serve a raffreddare l’ERS. Il radiatore del sistema ibrido potrebbe essere stato spostato più in basso, anche se l’engine-cover si estende molto indietro, rendendo la pinna stabilizzatrice meno grande di altre realizzazioni.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Photo by: Red Bull Content Pool

La sospensione posteriore è a schema pull rod con il puntone che è molto lungo che va a infulcrarsi ai cinematismi collocati fra motore Honda e cambio (la trasmissione come il propulsore sono condivisi con la Toro Rosso STR14). Il triangolo superiore ha il bracket sporgente, ma molto meno rispetto ad altre soluzioni.

La Red Bull è rimasta fedele al supporto dell’ala posteriore mono-pilone con tanto di cerchiello che avvolge lo scarico principale: è una soluzione pulita ma che costa in termini di peso. Il profilo principale è quasi piatto, mentre giganteggia il flap mobile più grande. La paratia laterale svergolata ha un soffiaggio in coda…

condivisioni
commenti
Red Bull: è Max Verstappen a portare in pista la RB15 nello shakedown di Silverstone
Articolo precedente

Red Bull: è Max Verstappen a portare in pista la RB15 nello shakedown di Silverstone

Prossimo Articolo

Racing Point: il blu del nuovo main sponsor SportPesa invade il rosa sulla nuova livrea

Racing Point: il blu del nuovo main sponsor SportPesa invade il rosa sulla nuova livrea
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Formula 1
26 ott 2021
Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
26 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021