Analisi McLaren: la MCL33 ha un'inedita sospensione posteriore!

La monoposto di Woking sembra una realizzazione basica, in realtà incorpora alcune soluzion inedite molto interessanti: oltre al "diapason" nel braccio superiore della sospensione dietro, colpiscono i due lunghi soffiaggi nel fondo.

Analisi McLaren: la MCL33 ha un'inedita sospensione posteriore!
Carica lettore audio

La McLaren MCL33 colpisce per l’estrema pulizia delle sue linee: al primo colpo d’occhio sembra una macchina molto basica, una banale evoluzione della deludente vettura motorizzata Honda dello scorso anno, ma andando a curiosare nei singoli particolari si scoprono alcune soluzioni certamente interessanti che indicano una specifica linea di sviluppo dettata dal capo degli aerodinamici Peter Prodromou.

A Woking il direttore tecnico Tim Goss e Matt Morris credono di poter tornare nelle posizioni che competono a un team blasonato che ha vinto nella sua storia otto titoli mondiali: hanno scommesso sulla power unit Renault che alla Red Bull nel 2017 ha permesso di vincere tre GP, per cui mettersi come obiettivo l’idea di tornare al successo non è affatto una follia, tenuto conto che i motoristi di Viry Chatillon nell’allestire il propulsore 2018 hanno fatto un grande salto di qualità nel packaging fra telaio e motore, tanto da non far rimpiangere l’unità Honda che, almeno nell’installazione in macchina, era un piccolo capolavoro.

McLaren MCL33
McLaren MCL33: vista dall'alto

Photo by: McLaren

La “papaya” è abbastanza “scolastica” nell’interpretazione delle regole FIA, ma ha due o tre aspetti che la rendono sicuramente unica: il più attrattivo è certamente il braccio superiore della sospensione posteriore che nell’unica foto vista dall’alto sembra una sorta di diapason che la Mercedes aveva sperimentato già sulla W07 nel triangolo anteriore inferiore, soluzione che ha abiurato quest’anno sulla W09 per ragioni di ingombro e di peso.

 

McLaren MCL33, dettaglio posteriore
McLaren MCL33, dettaglio posteriore con l'inedita sospensione a diapason caratterizzata da un bracket molto lungo

Photo by: McLaren

Sospensione posteriore col "diapason"?

La McLaren, dunque, mostra nel retrotreno un bracket molto sporgente dal porta mozzo che poi si attacca a due bracci paralleli molto vicini. Il tirante dello schema pull rod non si infulcra al porta mozzo, ma a metà di questo braccio in carbonio che diventa una sorta di profilo aggiuntivo in un’area dove in passato c’era l’ala più bassa oggi vietata dalle regole.

McLaren MP4-29, 'bloccanti' sospensione posteriore (I diagrammi gialli mostrano come le coperture della sospensione possono essere angolate di +/- 5 gradi)
McLaren MP4-29: ecco la la sospensione posteriore a "tapparella" che non avevano funzionato nel 2014

Photo by: Giorgio Piola

La "tapparella" non aveva funzionato

Bisogna ammettere che a Woking sono stati sempre creativi in materia di sospensione posteriore (non si sarà certo dimenticata la “tapparella” della MP4-29 ideata da quel Doug McKiernan che oggi è il capo degli ingegneri della Williams).

L’attuale soluzione è molto ricercata perché mostra anche un certo disassamento fra il triangolo inferiore e la grande leva superiore, alla ricerca di un effetto anti dive utile a trovare una maggiore trazione in uscita dalla curve lente e a preservare le nuove gomme Pirelli che hanno una mescola più morbida.

McLaren MCL33, dettaglio del sidepod
McLaren MCL33: ecco i due soffiaggi molto lungi sul fondo. Ci sono dei fissaggi per non far flettere la "lancia" centrale

Photo by: McLaren

Due soffiaggi lunghissimi sul fondo

L’altro aspetto innovativo è il fondo che è caratterizzato da due soffiaggi lunghissimi che iniziano in prossimità dei deviatori di flusso laterali e arrivano dove la zona a Coca Cola si stringe di più. Si notano almeno due fissaggi che dovrebbero evitare la flessione della “lancia” perché altrimenti si aprirebbe un’enorme feritoia utile a energizzare il flusso sotto al fondo.

Pensiamo che questa soluzione farà certamente discutere nel paddock di Barcellona, perché l’evoluzione di questa idea potrebbe portare a certe esasperazioni che alla FIA non piacciono.

