Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
106 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
140 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
154 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
182 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
189 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
203 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
210 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
239 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
246 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
260 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
273 giorni

Alfa Romeo C39: superato il crash test, il muso è ok

condivisioni
commenti
Alfa Romeo C39: superato il crash test, il muso è ok
Di:
18 gen 2020, 10:53

La squadra di Hinwil ha ottenuto dalla FIA l'omologazione della scocca 2020, dopo aver fallito nei giorni scorsi la prova di crash anteriore nel tentativo di deliberare un muso estremo. Sono bastati pochi interventi per rientrare nei vincoli di sicurezza normativi.

Anche l’Alfa Romeo ha omologato il telaio della C39. La squadra di Hinwil ha dovuto ripetere la prova frontale perché aveva portato a Bollate una soluzione di naso molto estrema che non aveva superato il crash dinamico, ma ora è tutto a posto.

È nella concezione dello staff tecnico del “Biscione” evolvere un muso molto spinto, seguendo i dettami aerodinamici più efficienti. Pur disponendo del powertrain Ferrari, la monoposto disegnata da Luca Furbatto aveva orientamenti che in certe scelte hanno seguito i concetti della Mercedes campione del mondo.

La C38, infatti, ha adottato il cape (il “mantello di Manta” sotto al muso) ben prima di quanto abbia poi fatto la squadra di Maranello in occasione del GP di Singapore, privilegiando un profilo del muso molto stretto con l’estrattore anteriore che si era evoluto con una serie di soffiaggi interessanti alla ricerca di carico aerodinamico sull’anteriore.

Il team diretto da Vasseur ha confermato i due piloti, Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi che sperano di portare il marchio Alfa più in alto nella classifica del mondiale Costruttori di quel nono posto dello scorso anno.

Al momento i team che sono già in ordine con l’omologazione del telaio sono: Racing Point, Ferrari, Williams, Haas e Toro Rosso, ai quali si è aggiunta l’Alfa Romeo.

Da quanto ci è dato sapere la Mercedes deve completare una prova posteriore, mentre devono ancora ottenere l’ok FIA Red Bull, Renault e McLaren che, quanto meno, non hanno ancora fatto annunci in materia.

Scorrimento
Lista

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, al GP d'Italia del 2019

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, al GP d'Italia del 2019
1/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il volante di Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Il volante di Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
2/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
3/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
4/8

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing
5/8

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Alfa Romeo C38: ecco il cape con i curiosi soffiaggi

Alfa Romeo C38: ecco il cape con i curiosi soffiaggi
6/8

Foto di: Giorgio Piola

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
7/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio dello specchietto

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio dello specchietto
8/8

Foto di: Giorgio Piola

Video correlati

Prossimo Articolo
AlphaTauri: la Toro Rosso STR15 ha passato i crash test

Articolo precedente

AlphaTauri: la Toro Rosso STR15 ha passato i crash test

Prossimo Articolo

Fratricidio! Chi sarà il Caino fra i Marquez e i Leclerc?

Fratricidio! Chi sarà il Caino fra i Marquez e i Leclerc?
Carica commenti