Abu Dhabi, Libere 1: Vettel vuole cancellare la maledizione di Yas Marina

La Ferrari subito competitiva sulla pista dove non ha mai vinto: Vettel è stato il più veloce nel primo turno di prove libere del GP di Abu Dhabi davanti a Hamilton (Mercedes) e Verstappen (Red Bull) a poco più di un decimo.

Sebastian  Vettel vuole dare continuità al successo del GP del Brasile: il tedesco è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP di Abu Dhabi con il tempo di 1'39"006 ottenuto con le gomme a mescola Ultrasoft, una prestazione ad appena sei decimi dal record della pista di Yas Marina che Hamilton detiene dal 2011quando guidava la McLaren MP4-26 a motore Mercedes.

La Ferrari vuole cancellare la "maledizione" di Yas Marina dove la Rossa non ha mai vinto e, una volta tanto, la SF70H è sembrata messa in pista con le soluzioni giuste dall'inizio, senza dover inseguire la concorrenza come è accaduto spesso durante il campionato. Vettel ha girato con una macchina in configurazione standard, mentre Kimi Raikkonen si è dedicato allo sviluppo di un nuovo diffusore posteriore (in stile Red Bull) che poi è stato tolto dopo che sono state fatte tutte le comparazioni in vista del 2018.

Iceman poteva essere vicino al compagno di squadra, ma ha commesso un errore nell'ultimo tratto della pista (dove Vettel ha fatto la grande differenza, mostrando incredibili doti di trazione) per cui si è dovuto accontentare del quarto posto nella graduatoria della sessione a mezzo secondo da Sebastian.

La seconda piazza è stata ottenuta da Lewis Hamilton che con la Mercedes è arrivato a 1'39"126 con le Ultrasoft, dopo aver stupito per il passo che riusciva a tenere con le Soft quando il tracciato era ancora "green". Il campione del mondo, che si è fermato a 120 millesimi dalla Ferrari, ha ottenuto la sua prestazione prima del tedesco, quando l'asfalto non era ancora gommato.

Dietro alla freccia d'argento si è affacciata la Red Bull RB13 di Max Verstappen: l'olandese è arrivato ad appena 28 millesimi dalla Mercedes segno che la monoposto di Milton Keynes sembra avere le basi per sfidare i due top team per la vittoria visto che è arrivato a 1'39"154, vale a dire a 148 millesimi dalla Rossa.

I tre top team sono raccolti in un niente, segno che l'ultimo appuntamento del mondiale sarà molto combattuto.

Kimi Raikkonen abbiamo detto che è quarto davanti a Valtteri Bottas che non ha entusiasmato con la sua quinta piazza: va segnalato che la Mercedes ha montato l'Halo sulla W08 del finlandese per l'ultimo run del turno, andando in controtendenza con gli altri team che l'hanno usato sempre a inizio sessione.

Hanno usato la nuova protezione della testa anche Antonio Giovinazzi con la Haas e Marcus Ericsson con la Sauber.

La sesta piazza è stata ottenuta dall'ottimo Sergio Perez con la Force India: il messicano paga però 1"2 da Vettel dimostrando come ci siano due mondi distinti in F.1 fra i top team e gli "altri". Dietro alla VJM10 spunta Fernando Alonso con il tempo di 1'40"522: lo spagnolo è seguito come un'ombra dal compagno di squadra Stoffel Vandoorne staccato di un batter di ciglia dal capitano della McLaren-Honda.

La top ten è completata da Felipe Massa con la Williams e da Daniel Ricciardo con la Red Bull: l'australiano ha lavorato con un programma diverso da quello di Verstappen e ha fatto un lungo nel giro buono con le Ultrasoft.

Positiva la prestazione di George Russell sulla Firce India di Esteban Ocon: il giovane pupillo della Mercedes ha finito 11esimo, precedendo la Haas di Romain Grosjean. Il francese tanto per cambiare è andato a sbattare con il posteriore contro le barriere, ma è riuscito ad arrampicarsi al 12esimo posto, mentre l'atteso Antonio Giovinazzi ha sprecato l'opportunità di sfruttare le gomme Ultrasoft con un innocuo testacoda che, però, non gli ha permesso di andare oltre il 18esimo tempo. Peccato...

Lance Stroll è 13esimo con la seconda Williams: il canadese ha lavorato a lungo con le Soft e non ha cercato la prestazione. Bene Pierre Gasly con la Toro Rosso 14esima davanti alla Renault di Carlos Sainz, mentre Brendon Hartley ha lavorato solo in funzione della gara sapendo che dovrà sostituire un'altra MGU-H prima della qualifica per cui pagherà 10 posizioni sulla griglia.

Pascal Wehrlein ha portato la Sauber al 16esimo posto con Marcus Ericsson 19esimo.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 23 1'39.006     201.951
2 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 25 1'39.126 0.120 0.120 201.706
3 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 15 1'39.154 0.148 0.028 201.649
4 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 22 1'39.518 0.512 0.364 200.912
5 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 30 1'39.741 0.735 0.223 200.463
6 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 24 1'40.293 1.287 0.552 199.359
7 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 20 1'40.522 1.516 0.229 198.905
8 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 15 1'40.569 1.563 0.047 198.812
9 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 27 1'40.723 1.717 0.154 198.508
10 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 29 1'40.773 1.767 0.050 198.410
11 35 united_kingdom George Russell  Force India Mercedes 26 1'41.131 2.125 0.358 197.707
12 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 24 1'41.306 2.300 0.175 197.366
13 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 27 1'41.581 2.575 0.275 196.832
14 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Renault 29 1'41.646 2.640 0.065 196.706
15 55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 23 1'41.748 2.742 0.102 196.509
16 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 26 1'41.752 2.746 0.004 196.501
17 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 26 1'41.864 2.858 0.112 196.285
18 50 italy Antonio Giovinazzi  Haas Ferrari 21 1'42.065 3.059 0.201 195.898
19 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 28 1'42.344 3.338 0.279 195.364
20 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Renault 35 1'42.585 3.579 0.241 194.905

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Abu Dhabi
Sub-evento Venerdì, prove libere 1
Circuito Yas Marina Circuit
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Prove libere