McLaren MCL33
McLaren MCL33: osservate le due file di pinnette sulle pance che spostano i flussi all'esterno oltre le ruote posteriori

Photo by: McLaren

Le pinnette sulla pancia fanno da convogliatore

Un’altra curiosità è visibile sopra alle pance: la McLaren ha pance molto tradizionali e non si è dotata di un convogliatore di flusso come la Ferrari, ma non rinuncia a deviare i flussi per farli andare oltre la gomme posteriori per evitare il bloccaggio aerodinamico della ruota..

Gli aerodinamici, infatti, hanno sviluppato un concetto che in modo embrionale si era già visto nel 2017: oltre a un piccolo flap orizzontale vicino all’abitacolo si notano due file di piccole pinnette arcuate che sono posizionate in modo tale da orientare i flussi che investono la pare superiore della fiancata verso l’esterno.

Per il resto la MCL33 è un’onesta evoluzione della macchina di Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne dello scorso anno.

McLaren MCL33, dettaglio dell'ala anteriore
McLaren MCL33: i piloni dell'ala anteriore hanno mantenuto 3 slot. Più evidente la presa dell'S-duct sotto le telecamere

Photo by: McLaren

Tre slot nei piloni dell'ala anteriore

L’ala anteriore, che è vecchia, è caratterizzata dal colore blu degli upper flap: le prime evoluzioni le vedremo nei test di Barcellona. I piloni di sostegno dell’ala hanno mantenuto i tre soffiaggi dello scorso anno e il muso è rimasto con lo stesso lay out.

C’è l’ormai immancabile S-duct che pesca l’aria sotto al muso con due protuberanze che sporgono dal naso in prossimità delle telecamere, mentre lo sfogo superiore è ancora chiuso e deve essere ancora aperto.

La sospensione anteriore ha mantenuto il disegno della MCL32: il puntone del push si articola al telaio piuttosto in alto, mentre i due triangoli non sono particolarmente rialzati. Ridisegnata è la presa d’aria dei freni un po’ in stile Ferrari, che è preceduta da una pinnetta orizzontale che si integra alla palpebra in carbonio.

Turning vanes, bargeboard e deviatori di flusso laterali a Esse sono figli delle esperienze dello scorso anno, ma nella parte centrale la McLaren sembra fin troppo scarna, per cu aspettiamoci qualche soluzione creativa da Prodromou.

McLaren MCL33
McLaren MCL33: la fiancata è piuttosto stretta dalle bocche dei radiatori ma si allarga al centro della fiancata

Photo by: McLaren

I fianchi sono piuttosto larghi

Le bocche dei radiatori, molto alte, sono piuttosto generose, mentre lo scavo nella parte inferiore è evidente: la fiancata si allarga con un andamento triangolare nella parte centrale per impacchettare i radiatori, ma si stringe in modo meno drastico di altre vetture viste in questi giorni con uno sfogo di aria calda in coda certamente importante.

McLaren MCL33, dettaglio posteriore
McLaren MCL33: l'aibox del motore Renault è molto piccolo e non ha prese supplementari come Red Bull e Renault

Photo by: McLaren

L'airbox è piccolo: respira il motore Renault?

L’Halo si integra piuttosto bene sopra all’abitacolo: colpisce quanto piccolo sia l’airbox del motore Renault che non mostra aperture aggiuntive, quasi non avesse fame d’aria. Il cofano motore pertanto è molto stretto, specie a confronto con quello mastodontico della Renault a parità di motore e arriva in coda a collegarsi con il mono pilone che sorregge l’ala posteriore.

McLaren MCL33, dettaglio posteriore
McLaren MCL33: ecco il mono pilone che regge l'ala posteriore e il cofano motore con la deriva blu

Photo by: McLaren

Mono pilone per l'ala posteriore

La carenatura che avvolge anche lo scarico centrale fa pensare che il supporto dell’ala passi attraverso il terminale per evitare l’adozione del “cerchiello” in metallo che è piuttosto pesante. Ovviamente sul cofano troneggia anche la deriva verticale blu.

L’ala posteriore è ancora standard così come le complicatissime paratie laterali già viste l’anno scorso. I cerchi sono scuri e davanti si può vedere la conferma del mozzo forato un must di Woking

condivisioni
commenti
La Williams nomina Oliver Rowland "young driver" per il 2018
Articolo precedente

La Williams nomina Oliver Rowland "young driver" per il 2018

Prossimo Articolo

Alonso: "Sono felice, lo shakedown della MCL33 è andato bene!"

Alonso: "Sono felice, lo shakedown della MCL33 è andato bene!"
Carica commenti
Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1 Prime

Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1

Le bandiere in Formula 1 hanno molteplici significati: saperle riconoscere ad un primo sguardo è un requisito fondamentale per ogni pilota degno di questo nome. E voi, sicuri di conoscerle tutte? Scopriamolo insieme in questo nostro video

Formula 1
23 gen 2022
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022