Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Alesi: "Il miglior modo di dire addio alla Ferrari"

Il test di ieri a Fiorano sulla SF71H, a 30 anni dal debutto in Rosso di papà Jean, è stato anche il saluto alla Ferrari del francese, che ora si dedicherà ad un programma di gare in Asia. Prima uscita anche per Armstrong, ma ad impressionare è stato Shwartzman.

condivisioni
commenti
Alesi: "Il miglior modo di dire addio alla Ferrari"

E' stato un debutto, ma anche un addio. Ieri Giuliano Alesi è salito su una Ferrari di Formula 1 a 30 anni da quando suo padre Jean è stato pilota del Cavallino per la prima volta. Il 22enne francese ha guidato una SF71H in un test organizzato dalla FDA a Fiorano, portando sul musetto lo stesso numero 28 di papà Jean. Una grande emozione, che gli ha permesso di chiudere in bellezza la sua avventura in Rosso, visto che ora lo attende un futuro in Asia.

"Vorrei ringraziare la Ferrari e la FDA per questa fantastica opportunità. Essere in grado di entrare nell'abitacolo della SF71H è stato incredibilmente emozionante, così come lo è stato guidare l'auto in pista con mio padre che mi guardava con il suo stesso numero di gara", ha detto Alesi.

"In termini di maneggevolezza, la vettura non è troppo difficile da guidare, ma la potenza è stata sorprendente e sembra non finire mai. Anche l'immediatezza e l'efficienza della frenata sono impressionanti. Questo test è stato il miglior modo possibile per me di dire addio alla Ferrari. Ora una nuova avventura mi aspetta in Asia e non vedo l'ora che inizi", ha aggiunto.

Marcus Armstrong, Ferrari SF71H

Marcus Armstrong, Ferrari SF71H

Photo by: Federico Basile / Motorsport Images

Dopo il francese, è stata la volta di Marcus Armstrong. Anche per il neozelandese si trattava del debutto assoluto al volante di una monoposto di Formula 1, che è diventato il secondo pilota della sua nazione a guidare una vettura del Cavallino dopo Chris Amon. Anche per lui è stata un'esperienza da ricordare.

"Ovviamente questo era un giorno speciale della mia vita ed è andato esattamente come mi sarei aspettato. Questo non significa che mi sia divertito di meno! Essere al volante di una macchina di Formula 1 per la prima volta è sempre qualcosa di magico e quando la macchina è una Ferrari, allora è davvero indimenticabile", ha detto Armstrong.

Leggi anche:

"La gente dice sempre che la frenata è l'aspetto più impressionante e questo è stato il caso, ma anche la deportanza aerodinamica, la velocità nelle curve, lo sterzo, la potenza e i perfetti cambi di marcia sono tutti su un altro pianeta rispetto alle altre categorie di corse".

"Vorrei ringraziare la Ferrari e la FDA per aver reso possibile questo giorno e non vedo l'ora di saltare di nuovo su una macchina di Formula 1 in futuro".

Ultimo, ma non per importanza, è salito in macchina Robert Shwartzman. E bisogna dire che il pilota russo è quello che ha stupito di più, anche perché per lui non si trattava del debutto assoluto, visto che aveva già avuto modo di guidare la SF1000 in occasione degli Young Driver Test di Abu Dhabi. Le sue prestazioni però sono state decisamente interessanti.

"Guidare una Ferrari di Formula 1 è sempre un privilegio e devo ammettere che stavo cominciando a sentire la mancanza di quella sensazione: insieme alla squadra, abbiamo lavorato su un programma volto a migliorare la mia capacità di fornire feedback agli ingegneri e spero di aver fatto un buon lavoro nel fare ciò che mi è stato chiesto", ha detto Shwartzman.

"Per quanto mi riguarda, questo è stato il miglior modo possibile per tornare a guidare nel nuovo anno. Mi sono subito sentito a mio agio in macchina e con la squadra, visto che non è passato nemmeno un mese dall'ultima volta e la sensazione è stata buona per tutti i giri che ho fatto".

"Ora è il momento di concentrarmi sul campionato di Formula 2 con il team Prema, ma spero di avere un'altra opportunità di sedermi di nuovo su una Ferrari il più presto possibile", ha concluso.

Robert Shwartzman, Ferrari SF71H

Robert Shwartzman, Ferrari SF71H

Photo by: Federico Basile / Motorsport Images

Montezemolo: "Schumi già nel 2005 era psicologicamente stanco”

Articolo precedente

Montezemolo: "Schumi già nel 2005 era psicologicamente stanco”

Prossimo Articolo

Ferrari: il ritorno di Leclerc al volante della Rossa a Fiorano

Ferrari: il ritorno di Leclerc al volante della Rossa a Fiorano
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento Test Ferrari
Sotto-evento Lunedì
Piloti Giuliano Alesi , Robert Shwartzman , Marcus Armstrong
Team Ferrari
Autore Matteo Nugnes
Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021
Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda Prime

Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda

L'accordo tra la Red Bull e la Casa giapponese per gestire in autonomia le power unit Honda a partire dal 2022 avrà benefici anche a lungo termine consentendo al team diretto da Horner di giocare allo stesso livello dei costruttori generalisti.

Formula 1
22 feb 2021