Alonso: "Voglio dimostrare di essere il migliore pilota al mondo. E penso di esserlo"

Lo spagnolo è tornato sulla McLaren per sviluppare le gomme 2020 per conto della Pirelli e ha tratto impressioni molto positive sulla MCL34: "Penso che possa lottare per il quarto posto nel Costruttori con la Haas". E poi si è concesso una auto-celebrazione...

Alonso: "Voglio dimostrare di essere il migliore pilota al mondo. E penso di esserlo"

È sempre Fernando Alonso. Anzi, ancora di più rispetto a quando nell’ultima fase dello scorso Mondiale aveva ormai iniziato il conto alla rovescia.

È tornato alla guida di una Formula 1 dopo quattro mesi, e se esistesse uno ‘motivometro’ per misurare la voglia di essere in pista a giocarsi una vittoria, Nando manderebbe lo strumento fuori scala.

Il personaggio Alonso si presta ad essere discusso, il pilota no. Basta vederlo in azione, anche oggi in Bahrain non si è risparmiato, o scambiare due chiacchiere a fine giornata, ed è sempre ‘in qualifica’, in pista come davanti ad un microfono. Ecco Nando...

Com'è stato tornare al volante di una Formula 1?
“Bello, è sempre bello perché queste sono le auto più veloci al mondo, e ogni pilota ama sentire la velocità e l'adrenalina. Anche se ci ha condizionato un po' la pioggia, è stata una giornata positiva”.

Quanto è diversa questa McLaren rispetto a quella che hai guidato lo scorso anno?
“È un passo avanti in ogni aspetto. L'auto ha più trazione, meno drag ed anche il motore ha fatto un grande step. Nel complesso, come pacchetto, la McLaren è nella giusta direzione. Abbiamo visto nelle prime due gare che c'è ancora un altro passo da fare se si vuole competere con le prime tre squadre, ma credo sia possibile puntare al ruolo di quarta forza giocandosela con la Haas. Questo è l'obiettivo che vedo dopo aver guidato”.

Tentazioni di rientro?
“No. Ciò che sognavo di ottenere l’ho ottenuto in passato, non ho nessun rimpianto. Se un giorno dovessi tornare in Formula 1, cosa di cui dubito, sarà perché posso essere nelle condizioni di poter vincere un campionato del Mondo. Questa possibilità è allettante per ogni pilota, ma tornare per finire sesto o settimo non è allettante”.

Oggi hai visto in pista Mick Schumacher, e tu hai combattuto con Michael per molto tempo. Come è stato?
“Non l'ho incontrato in pista, ma è stato bello vedere sullo schermo ‘M. Schumacher vicino ad Alonso, eravamo attaccati a metà giornata. Credo abbia un grande futuro, ha fatto molto bene nelle categorie minori, e quest'anno lo attende una sfida importante in Formula 2 perché dovrà vedersela con piloti di maggiore esperienza. Non lo attende una stagione facile, ma spero possa centrare gli obiettivi, e se ci riuscirà sarà bello per lui, per la sua famiglia ed anche una bella storia per lo sport”.

Ti fanno sentire vecchio ad essere in pista con il figlio di Michael?
“No, è già successo con Verstappen! Ho corso con Jos the Boss per due anni e poi con Max per quattro. Ma ci sono ancora alcuni ragazzi più vecchi di me, come Kimi!”.

Sono incoraggianti i progressi McLaren?
“Sicuramente, abbiamo lavorato molto per quattro o cinque anni, ma non abbiamo mai avuto continuità sugli sviluppi. Lo scorso anno dopo il Bahrain ero terzo o quarto in campionato, ma poi nel corso della stagione la buona base di partenza non è stata rafforzata dagli aggiornamenti. Sapevo che era la mia ultima stagione in Formula 1, ma correre con la stessa vettura da Barcellona ad Abu Dhabi non è stato piacevole”.

 

 

In questo periodo stai provando molte vetture diverse. Cosa sta cercando Fernando Alonso?
“Voglio dimostrare che sono il migliore pilota al mondo, che è ciò che penso di essere. E credo che tutti pensino di essere migliori. Ma è difficile dimostrarlo, specialmente in Formula 1, perché se non hai il giusto pacchetto tecnico sei fregato".

"Sono stato molto competitivo in Formula 1 per molti, molti anni, sono stato fortunato a poter vincere due campionati del mondo, anche l’ultima stagione è stata probabilmente la mia più forte: 21-0 contro il mio compagno di squadra, non mi era mai successo prima".

"Poi ho vinto la 24 Ore di Le Mans, Daytona, Sebring, e spero di essere competitivo nella 500 miglia di Indianapolis, e in altre competizioni che sto valutando, gare fuori dall’asfalto. È qualcosa che probabilmente non ha precedenti nello sport e sto cercando questo, sono nuove sfide, non avventure per divertirmi".

"A volte quando sto provando qualcosa leggo commenti tipo ‘siamo contenti che ti stia divertendo ma per favore torna in F1’. Come se fosse ‘per favore ritorna al vero lavoro'. Beh, non mi sto divertendo. Quando provo una di quelle macchine riparto ogni volta da zero, ogni vettura richiede un suo stile di guida, ad esempio in alcuni casi mi è capitato di dover frenare e accelerare contemporaneamente. Dietro ogni sfida ci sono sforzi e sacrifici, un sacco di preparazione da fare, e lo faccio proprio per la difficoltà e per la sfida in sé”.

Quanti anni credi di poter essere ancora così impegnato?
“Fino a quando mi sentirò competitivo. Forse un giorno salterò su Formula 1 e troverò un ragazzo che con la mia stessa macchina sarà più veloce. Ma per quanto ne so finora non è mai successo finora, quindi mi tocca continuare a guidare”.

Il casco di Fernando Alonso, McLaren
Il casco di Fernando Alonso, McLaren
1/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34, bloccaggio
Fernando Alonso, McLaren MCL34, bloccaggio
2/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34, passa su una pozzanghera
Fernando Alonso, McLaren MCL34, passa su una pozzanghera
3/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren
Fernando Alonso, McLaren
4/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
5/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
6/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren, parla con il team
Fernando Alonso, McLaren, parla con il team
7/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
8/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren
Fernando Alonso, McLaren
9/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
10/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
11/16

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
12/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren
Fernando Alonso, McLaren
13/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
14/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren MCL34
Fernando Alonso, McLaren MCL34
15/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
Fernando Alonso, McLaren e Carlos Sainz Jr., McLaren
16/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mick Schumacher: "Mi sono goduto la Ferrari in questa giornata pazzesca!"

Articolo precedente

Mick Schumacher: "Mi sono goduto la Ferrari in questa giornata pazzesca!"

Prossimo Articolo

Test F1 Bahrain, Giorno 2: Mick Schumacher passa sull'Alfa Romeo. Vettel sulla Ferrari

Test F1 Bahrain, Giorno 2: Mick Schumacher passa sull'Alfa Romeo. Vettel sulla Ferrari
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021