Allarme Mercedes: "Se non risolviamo il blistering siamo nei guai"

Mercedes sapeva di andare in contro a un weekend difficile a Silverstone a causa del blistering, ma è stato peggio del previsto. E ora si teme per la gara del Montmelo, dove le temperature saranno ancora molto alte.

Allarme Mercedes: "Se non risolviamo il blistering siamo nei guai"

"Brackley, abbiamo un problema". La Mercedes esce dal secondo fine settimana di gara a Silverstone con qualche crepa nelle proprie fondamenta, che sino alla passata settimana sembravano più che solide, inattaccabili.

Le W11 hanno mostrato segni di debolezza che, in apparenza, sembravano non avere. Dalla gara di ieri è apparsa la sofferenza inattesa dovuta al blistering che ha di fatto minato la corsa di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, dando una chance - sfruttata perfettamente e con grande merito - da Max Verstappen e dalla Red Bull.

In casa Mercedes il timore c'è, e non è nemmeno celato. In questo fine settimana la F1 approda al Montmelo, in Catalogna, regione spagnola che offrirà un'altra pista impegnativa e temperature che potrebbero ripresentare la situazione vista ieri pomeriggio a Silverstone.

Andrew Shovlin, capo ingegnere della Mercedes, ieri pomeriggio è stato chiaro nelle sue dichiarazioni. Il team sapeva di andare incontro a una gara meno facile del previsto, e sa bene che, con così poco tempo tra una gara e l'altra, trovare una soluzione che consenta alle W11 di non soffrire più di blistering potrebbe risultare un'impresa proibitiva nel breve periodo.

"Sapevamo che il blistering sarebbe stato un problema. Lo sapevamo dalla settimana scorsa. Sappiamo che a certe temperature sarebbe potuto accadere, per cui non èstata una sorpresa per noi", ha dichiarato Shovlin.

"La vera sorpresa per noi è che ha avuto un effetto molto, ma molto peggiore rispetto alle nostre aspettative. Red Bull, inoltre, sembra cavarsela molto meglio da quel punto di vista. E questa è una cosa che dobbiamo cercare di capire. Perché ci sono state altre gare in cui tutti siamo stati sulla stessa barca, ma perché ora siamo i peggiori? Non ho una risposta".

"Questo sarà un problema che potrebbe ripresentarsi anche a Barcellona. Andiamo lì martedì e inizieremo a girare venerdì. Le temperature dovrebbero essere sui 30°, la pista sarà sicuramente calda ed è una pista che genera tante energie".

Pirelli tornerà a proporre le tre mescole più dure per il fine settimana di gara del Montmelo e questo potrebbe migliorare la situazione della Mercedes.

"Qualora non dovessimo risolvere il problema, avere le gomme C1 potrebbe aiutarci. Però dovremo comunque fare i conti con mescole con cui abbiamo faticato. Abbiamo notato una Red Bull non lontana da noi anche quando siamo stati al nostro massimo. Se non facciamo progressi saremo nei guai anche in Spagna".

Spesso Mercedes ha fatto vedere reazioni efficaci in poco tempo. Ricordiamo infatti gare disastrose come Singapore e Messimo 2018.

"Quando abbiamo avuto gare pessime, siamo riusciti a imparare molto sulle prestazioni della nostra monoposto. E ci siamo anche resi conto che esistono meccanismi che nemmeno avevamo tenuto in considerazione. Da quelli, abbiamo capito come sviluppare le monoposto future. Però devo dire che dal problema attuale non abbiamo imparato. Non è un problema semplice da risolvere".

"Questo non è un problema già verificatosi negli anni passati. La monoposto di quest'anno, in generale, è un'evoluzione di quella dell'anno scorso. Non ci sono aree in cui abbiamo davvero cambiato filosofia, abbiamo solo spinto sui percorsi di sviluppo. In questo momento, non abbiamo capito quale sia il nostro problema".

condivisioni
commenti
Hulkenberg spiega: "Ecco perché ho dovuto fare la terza sosta"

Articolo precedente

Hulkenberg spiega: "Ecco perché ho dovuto fare la terza sosta"

Prossimo Articolo

Report F1: Mercedes superba o si riapre la corsa al mondiale?

Report F1: Mercedes superba o si riapre la corsa al mondiale?
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021