Accordo FIA-Ferrari: pietra sul passato, garanzia sul futuro

La Federazione ha chiuso l'indagine sulla power unit Ferrari 2019 e ci ha messo una pietra tombale sopra. Il team di Maranello si è messo a disposizione della FIA per contribuire al controllo della power unit nei prossimi anni. E così il Cavallino si è anche messo al riparo dai possibili attacchi futuri degli avversari.

Accordo FIA-Ferrari: pietra sul passato, garanzia sul futuro

La FIA e la Ferrari hanno siglato la pace. La Federazione Internazionale ha emesso un comunicato per annunciare che “…dopo approfondite indagini tecniche, è stata conclusa l’analisi sul funzionamento della power unit di Formula 1 della Scuderia Ferrari e si è trovato un accordo con il team. Le specifiche dell'accordo rimarranno segrete tra le parti”.

“La FIA e la Scuderia Ferrari hanno concordato una serie di impegni tecnici che miglioreranno il monitoraggio di tutte le power unit nei prossimi campionati, oltre a supportare la Federazione in altri aspetti normativi in Formula 1 e nelle sue attività di ricerca sulla riduzione delle emissioni di carbonio e l’introduzione di combustibili sostenibili”.

La Ferrari, dunque, vuole dare un impulso allo studio del motore del futuro e dei carburanti sintetici per dare una spinta alla ricerca che non è vincolata solo all'elettrico, ma deve trovare una fase di transizione per l'automotive prima che la rete per supportare una motorizzazione a emissioni zero possa essere matura.

La Casa di Maranello si mette a disposizione della FIA nella ricerca sulla riduzione delle emissioni in carbonio, sigla una pace tombale sulle polemiche legate al motore dello scorso anno e guarda al futuro con grande fiducia perché i motoristi del Cavallino hanno sottoposto ai commissari federali le soluzioni che la power unit siglata 065 adotterà a Melbourne che sono state preventivamente approvate.

Se la Mercedes avrà il DAS, la Ferrari potrà fare affidamento su un sistema di sfruttamento dell’ibrido che sarà più esteso nell’arco di un giro. Ciascuno avrà la possibilità di giocare le sue carte in pista senza subire i polemici attacchi ai quali abbiamo assistito nella seconda parte dello scorso anno.

E si è creato anche uno sbarramento contro gli strali della Red Bull che nel 2019 aveva lasciato intendere l’esistenza di soluzioni irregolari sul motore della Ferrari.

Analizzando la conclusione dei test a Barcellona viene da credere che se la Mercedes ha avuto problemi di affidabilità per i guai di lubrificazione per cui Bottas e Hamilton non hanno espresso il vero (enorme) potenziale della W11, la Ferrari non ha mostrato cosa la power unit di Maranello sarebbe in grado di esprimere in pista.

Le basse velocità massime sul rettilineo della SF1000 in parte sono dovute al drag prodotto dalla macchina, ma in parte erano dovute a un motore che non ha mai girato in configurazione da vera qualifica. Quella la scopriremo solo a Melbourne…

condivisioni
commenti
Hamilton è sibillino: "Preoccupato, ma fiducioso"
Articolo precedente

Hamilton è sibillino: "Preoccupato, ma fiducioso"

Prossimo Articolo

Test F1 Barcellona, Day 3: Verstappen mette paura alla Mercedes

Test F1 Barcellona, Day 3: Verstappen mette paura alla Mercedes
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021