Alonso: "Al posto di Vettel avrei vinto? Impossibile da dire, Seb è un campione"

Il due volte campione del mondo, intervistato da Giorgio Terruzzi per il Corriere della Sera, ha analizzato la sua carriera in F1 ed ha elogiato Vettel affermando "non è mai facile quando hai addosso attenzioni e tensioni così rilevanti".

Alonso: "Al posto di Vettel avrei vinto? Impossibile da dire, Seb è un campione"
Fernando Alonso, McLaren MP4-22, precede il compagno di squadra Lewis Hamilton, McLaren MP4-22
Podio: il vincitore della gara Fernando Alonso, McLaren, il secondo classificato Lewis Hamilton, McLaren
Fernando Alonso, Renault con il Boss di Renault Sport Flavio Briatore e la supermodella Naomi Campbell
Fernando Alonso, Renault
Partenza: Fernando Alonso, McLaren Mercedes, MP4-22 e Lewis Hamilton, McLaren Mercedes, MP4-22
Fernando Alonso, Ferrari F14T
Podium: second place Fernando Alonso, Renault F1 Team, Race winner Michael Schumacher, Ferrari, third place Giancarlo Fisichella, Renault F1 Team
Michael Schumacher, Ferrari, Fernando Alonso, Renault
Fernando Alonso, McLaren MCL33
Fernando Alonso, McLaren MCL33 precede Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-18
Fernando Alonso, McLaren, saluta i tifosi al termine della sua ultima gara in F1

Il 2019 di Fernando Alonso è iniziato come meglio non poteva. Dopo l’addio, o forse l’arrivederci, al mondo della Formula 1, il pilota spagnolo è riuscito a conquistare il successo alla 24 Ore di Daytona insieme a Jordan Taylor, Kamui Kobayashi e Renger van der Zande al volante della Cadillac del Wayne Taylor Racing.

In una gara interrotta a due ore dal termine a causa di un violento nubifragio che ha reso impraticabile il tracciato, Alonso ha fatto la differenza proprio sul bagnato, mettendo pressione a Felipe Nasr sino ad indurlo all’errore decisivo poco prima dello stop alle operazioni dato con lo sventolare della bandiera rossa.

In una bella intervista concessa al Corriere della Sera, a firma di Giorgio Terruzzi, Alonso ha parlato del passato, del presente e del futuro della sua carriera senza chiudere definitivamente le porte ad un ritorno in Formula 1.

“Ho sempre detto hasta luego, arrivederci – ha dichiarato Alonso - Ora ho una nuova sfida da affrontare con gli strumenti adatti per vincerla mentre in F1 non c’erano le condizioni per fare altrettanto. Non ho programmi per il 2020. Certo, vincere un terzo titolo sarebbe la gioia più grande”.

Lo spagnolo è poi tornato indietro ed ha analizzato le scelte non sempre corrette effettuate durante la sua permanenza in F1.

“Ho corso con squadre non competitive e ho commesso qualche sbaglio. Per esempio lasciare la McLaren nel 2007 o pensare che la Honda potesse competere meglio. Ho corso con la Ferrari e la Ferrari significa il massimo comunque. L’ho lasciata ma da allora i nostri bilanci sono simili, non siamo riusciti a vincere insieme così come da separati”.

Nonostante la lontananza da un mondo che l’ha visto protagonista per ben 18 anni, Alonso continuerà a seguire la Formula 1 anche se nell’insolito ruolo di spettatore ed ha già indicato chi, tra i piloti presenti in pista, terrà particolarmente d’occhio.

“Io seguirò Kubica. La sua storia è straordinaria. Non ha nulla da perdere e io non perderò una sua mossa. Poi, Leclerc sulla Ferrari. È giovane, intelligente, ha talento. Sono curioso di vedere se il ciclo Mercedes finirà. Sento che il momento è vicino”.

Proprio al giovane monegasco scelto dalla Ferrari per prendere il posto di Kimi Raikkonen, Alonso ha voluto riservare alcuni consigli …

“Credo debba assecondare carattere e talento. Imparare a fare punti, ad aiutare la squadra, pensare che i Mondiali si decidono tra luglio e settembre. Non avere fretta e tenere sotto controllo l’eccitazione, l’emozione”.

Alonso si è poi espresso favorevolmente sul cambio al vertice in Ferrari lodando la scelta del team di Maranello di puntare su Mattia Binotto.

“Mattia ha dimostrato le sue doti di leader, ha in mano la gestione tecnica. Farà di tutto per rendere la Ferrari ancora più forte”.

Fernando, poi, ha posto fine alle discussioni secondo le quali se ci fosse stato lui al posto di Vettel al volante della SF71H il titolo iridato non sarebbe sfuggito.

“Sono discorsi troppo difficili. Chi è davanti, lotta per vincere e ha sempre tutto da perdere. E tutti sbagliamo. Forse ha perso punti importanti ma anche Hamilton li ha persi e comunque Vettel ha fatto molto meglio di Raikkonen, ha lottato sino alla fine, è un campione. Quando vinceva 4 titoli Mondiali tutti parlavano di lui come di un fenomeno e adesso accade lo stesso con Hamilton. La verità è che non è mai facile quando hai addosso attenzioni e tensioni così rilevanti”.

Alonso, infine, ha rivolto un pensiero alla prossima sfida che lo attende per entrare nell’Olimpo dei più grandi del Motorsport, la 500 Miglia di Indianapolis.

“Ho sfiorato il successo nel 2018, ci riprovo quest’anno. È una roulette: fortuna, contrattempi, incidenti. Molti hanno vinto quando pensavano di perdere e viceversa. Servono tempo e pazienza”.

condivisioni
commenti
Massa: "L'obbligo della Ferrari di vincere è un grande problema per il team di Maranello"

Articolo precedente

Massa: "L'obbligo della Ferrari di vincere è un grande problema per il team di Maranello"

Prossimo Articolo

La Haas F1 svela la livrea 2019 giovedì 7 febbraio

La Haas F1 svela la livrea 2019 giovedì 7 febbraio
Carica commenti
Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!" Prime

Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Russia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret, in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Dopo una gara stupenda, Lando Norris e la McLaren sbagliano la chiamata più importante della loro stagione, gettando alle ortiche una vittoria quasi conquistata

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa Prime

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa

John Watson è stato il primo pilota a provare la neonata Jordan 191 trovandola subito eccellente. L'ex pilota racconta in prima persona tutte le sensazioni dei primi passi del team di Eddie Jordan in Formula 1.

GP Russia: Norris, prima pole della carriera! Prime

GP Russia: Norris, prima pole della carriera!

Lando Norris riporta la McLaren in pole position e si prende la prima posizione nelle qualifiche del GP di Russia di Formula 1. Al suo fianco l'inglese trova la Ferrari di Carlos Sainz. Terzo il solito sorprendente Russell, davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton

Formula 1
26 set 2021
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Formula 1
25 set 2021
Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Formula 1
25 set 2021
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021