Alonso: "La Ferrari? Competitiva, ma manca sempre un pezzo!"

Fernando Alonso è più fiducioso del futuro McLaren anche se lo spagnolo non è così ottimista come si professano Dennis e Boullier: "Il nostro progetto cresce nella direzione giusta, ma dobbiamo restare con i piedi per terra".

Non fa il pompiere, ma Fernando Alonso vuole tenere i piedi per terra (frase che in Formula 1 appartiene di diritto a Maurizio Arrivabene). Le previsioni all’insegna dell’ottimismo di Eric Boullier, che vede nella tappa monegasca una chance importante per la McLaren, e di Ron Dennis, che prevede la McLaren-Honda come squadra che spezzerà il dominio Mercedes, hanno contagiato solo in parte Alonso.

Lo spagnolo ha smesso i panni del goleador (curiosità del giorno nel paddock di Montecarlo) per vestire quelli a lui più abituali di pilota McLaren...
“È stato bello ritrovarsi ieri a giocare a calcio con alcuni altri piloti ed alcuni nomi di spicco di altri sport – ha commentato Alonso – ci siamo divertiti, mettendo da parte le tensioni e lo stress del paddock".

"Tornando ai commenti di Eric e Ron, li ho trovati ottimisti, e un po’ tutta la squadra è molto fiduciosa negli ultimi tempi. Ma sono i padroni, quindi non posso che esser d’accordo con loro! Allo stesso tempo penso anche che dobbiamo essere realisti e tenere i piedi per terra. Domani metteremo la macchina in pista e inizieremo ad avere le idee più chiare".

"È vero che anche lo scorso anno siamo arrivati alla vigilia del weekend di Monaco con fiducia, a causa della conformazione della pista che non privilegia la potenza pura, ma non siamo stati competitivi come ci aspettavamo”.

Cosa è lecito attendersi a Montecarlo?
“Mi immagino una Mercedes molto, molto forte, la Red Bull sarà molto forte, la Ferrari sarà competitiva. Dobbiamo sperare di essere vicini a questo terzetto, e se ci riusciremo sarà un ottimo risultato per noi".

C'è molta fiducia in McLaren...
"Tornando all’ottimismo di Ron, il suo atteggiamento nasce dalla chance che i nuovi regolamenti offriranno per mescolare un po’ le gerarchie. Il nostro progetto sta crescendo nella direzione giusta: l'anno scorso abbiamo avuto molte difficoltà. Ora iniziamo a vedere i risultati e ci sentiamo più competitivi".

"Tutti lavorano a pieno regime, sia a Sakura che a Woking, siamo più sicuri di un anno fa, vogliamo fermare il dominio Mercedes, ma non sappiamo ancora se ce la faremo. Sappiamo che Red Bull è un top team ma non è una Casa ufficiale, e questo complice un po’ le cose. La Ferrari sarà sempre competitiva, ma manca sempre un ultimo pezzo”.

Alonso ha concluso tornando su quanto accaduto a Barcellona dieci giorni fa, ovvero le cause del suo prematuro ritiro nel Gran Premio di Spagna:
“Durante la gara abbiamo fatto un cambiamento in alcuni parametri della power unit con uno switch, ed è entrato in una modalità di funzionamento errata. C’è stato un taglio del flusso del carburante, e la monoposto si è arrestata. Stiamo ancora facendo alcune analisi, ma comunque cambieremo il motore, per evitare qualsiasi rischio di problemi in una gara per noi importante in cui speriamo di poter conquistare dei punti”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Monaco
Sub-evento Mercoledì
Circuito Montecarlo
Piloti Fernando Alonso
Team McLaren
Articolo di tipo Ultime notizie